BASTA

Eccomi qua, solo le 11 di sera, con il portatile acceso sulle gambe girovagando sui siti porno e una mano nella fica a masturbarmi… non so che fare: chiamare la reception dell’albergo per far salire un cameriere o fare tutto da sola per poi mettermi a dormire.
Certo l’esperienza dell’altra notte è stata fantastica.
Premetto che mi sono separata da pochi mesi. Ho scoperto il mio ex marito a trombarsi una delle inservienti nel negozio.
Indagando a posteriori, ho scoperto che negli anni si era trombato tutte le commesse che erano passat5e nel negozio, senza lasciarsene sfuggire nessuna… E pensare che non aveva un euro quando l’ho sposato. Mio padre, andandosene in pensione, gli aveva ceduto l’attività di famiglia per toglierlo dalla strada.
Adesso io, separata, poco più che quarantenne, da sola e con una figlia a carico, mi ritrovo a riprendere l’attività commerciale di famiglia per poter vivere.
Ieri sera ho preso una camera d’albergo appena fuori l’autostrada, perché oggi e domani ho alcuni appuntamenti in fiera per motivi di lavoro.
In particolare ieri sera, mi sono intrattenuta la bar con la proprietaria, che saputa la mia storia, mi ha chiesto se volevo compagnia in camera per la notte.
Avevo rifiutato, ma poco dopo essere salita in camera, è venuto un ragazzo circa ventenne anni, che portandomi un caffè mi ha detto che era omaggio della casa, precisandomi che anche lui, se volevo era omaggio della casa.
Poggiato il caffè sul comodino si avvicinava a me, mettendo un ginocchio sul letto. Aveva un jeans ed una maglietta molto attillati. Si leggeva perfettamente la forma del suo membro che sembrava voler schizzare fuori dai pantaloni tanto era enorme.
Si avvicinava sempre di più, tenendo sempre il suo membro ad altezza della mia bocca, oramai ero china sul letto. Ha iniziato a salire sul letto anche con l’altra gamba, puntando sempre il suo cazzo verso di me.
Con la mani ho tentato di allontanarlo, ma nel fare ciò l’ho toccato, involontariamente. Era enorme e durissimo.
Lui senza farselo dire, ha sbottonato il jeans attillato e senza slip facendo uscire una vera meraviglia. Mai visto niente del genere, un cazzo enorme, profumato, depilato e già scappellato. Ha continuato ad indirizzarmelo vero la bocca. Tenevo le labbra ben strette, non volevo prenderlo in bocca… ad un certo punto mi sono arrabbiata, avrei voluto gridare: BASTA!... ma, nel fare ciò, ho aperto la bocca e mi sono ritrovata quel cazzo meraviglioso in bocca.
Ho ceduto.
E quindi ho iniziato a fargli un pompino. Erano mesi che non scopavo. Mio marito con me era sempre molto freddo con me.
Lui muoveva i fianchi per mettermelo meglio in bocca entrando ed uscendo per accompagnare il pompino.
Cercavo di fare del mio meglio con la bocca. Volevo però essere scopata. Infatti, come si mi avesse letto il pensiero, mi ha scostato un poco le mutandine e dalla sottoveste e mi ha messo un dito in fica. Ero tutta bagnata.
Lui ha sfilato il cazzo dalla bocca ed ha preso a trombarmi nella posizione del missionario. Avevo le gambe tutte aperta all’aria… che vigore, non saprei descriverlo. Ad ogni colpo mi sembrava di raggiungere l’orgasmo. In verità dopo poche “botte” e sono arrivata perché era veramente tanta la voglia.
Toltosi il profilattico, mi ha salutato chiedendomi se il caffè era buono… “Ottimo” ho risposto.
Questa sera, la proprietaria dell’albergo ha detto che ci sono 2 ottimi ragazzi garantiti per sesso a tre, ma stavolta non sono offerti dalla casa.
Sono sul letto che mi masturbo scrivendo le mie sensazioni e guardando cazzi neri enormi dai siti porno. Non so decidere se chiamare in camera i due giovani…

Vota la storia:




08/06/2016 17:07

cip

e basta con ste tavanate! Storia puramente inventata !!

06/06/2016 17:50

SEXSEX1

Bella storia, intrigante

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!