• Pubblicata il:
  • Autore: Lucciola fra le mano
  • Pubblicata il:
  • Autore: Lucciola fra le mano

Banane al cioccolato



Mi chiamo Roberta e l'episodio che sto per raccontare mi ha permesso di scoprire nuove dimensioni della sessualità.

Ero in vacanza in Sardegna con Arturo il mio attuale compagno e quella mattina al contrario di sempre non me la sentivo di andare al mare; mi sentivo indisposta perciò lasciai che lui andasse senza di me.
La causa probabile era da ricercare nel Metamucil un prodotto a base di semi di psillio utile in casi di stitichezza, della quale soffrivo da alcuni giorni dato il cambio di aria e di abitudini.
La sera prima di coricarmi avevo assunto, come da posologia, la dose consigliata e adesso man mano che le ore passavano aumentava la pressione intestinale oltre che il volume della mia pancia, solitamente piatta.
Al principio ho cercato di resistere pensando si trattasse di indisposizione passeggera.
Alla fine sono dovuta letteralmente correre in bagno, mi sembrava di dover scoppiare, mi sono seduta sul water, un lungo scroscio di urina poi ho iniziato a spingere; sentivo il buchino che bruciava, spingevo con tutte le mie forze ma niente; poi finalmente il primo stronzo ha fatto capolino, lungo, grosso e sano.
Un grugnito e...vai.
Il tonfo mi ha perfino schizzato l'acqua del water sulla figa.
Ho ripreso fiato, e a spingere, era duro.
Con la mano mi divaricavo la chiappa per aiutare quel tappo a uscire.
Questo non era così lungo come il primo ma bello grosso si.
Andò a fare compagnia al fratellone.
Mi sentivo sollevata, stavo meglio; ero sul bidet quando la pancia ha ricominciato a brontolare, un lungo peto e la pressione, fortissima, si è concentrata sul buco del culo.
Mi sono riseduta sul water, ho preso fiato e lentamente ho allentato lo sfintere.
Ora non provavo più male ma un calore intenso, piacevole che mi avvolgeva, un compendio di ogni delizia si stava concentrando nel retto, una vera libidine.
Tolto quel tappo il contenuto dell' intestino ebbe via libera.
Guardando fra le gambe vedevo un lungo flusso morbido che mi usciva dal culo e torcendosi ricopriva totalmente la carta igienica.
Mi sono stretta un seno, ho iniziato a strizzarmi il capezzolo e un gran calore mi è sceso nella figa.
Mentre la mia pancia si svuotava, il cesso si riempiva, cagavo senza soluzione di continuità, il culo mi pizzicava mentre la merda fluiva densa e profumata a riempire la tazza.

Ora finalmente mi ero svuotata osservai il risultato di tutto ciò: un coacervo brunastro frammisto a petali di carta; temevo di aver intasato il cesso tanta era la quantità; infatti tirando piano lo sciacquone anzichè scendere il livello aumentava decisi quindi di chiamare Arturo anche con un secondo fine che mi era balenato in mente dopo questa prestazione.
Lui corse subito allarmato dal tono della mia voce.
Sconcertato dallo spettacolo lo misi a conoscenza di ciò che era accaduto:

"Hei! Ma cosa mi stai dicendo? Perché tutti questi particolari?"
"Perché voglio farti arrapare, sciocco."
"Confesso che mi hai messo addosso una gran voglia di entrare a visitare il tuo culo." Disse.
"Dopo, ora aiutami a pulire."

Facemmo scendere piano l'acqua e subito gli stronzi cominciarono a galleggiare in mezzo a tutta quella carta, per fortuna prima di tracimare con un gorgoglìo sordo il cesso inghiotti tutto.

Lo guardai con uno sguardo da gattona come a dire:
"Allora? Che si fa?"
"Vieni, andiamo sul letto. Inginocchiati...così brava, appoggiati sugli avambracci e poggia la testa sul cuscino...un po' più indietro col culo...così, perfetto."
"Oh! Si dai! Inculami!"
Mi si pose dietro, mi allargò le chiappe restando un attimo ad ammirare il fondo del mio culo, la rosetta palpitava.
Affondò la faccia in quella meraviglia cominciando a frugare con la lingua fra le crespe dello sfintere che penso, conservasse ancora l'aroma della battaglia appena conclusa.
"Così! Dai porco puliscilo bene." Lo incitavo arrochita scodinzolando le natiche.
Difficile resisterle.
Mi si pose un po' sopra cercando con le mani le tette e ci si abbrancò, poi piegando le ginocchia indirizzò il cazzo su quel formidabile buchetto.
Lento si accoccolò forzandolo e subito lo accolsi; lo sentii sparire in quel budello affamato di carne umana fino a toccare con i coglioni i peli della figa
Cominciò a pompare piano su e giù, all' unisono con i miei sospiri. Dio che inculata!!
Fuori dalla finestra un rumore di un auto e il cinguettio degli uccellini, e noi immersi nella più totale lussuria.
Arturo, mi disse poi, non poteva fare a meno di pensare a me e a tutto ciò che avevo generato dentro quel gabinetto. La cosa lo faceva ingrifare.
Rapace accelerò il ritmo.
"Si, si, si, dai maiale, così, più forte!"
Le palle battevano contro le mie chiappe in un concerto triviale.
Avvicinò il viso al mio inebriandosi al profumo dei miei capelli e sussurrandomi porcate mentre spingeva l'uccello nel fondo delle mie viscere.
E finalmente eccolo, montare come una marea, il godimento fino a quel momento trattenuto.
Tre lunghi fiotti di crema fresca si rincorsero giù per l' intestino a rinfrescarmi quella fornace.

Giacemmo spossati uno sull' altra; appoggiato alla mia schiena nuda respirava il profumo di crema solare che emanava.
Dopo alcuni minuti rinculò piano per sfilarsi e sentì una pressione che gli premeva sul cazzo:
erano i miei gas intestinali che si liberarono con un lungo, rumoroso peto trascinando fuori anche un rivolo del suo piacere.

Mi scuso se lo stile crudo può aver turbato la sensibilità di qualcuno ma ho cercato di essere precisa nel descrivere questo mio primo tipo di esperienza.
Un bacio!

Vota la storia:




30/09/2014 16:11

mirko

cara lucciola dopo aver letto il tuo racconto mi verrebbe da mandarti a cagare per il racconto di merda che hai scritto! ma non vorrei che tu , dopo aver letto il mio commento, ci andassi subito, per poi scriverci i dettagli della suddetta cagata. quindi non ti ci mando! ma siccome prima o poi tornerai a cagare, perche' e' fisiologico , ti dico con energia: ma vai a cagare senza scriverci su stronzate come questa!!!!!!

30/09/2014 15:52

piero

si questo racconto e' davvero bello ed eccitante! menomale che l autrice si e' fermata sui particolari molto eccitanti dei prodotti dell intestino! di sicuro non e' una cagata di racconto ma bensi un racconto di cagata!! davvero complimenti! siamo quasi ai livelli di porco in albergo, che comunque rimane ineguagliabile!

30/09/2014 15:44

aldoetero

eh cari amici qui siamo su livelli alti di raffinatezza ed eleganza! una scrittura complessa ma capace di suscitare emozioni forti ! in pratica questo racconto fa schifo, o meglio fa cagare!!! non ho la certezzza, ma solo il dubbio che tu sia anche un gay mascherato da femmina ! ma e solo un ipotesi!

30/09/2014 13:51

MAX

Che dire,sono estasiato da cotanta sensualità così ben descritta con dovizia di particolari...l'eccitazione trasmessami da questo bel racconto è pari solo al ricordo del fantastico amplesso narrato da Eleonara,l'autrice di "Porco in albergo" (a pag 6)

16/12/2014 00:35

losco

Che storia di merda!!

02/10/2014 09:41

aldoetero

Ciao camillo 2 ! ci vediamo il 15 ottobre al Simposium! Son contento di questa manifestazione culturale e son contento che hai letto questa meravigliosa opera! Non potevi perderti un opera del genere!

01/10/2014 19:05

Camillo 2

Grazie Max , Grazie della fiducia che riponi in me; L'oh letto, vi ho dato ascolto; Grazie, grazie e mille volte grazie per avermi spronato a leggerlo. Forte dei miei lunghi studi, di Umanistica, posso affermare che quest'opera merita d'essere divulgata su tutta la terra affinché l'uomo nella sua quotidiana lotta per la vita, possa trovare la forza interiore per vincerne i tremendi ostacoli che gli impediscono la via alla sognata serenità. Crazie Max grazie aldoetero, grazie piero , voi mi siete di grande conforto, grande. Nel Simposium che si aprirà il 15 ottobre pv, discuteremo seLucciola nelle mani è o no un culattone, a mio avviso ne ha tutti i contorni, Lui incentra tutto sullo sfintere, la fica la tratta en-passant, nemmeno il cinguettio degli uccellini lo distolse dai "profumati" prodotti intestunali. Cmq ne nascerà un'interessantissimi dibattito, ovviamente con l'autorevole presenza dell'autrice. Al 15 ottobre dunque amici. Cordialità a voi tutti e....una straordinaria imprecazione agli USA ..maledetti americani...-

01/10/2014 14:23

piero

impreparato sarai te max. questo racconto non e all altezza di porco in albergo! non diciamo cazzate o stronzate! si, e' bello, interessante, ma non e eccellente come porco in albergo! camillo 2 ti consiglio di leggere questo racconto! ne uscirai arricchito ma sicuramente non quanto porco in albergo. te max non hai ancora capit o la meraviglia di porco in albergo! guai a chi mi critica quel racconto! quasi piangevo di gioia quando l ho letto la prima volta!

01/10/2014 03:33

max

No Camillo 2 non farti condizionare da lettori impreparati e superficiali, questo racconto breve e sublime io lo giudico almeno pari a "porco in albergo",se possibile scritto ancor meglio anche se forse più banale nei contenuti... Inoltre vi e' una questione da ordine morale da dirimere poiché qualche lettore ha insinuato che l'autrice possa essere un cula,e solo uno della tua esperienza può smentirlo.

01/10/2014 00:46

Camillo 2

Non l'ho ancora letto, ma è proprio una cagata come dite all'unanimità? Cosa mi consigliate? vorrei correre il rischio e se dopo mi viene la diarrea, cosa faccio, lo devo raccontare alla lucciola? Lei allora potrebbe farne uno sulla diarrea...No, ho deciso, non lo leggerò, però resterà sempre nel mio animo l'amarezza per non aver osato e mi darò del pusillanime. Aimè che vita infame...cia amici. Scusate dimenticavo...maledetti americani

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!