• Pubblicata il:
  • Autore: GINO IL POLLO
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: GINO IL POLLO
  • Categoria: Racconti orge

DELITTO E CASTIGO – seconda parte – Rovereto (TN)

Il marito ha riso di nuovo, l'ha appoggiata contro il muro e ha tirato fuori il suo membro, mostrandocelo. Era un vero vermone fiappo, ma si è fatto una punturina e in pochi minuti è diventato un cazzone rigido. L'ha montata in piedi davanti a noi, ansimando come un maiale mentre lei piangeva. Dopo aver sborrato, ci ha guardati dicendo che ciascuno di noi doveva fottere sua moglie senza pietà. Gli ho chiesto perché tutta questa commedia e lui ha ribadito che voleva vendicarsi dei suoi tradimenti.
- Quella vacca mi ha abbandonato, dopo avermi spremuto per dieci anni, notte dopo notte, e a 72 anni non ho più la forza. So che è giunto il momento, e non sono così idiota da credere che la mia giovane moglie non mi metterà le corna. Perciò voglio essere io a farmele mettere ... quando e come dico io!
Siamo entrati in azione. Il desiderio di uscire da quell'incubo ha avuto un effetto afrodisiaco su di noi. Ci siamo gettati su di lei, baciandola e leccandola ovunque. Lei ci ha preso i cazzi in bocca a turno, mentre il biondo, che era riuscito finalmente ad avere una bella erezione si è assunto la responsabilità di montarla a smorzacandela. Lara sudava e godeva a ripetizione sotto lo sguardo attento del marito. Poi, io che ce l'avevo un po' più piccolo degli altri, sono possato dietro di lei e l'ho inculata senza neanche il bisogno di lubrificante. Il “panino” l'ha scatenata ancora di più e il suo corpo ha iniziato a tremare in modo strano ed eccessivo. Sembravano più convulsioni che spasmi e sbavava dalle labbra.
Noi guardavamo il vecchio pazzo con la pistola e pensavamo che un ragazzo, uno di noi, avrebbe potuto morire solo una volta nella vita, e che in tre dovevamo disarmarlo e ficcargli l'arma in quel posto. Invece è stata Lara a farci una drammatica sorpresa.
Ha strabuzzato gli occhi ed è svenuta mentre io e il mio socio continuavamo a scoparla in fica e nel culo. Appena il marito se n'è accorto, ha sparato un colpo contro il soffitto e ci ha ordinato di fermarci. Si è precipitato dalla moglie per soccorrerla e io gli ho tolto la pistola. Il biondo ha afferrato il telefonino, ha chiamato il 118, ha scattato alcune foto dei due pervertiti e ha gridato:
- Buon per te, vecchio. Qui ho le tue foto. Se non vuoi essere denunciato, dimenticati di noi e pensa a salvare tua moglie. L'ambulanza sta già arrivando...
Giorni dopo, abbiamo saputo che lei aveva avuto un infarto e che lui si era suicidato per il rimorso.

FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!