Diario di una Mistress 6

Eccomi qua in tutta la mia bellezza e divinità! Mi sono assentata per un po' ma siccome non sono abituata a dare delle spiegazioni non lo farò nemmeno qua... Ma... vi racconterò una delle mie sezioni dei giorni uomo 45 anni, originario di Catanzaro ma vive attualmente a Milano, lui è un imprenditore di un certo calibro... Viene da me per una sezione di rieducazione cerebrale... La rieducazione cerebrale solitamente viene richiesta da uomini o donne volte anche qualche trans ma raramente, che hanno una vita dove prendono continuamente decisioni importanti, persone che hanno un carico di responsabilità elevato nella loro vita e che sono abituati a dominare... Perciò una mistress prima di essere in grado di educare deve essere molto sicura di poterlo fare, perché tra tutte le discipline che seguiamo questa è quella più rischiosa... Ma torniamo al mio schiavo... Lo chiamerò verme poiché non è degno di avere un nome per me. Arrivò il verme, giacca, cravatta, scarpe lucide, capelli perfetti, Rolex sul polso... Guardava dall'alto al basso (era leggermente più alto di me) Mi ha sorriso e allungato la mano per una stretta di mano... ed io... beh io lo subito ricordato chi era che comandava. Alzo la sopracciglia destra, testa alta, gambe semi aperte... incrocio le braccia lasciandolo con la mano sospesa nel vuoto. -Non stringo le mani ai vermi -Scusami padrona non Miss. Abbassa lo sguardo, non sei degno di guardarmi! -Scusami Padrona. Lui ubbidì, abbasso la testa e anche le spalle... prima aveva il petto gonfio... ora non più! La rieducazione è iniziata! -Vai nella stanza nera e spogliati! -Si Padrona, subito. Mentre lui si spoglia ha buttato i vestiti sopra il mobile... Non lo avesse mai fatto! Tiro fuori la mia bacchetta di rattan, è la mia preferita... Gli arrivo da dietro e gli dico di pormi le mani con il palmo rivolto verso l'alto... lui era già nudo e quando mi ha visto con la bacchetta in mano ha avuto subito una erezione... Appena ho la sua mano a portata di bacchetta gli dico: -I vestiti vano piegati e posizionati sopra il mobile in ordine per colore! Ora conta quanti pezzi avevi come indumento! -Si Padrona, 1,2,3,4,5,6,7. -Sbagliato! Le calze sono due perciò sono 8! Ora inizia a contare! -Si Padrona. Inizio a bacchettarlo, lo fatto 8 volte e lui non era ancora sottomesso... ci voleva di più... era uno tosto... -Ora che hai ubbidito ai miei ordini, chinati ai miei piedi e baciali! -Si Padrona. Si eccita ancora di più nel farlo... cosi però era troppo facile... allora decido di portarlo alla croce di Sant'Andrea... -Apri le gambe e le braccia -Si Padrona. Lo lego nella croce e inizio con la sezione di interrogatorio e tortura! Gli faccio tante domande e ad ogni risposta sbagliata era una bacchettata... Se balbettava era bacchettato... Se esitava a rispondere lo bacchettavo! Aveva già tutto il corpo segnato... Vedo che i suoi occhi erano lucidi... stava per piangere, ero preparata anche a quello... I crolli emotivi sono molto comune nelle sezioni di interrogatorio... Mi fermo con la bacchetta... Prendo le piume... Inizio a sfiorare ogni suo segno fatto da me con le piume... accarezzandolo delicatamente... Le piume si ricoprivano del suo sangue... lo avevo bacchettato per quello che si meritava... Metto da parte le piume e vedo che lui era più sollevato... Allora inizio a stuzzicarlo... Con la lingua inizio a sfiorarlo... sempre sopra i segni e tagli... Sentivo il gusto misto di sangue e sudore leccandolo ovunque... Lui si eccitava sempre di più... La sezione però era quasi a termine... non gli era concesso di avere un orgasmo con me... Ero li per alleviarlo di ogni sua responsabilità, di ogni suo peso... Molto uomini hanno bisogno di questo... Una guida... Una persona che gli dica cosa fare e cosa non fare... che sappia punire... e ricompensare... -Bravo verme, sei arrivato qua a testa alta ed ora che te ne vai a testa bassa. Ricordati che quando sarai da me dovrai sempre abbassare lo sguardo e sarò io a condurti. -Grazie mia Padrona, me lo ricorderò sempre.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!