Diario di una Mistress - Brescia

Ciao vermi, vi racconto di una sezione particolare, è durata 2 giorni, il sabato e la domenica. Stavo per trasferirmi in una casa in campagna, ma prima dovevo sistemarla, pulirla, tagliare l'erba, imbiancare ecc... cosi decido di fare un week end di full immersion con alcuni slave, mesi prima avevo iniziato la selezione, mi servivano slave robusti, forti, giovani. Cosi per mesi gli ho incontrati separatamente, messi alla prova e educati. Poi arrivo al week end di "Pulizia" mi faccio venire a prendere dal mio slave personale che vive con me e insieme a lui andiamo ad un sexy shop per attrezzarmi, il sexy shop era anche il punto d'incontro per gli altri slave, cosi ci troviamo tutti li, erano in 7, venuti da tutta Italia. Faccio un po' di shopping, mi compro una croce di Sant'Andrea, 4 fruste diverse, 2 paddle diversi, corde, bende, strap on, ball gag varie, dilatatori e tanti altri giochini... Loro pagano il conto poi andiamo in un negozio di bricolage, li prendiamo l'occorrente per la casa, tinta, scopa, moccio, rastrello, zappa, tutti i prodotti per la pulizia e per la cura del giardino, poi prendo per loro 7 piumini con 7 cucini, bicchieri di plastica, piatti di plastica, carta igienica, bagno schiuma, dentifricio e spazzolini. Ora avevano tutto ciò che serviva per quello week end. Arriviamo nella casa gli faccio mettere tutti in ginocchio tranne il mio slave personale, erano uno di fianco all'altro con la testa chinata, cosi ordino al mio slave di prendermi una frusta, la più piccola con la punta in pelle, gli do dei numeri, slave 1, slave 2... e cosi via... distribuisco i compiti e detto le regole. Compiti: imbiancare le stanze, prima però andava tutto grattato e chiusi ogni buco. Lavare i vetri, pulire gli infissi, togliere le ragnatele, pulire tutte le porte... pavimento, spazzare, lavare, pulire le fughe con il proprio spazzolino, ai più fortunati toccava pulire il bagno, parte esterna? Tagliare l'erba, raccogliere foglie e rami sparsi ecc. Cosi arriviamo alle segrete, andava accuratamente pulita e preparata per le torture, montare la croce di Sant'Andrea, togliere le ragnatele, fissare al muro le catene, montare e preparare ogni struttura. I compiti andavano divisi tra sabato e domenica. Alla sera dopo le 20 nessun compito, solo tortura e solo sabato sera. Io sono rimasta tutto il tempo a controllare i compiti divisi per appunto applicare le regole: Non era pulito bene? Gli frustavo, Erano lenti? Gli davo le scosse, sbavavano la pittura dei muri? Usavo il paddly. All'esterno? Mentre tagliavano l'erba dovevano indossare dei plug in, nudi con la ball gag, mentre io giravo intorno a loro, umiliandoli, rimproverandoli, nel bagno? Mentre pulivano o quando avevano già pulito arrivavo e facevo del pissing su di loro sporcando nuovamente il pavimento cosi dovevano ripulire... Per pranzo mando due di loro insieme a prendere dell'acqua e dei polli arrosto, gli ritiro i piatti e le forchette e gli costringo a mangiare tutti insieme con le mani, seduti per terra nella segreta come delle bestie che erano, domenica mattina? Gli sveglio con la Idropulitrice sparandogli l'acqua fredda mentre dormivano per terra sul loro piumini... dopo di che ordino a 2 di loro di andare al bar a prendere del caffè, poi al supermercato a prendere le uova e del pane. Tornano con la spesa e ordino un altro di loro a preparare le uova strapazzate, mettere in una bacinella e poi avrebbero mangiato seduti a terra dalla bacinella con la forchetta stavolta... Cosi ho organizzato i loro pasti, stessa cosa per il pranzo della domenica... pollo mangiato con le mani seduti a terra. Mentre le sezioni del sabato sera erano suddivise, il mio tempo dedicato ad ogni uno di loro singolarmente era bassato su quanto lavoro aveva svolto e quanto era stato bravo e ubbidiente. Cosi domenica alle 18 avevano portato a termine ogni compito dato da me, si erano divertiti, eccitati, alcuni di loro si erano masturbati in campagna di nascosto, altri erano venuti mentre gli torturavo, con la cera o con le fruste... qualche fetishista ha goduto a massaggiarmi e adorarmi i piedi a fine giornata e cosi via... La casa era pronta per essere abitata e quelli 6 slave avevano vissuto una esperienza indimenticabile, ne volevano ancora e cosi era stato, uno dei 7 slave era il mio personale quindi non faceva testo, ma gli altri 6 sono diventati slave sempre più abituali.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!