Bondage e Trasgressione


Sono Marta, una travesta 50enne amante del bondage, sono molto femminile, sexy e trasgressiva.
Più che una trav mi definisco una trasformista, stavo cercando un uomo amante del bondage per essere "rapita", bendata e legata.
Dopo centinaia di contatti di singoli che cercavano solo sesso catturò la mia attenzione un 45enne molto fantasioso disponibile a realizzare le mie fantasie.
Per circa un mese una fitta corrispondenza poi l' incontro !!
Avevamo stabilito un copione , degno di un film e una scenografia della quale io stessa mi ero preoccupata di realizzare.
Arriva il giorno dell' incontro, è un sabato sera di dicembre, la serata è fredda e la nebbia è fitta. Arrivo sul luogo del "rapimento", è una strada chiusa di una zona industriale in disuso.
Sono le 21:30 , scendo dall' auto e comincio a camminare, sculettando su tacchi a spillo estremi, sento il freddo e l' umidità penetrare il mio corpo, dopo circa 20 minuti arriva il mio uomo !
Che emozione ! E' buio pesto, la nebbia limita la visibilità a meno di dieci metri, vedo a malapena una sagoma avanzare verso di me, è vestito di nero con il capo coperto da un cappello e il viso coperto da un coprivolto , tipo passamontagna .
Mi fermo, ho "paura" , cambio direzione , verso la mia auto parcheggiata un distante, circa a 200 metri, poi mi giro, è sparito !!! Cammino più veloce e lo vedo uscire da dietro una siepe , è fermo , "Chi sei ?" domando, lui non risponde, incrocia le braccia e allarga le gambe, è un duro, chissà come vuole da me ! Poi avanza piano, cambio direzione e cammino velocemente, correre su quei tacchi è impossibile !!
"Adesso basta, fermati!" intima con voce sicura e decisa. Rallento ma non mi fermo, mi giro verso di lui, "Non hai scampo!" urla.
"Va bene , resto ferma, ma non farmi del male!" rispondo, poi mi raggiunge. "Dammi la borsa!" mi intima una volta raggiunta, gliela consegno, dalla tasca dei calzoni estrae una piccola torcia che la usa per controllare il contenuto della borsa, poi punta il fascio luminoso verso di me, prima sul viso,poi lentamente facendolo scendere fino alle scarpe. "Cosa fai da queste parti ?" chiede, "Nulla, stavo camminando per scaldarmi un po', sto aspettando una persona!" rispondo. "Non ci sono abbastanza soldi nella borsa, dammi i tuoi gioielli!" ordina, tolgo il braccialetto e glielo consegno,"Ma questo è falso, non è prezioso!" esclama irritato, poi mi afferra un braccio e mi ordina di andare con lui per controllare se nella mia auto c' è qualcosa di valore, mi strattona , "Avanti troia muoviti o ti prendo a ceffoni!" , eseguo l' ordine "impaurita" .
Arrivati all' auto mi chiede di aprire il baule, continuo a dirgli che non c' è nulla di valore, ma il tipo si incazza , estrae dalla tasca del giubbotto un rotolo di nastro adesivo , largo e di grosso spessore, ne taglia un pezzo e mi tappa la bocca, oppongo una certa resistenza ma poi cedo."Almeno così starai zitta,TROIA!" .
Come da copione, bravissimo ! Sono eccitata.
Controlla il contenuto del baule e cerco di scappare ma quello mi prende , mi lega mani e piedi con il nastro adesivo e mi appoggia sul fianco dell' auto. Cerco di muovermi e di liberarmi ma non ci riesco, il tipo perde la pazienza e mi carica sui sedili posteriori, poi prende dalla mia borsa le chiavi dell' auto , sale , accende il motore e parte.
Io dietro, mugugno e cerco di liberarmi. Dopo circa venti minuti e dopo aver percorso qualche km l' auto si ferma, il tipo scende, sento che apre un cancello scorrevole, risale, guida per qualche metro , ferma nuovamente l' auto e sento il rumore di un portone che si apre , poi l' auto avanza fino a fermarsi.
Conosco bene il posto ( è il mio magazzino ;) ) , veramente un attore nato, bravissimo!!
Mi fa scendere dall' auto, mi libera le gambe dal nastro adesivo e mi porta vicino a delle scaffalature dove ci sono delle corde che utilizza per legarmi saldamente mani e piedi.
Non parla ma ansima, come eccitato, poi comincia a toccarmi le gambe, le cosce e il culo, "Sei una puttana! Chi stavi aspettando in quella strada?....Troia rispondi !" urla, non posso parlare ho il nastro sulla bocca.
"Adesso tolgo il nastro dalla tua bocca da troia, se urli ti riempio di sberle, ci siamo intesi?" annuisco.
Mi lega in posizioni impossibili, sculacciandomi, insultandomi, umiliandomi in tutti i modi possibili, questo almeno per circa tre ore, poi , preso un fallo vibrante , sempre legata e imbagliata mi sodomizza a dovere !!

Vota la storia:




04/05/2013 19:53

eros

..fortissima esperienza!! piacerebbe anche a me viverla nella parte dell'aguzzino.

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!