• Pubblicata il:
  • Autore: Frank7213
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Frank7213
  • Categoria: Racconti etero

Il Camerino

Sono sotto casa di Elena da un paio di minuti in attesa che scenda, o che mi risponda al messaggio in cui le ho detto che ero arrivato. Mi vibra il telefono in tasca: “vieni su, non sono vestita ancora”. “E ti pareva…”. Scendo dalla macchina e mi avvio verso il portone di casa sua. Lo trovo già aperto e mi faccio due o tre rampe di scale fino al suo appartamento. Suono il campanello e la sento arrivare di corsa dai meandri della casa. La porta si apre e il mio cuore salta un battito. Ele mi compare davanti, bellissima, anche se non ancora truccata e vestita da casa. Indossa una felpa grigia a maniche lunghe un po’ lunga. Le sue cosce tornite e lisce sono fasciate da degli shorts così corti che la felpa li copre e sembra che dalla vita in giù non abbia niente. Per il resto aveva le gambe nude a parte un paio di calzini neri ai piedi e un elastico verde alla caviglia. Mi si avvicina e mi abbraccia dandomi un bacio sulla guancia. –allora dammi il tempo di vestirmi e andiamo, dai vieni- mi dice e mi fa l’occhiolino. Rimango un attimo sconcertato ma entro senza esitare. A parte lei non c’è nessun altro in casa. Passiamo per il salotto e la vedo dirigersi verso camera sua. Come sempre rallento e non la seguo ma lei si gira e con un sorrisetto strano mi dice –bè? Non vieni? Dai fammi compagnia. Così possiamo parlare mentre mi cambio…-. Rimango di stucco davanti a quella richiesta. Io ed Ele eravamo sempre stati buoni amici ma mai niente di più. Sicuramente non abbastanza da stare lì mentre si cambiava. Non che non ci avessi mai provato, quante volte in classe ero rimasto lì a fissarle il culo o a guardarle all’interno della scollatura. Ele è una ragazza stupenda, alta 1.60, capelli biondi, occhi azzurri mare, una terza di seno piena e un culetto che parlava. Quello stesso culetto che ora stavo fissando nonostante stessi combattendo questo impulso. Lei era lì in piedi a passare in rassegna il proprio guardaroba e io cercavo di guardare altro che non fosse il suo corpo. Senza guardarmi mi chiede –allora come ci arriviamo in centro?- -mah io ho la macchina ma trovare parcheggio a quest’ora è un incubo… Pensavo di prendere la metro fino in centro e da lì muoverci tranquillamente- le rispondo mentre la vedo un prendisole rosa senza spalline ed entrare in bagno, lasciando la porta socchiusa. –ok, va bene!- Non riesco a resistere alla tentazione e mi avvicino alla porta. La vedo girata di schiena, attraverso il riflesso dello specchio, che si toglie la felpa grigia buttandola da parte. Resta in pantaloncini e reggiseno fucsia che, dalle mie precedenti osservazioni, sapevo essere coordinato con un bel tanga. Ma velocemente lo sgancia e si toglie anche quello. Si gira a guardarsi allo specchio e io mi ritraggo per non essere visto. Ma lei non mi vede e io guardo ancora. La vedo ammirarsi allo specchio e palparsi una tetta con un dito che girava intorno al capezzolo. Mi mordo il labbro inferiore e stringo il pugno mentre sento il mio cazzo crescere prepotentemente nei miei boxer. –Voglio fermarmi in quel negozio in Via *******…- Ma io non rispondo troppo preso da quello che vedevo, mentre mi palpavo il pacco sempre più grosso. –Fra?- mi allontano di scatto e il più disinvoltamente possibile rispondo –sì?- -ti va bene se mi fermo in quel negozio?- -oh sì certo… scusa mi… mi sono distratto… sì certo perfetto…-. –Hai visto qualcosa di bello?- aggiungo in fretta. Mi posiziono strategicamente in un punto per riuscire a vedere all’interno del bagno. –sì! Ho visto un vestitino che è la fine del mondo… è una vita che mi dico di prenderlo e oggi lo faccio… e poi ne ho bisogno… non so mai cosa mettermi quando esco…-. Do un’occhiata al guardaroba aperto, dove grucce e mensole faticano a rimanere in posizione sotto il peso di tutti i vestiti. –sì… immagino… bella seccatura eh?- rispondo io senza sapere cosa dire. Torno a guardare attraverso la fessura giusto in tempo per vederla tirarsi giù i pantaloncini, intravedendo il tanga fucsia. Sorrido, compiaciuto dell’aver indovinato di nuovo. Ormai sono un esperto della biancheria intima di Elena. Ho una bella immagine del culetto sodo di Elena prima che indossi il prendisole. Dio mi fa impazzire quando se lo mette… Non faccio in tempo a girare la testa per guardare da un’altra parte che lei esce dal bagno. Mi guarda interdetta per un attimo e poi mi sorride come se avesse capito tutto. Fa un giro su stessa per farmi come stava, dandomi l’occasione di osservare le sue tette sballonzolanti. Se prima ero eccitato ora ero veramente arrapato. Quel prendisole le arrivava a malapena a meta cosce ed essendo senza spalline si restringeva all’altezza del seno tenendoglielo sollevato e facendolo apparire ancora più grosso. I suoi capelli biondi mossi le ricadevano su di esso incorniciando quel suo viso d’angelo e quegli occhi azzurri di cui mi sono innamorato da tempo. Mi guarda e mi chiede –Allora? Ti è piaciuto lo show?- deglutisco sperando che non parli di quello che penso e rispondo –sì certo… Sei stupenda come sempre…- Si mette un paio di sandali con un tacco 8 a spillo, prende la borsa e usciamo di casa. La fermata della metro dista un po’ da lì e quindi saliamo in macchina per raggiungerla. Faccio fatica a guardare la strada continuamente distratto da lei che accavalla le gambe nude, baciate dal sole, facendo salire sempre più il prendisole. Si infila gli occhiali da sole e guarda fuori per un po’ apparentemente ignara delle mie occhiate roventi al suo corpo. Trovo velocemente parcheggio ed entriamo in metro. Il nostro vagone è abbastanza pieno e ci ricaviamo un angolino, pigiati uno contro l’altro. Chiacchieriamo del più e del meno finchè lei non mi dice, guardandomi negli occhi con un sorrisetto, –allora? Ho saputo eh?-.
Avvampo di imbarazzo ma cerco di fare il disinvolto
–cosa?- -di te e Carolina, l’altra sera alla festa…-.
C’era stata una festa di compleanno e io e Carolina, dopo qualche drink di troppo, verso metà serata ci eravamo ritrovati nella mia macchina a scopare. Carolina era la sua migliore amica e mi ero fatto un po’ schifo per questo il giorno dopo ma quella sera non avevo resistito. Elena era arrivata col suo ragazzo e avevano passato la sera a pomiciare senza ritegno. Io ero incazzato nero e cominciai a bere, trovando conforto fra le gambe della sua migliore amica. Almeno me l’ero goduta per bene.
–puoi raccontarmi se vuoi…- mi fa lei a bassa voce
Io non volevo, o meglio l’idea mi eccitava da impazzire ma mi vergognavo un po’ a raccontarglielo.
Presi coraggio e ostentai indifferenza e risposi –niente di che… un pompino veloce nei bagni e poi una scopata veloce…-
-davvero? Strano. Lei mi ha detto che come l’hai presa tu alla missionaria l’altra sera non l’aveva mai fatto nessun’altro-
-bè si diciamo che mi sono impegnato…-.
–Immagino…- mi risponde lei con un tono strano.
Decido di provocarla e dici –certo che Carolina è proprio figa, ma è anche un po’ zoccola, eh?- .
Lei ride di gusto e mi risponde –oh sì è vero… ma non sai quanto è divertente provocare voi maschietti…-
Rimango di stucco a questa sua risposta. Elena non era mai stata così con me.
–cioè?- riprendo, interessato.
- Beh… è divertente sapersi osservate da occhi vogliosi. Tipo, io so che da anni tu mi guardi le tette. E anche il culo, credo. Sulle tette sono sicura, lo vedo -.
Rimango a bocca aperta, imbarazzato e allo stesso tempo eccitato dalle sue parole.
Lei scoppia di nuovo a ridere e scuote la testa.
C'è qualcosa di strano però. Lei non è mai stata così con me. È sempre stata la brava ragazza, imbarazzata quando si parlava di sesso. E ciò mi insospettisce.
La metro ha un sobbalzo e il mio occhio cade inevitabilmente nella sua scollatura qualche decina di centimetri più in basso rispetto al mio volto. Fra i discorsi di un momento fa e le sue tette praticamente a disposizione del mio sguardo, sento nuovamente la mia erezione crescere nei pantaloni e premere contro la sua coscia, involontariamente.
Lei fa un sorrisetto e dice –uhmm… vedo che apprezzi ancora comunque…- con lo sguardo puntato sul mio pacco gonfio, strusciandosi contro lievemente.
Mi scosto immediatamente e dico –ma che hai, stamattina?-
-Ma niente- fa lei –si scherza! Come sei serio oggi…-.
Non capisco se fa sul serio o se è solo un modo per prendermi in giro, sfruttando i miei, ormai noti, punti deboli. Finalmente arriva la nostra fermata e scendiamo dal treno. Arriviamo alla scala mobile che ci riporta in superficie e, cavallerescamente, faccio salire prima lei. Lei mi guarda con un sorrisetto come se avesse intuito un mio secondo fine e sale sul gradino. Effettivamente così facendo mi ritrovo il suo culo vicino al volto ma cerco di tenere lo sguardo ad altezze non sospette.
Il negozio non dista molto e dopo qualche minuto varchiamo la soglia, dando inizio al peggior supplizio che un uomo possa sopportare: shopping. La vedo andare avanti e indietro per il negozio, guardando ogni singolo capo. Perché è vero che sa già cosa vuole comprare ma non può certo esimersi dal dare un’occhiata a tutta la collezione primavera-estate e già che c’è portarsi avanti sfogliando il catalogo di quella autunnale. Finalmente la vedo tornare verso di me con in braccio il tanto sospirato vestitino e un bikini. L’accompagno al camerino e mi ci piazzo davanti per far capire che era occupato. Con la coda dell’occhio mi accorgo che non ha tirato del tutto la tendina, lasciando uno spiraglio di dieci centimetri. La vedo sfilarsi in un attimo il prendisole e sostituirlo con il vestitino nero, cortissimo, che le copriva a malapena il culo. Si guarda un attimo allo specchio, fa un giro su se stessa e poi apre la tendina. –Allora?- mi chiede lei sorridente. È stupenda, e cerco di resistere all’impulso di spingerla nel camerino e prenderla lì contro lo specchio. Balbetto qualche complimento mentre sentivo il pacco che mi si rigonfiava. La vedo sorridere, intuendo cosa mi stesse succedendo dalla vita in giù e mi dice–va bene allora, mi provo ancora questo bikini e poi andiamo. Sbircia quanto vuoi!-. Rimango a bocca aperta ma non me lo faccio ripetere due volte. Si sfila in fretta il vestitino rimanendo solo con il tanga fucsia sotto e i sandali. Dopo un attimo si toglie anche il tanga, rimanendo completamente nuda, e si infila il pezzo di sotto del bikini. Questo era di un rosso acceso e senza spalline e conteneva a stento la sua terza di seno. Riapre la tendina, anche se non ce n’era bisogno e si lascia ammirare per bene.
-Allora ti piace?- -Ele sei incredibile…-.
Lei mi squadra da capo a piedi, compiaciuta dell’effetto che mi faceva, indugiando con lo sguardo sul mio pacco. La vedo mordersi il labbro inferiore, indecisa. Si sporge un attimo fuori dal camerino e vedendo che non c’è nessuno nei paraggi mi afferra per la camicia e mi tira dentro. Chiude completamente la tendina e mi mette con le spalle al muro.
Un secondo dopo mi ritrovo con la sua lingua in bocca e le sue mani che mi sbottonano la camicia. Le sue labbra sono calde e morbide e sento la sua lingua rincorrere la mia. Dopo un attimo di spaesamento mi rendo conto di chi mi sta baciando senza credere che stia succedendo realmente.
-Ele…- provo a dire ma lei non vuole sentire una parola.
-zitto Fra…- e io non oso aggiungere altro. Non che possa o voglia opporre una qualsiasi resistenza.
Sento le sue labbra scendere lungo il mio collo e poi ancora più giù, lungo il mio petto, bottone dopo bottone, succhiandomi un capezzolo, fino al mio ventre. Io sto lì con le spalle al muro in balia delle sue labbra. La sento soffermarsi sull’ombelico leccandolo tutto intorno a formare un aureola. Si ferma alla mia cintura e si immobilizza. Sentiamo dei rumori e delle voci vicine, in un camerino non lontano. Lei, ormai in ginocchio davanti a me, mi sorride guardandomi e si porta un dito davanti alla bocca per dirmi di fare silenzio. In un attimo si slaccia il pezzo di sopra del bikini, rimanendo nuda. Senza smettere di guardarmi mi slaccia la cintura e mi palpa il cazzo da fuori. La vedo baciarmelo e leccarmi il tessuto dei pantaloni seguendo la linea del mio pisello. Senza fermarsi, le sue dita esperte mi tirano giù la cerniera e mi slacciano il bottone, aprendomi i pantaloni. Il mio cazzo, desideroso di uscire, tira nei boxer e lei ci infila una mano dentro ma da una gamba andandomelo a palpare direttamente. –wow… bè Carolina aveva ragione… a saperlo prima…-. Praticamente inizia a farmi una sega nei boxer ma dopo poco me li abbassa. Il mio cazzo esce fuori come una molla a pochi centimetri dal suo naso. Resta un attimo lì a guardarlo e poi mi sorride e mi fa l’occhiolino. Ricomincia a farmi una sega mentre con la bocca me lo va a baciare alla base. Sento la sua bocca succhiarmelo in quel punto quasi volesse farmi un succhiotto allo scroto, per poi dedicarsi direttamente alle mie palle. Sento la sua lingua leccarmele per bene per poi accoglierle dentro la sua bocca, mentre la sua mano non smetteva di andare avanti e indietro a scappellarmelo. Con la lingua abbandona le mie palle, leccandomelo sotto fino in punta. Comincia a leccarmelo come un gelato per poi dischiudere lievemente le labbra e avvolgermi il glande fra di esse. Comincia da lì facendo movimenti brevissimi e lavorando molto di lingua. La sentivo percorrere dei cerchi intorno alla cappella per poi soffermarsi sul prepuzio e stimolarmelo. Dio quant’è brava… Socchiudo gli occhi di piacere ad ogni passaggio di lingua, ma tenendoli fissi nei suoi. La vedo sorridere col mio cazzo in bocca. Mi prende una mano e se la porta dietro la testa incitandomi a darle il ritmo. Comincio a fare pressione e lei si fa guidare mentre il mio cazzo affondava nella sua bocca. Arriva però solo fino ad un certo punto. Il mio cazzo è troppo grosso per la sua bocca da zoccoletta. Però che bocchini che fa… Una volta preso il ritmo fa tutto da sola, andando avanti e indietro ma io non resisterò ancora per molto. Le mie vene pulsano contro le sue labbra e sento il mio sperma caldo risalirmi lungo il cazzo, pronto a esplodere. Manca poco… Lei lo sente gonfiarsi dentro la sua bocca e accelera il ritmo. –bravissima Ele… dio che zoccoletta che sei…-. Continua a succhiarmi avidamente finché non resisto più e le esplodo in bocca tutto il mio godimento. – Dio Ele sìì… sto venendo Ele… sto venendo… ahhhh sì- Cinque o sei schizzi di sborra bollente le riempiono la bocca colando fuori dalle labbra sulle tette. La vedo chiudere gli occhi e godersi tutto il mio succo. La vedo ingoiare con un sorriso per poi prendere una salviettina dalla borsa e pulirsi il viso ma non il corpo. Torna a succhiarmi il cazzo un po’ ammosciato, ripulendomelo da tutti i residui di sborra e poi sorridermi soddisfatta, come una micetta che fa le fusa. Io la guardo incredulo e dico –ele… sei stata fenomenale…-. Continuando a sorridermi mi risponde –un piccolo regalo… così non pensi solo a lei…-. Dà un ultima leccata alla mia cappella per poi alzarsi sfilarsi il pezzo di sotto del bikini e rimettersi il prendisole. Io intanto mi stavo tirando su i boxer ma lei mi ferma. Si rimette di nuovo in ginocchio davanti a me e mi li tira su lei, poi afferra il proprio tanga e mi dice –ho proprio caldo sai? Non ho voglia di rimettermelo, me lo tieni tu? Non so dove metterlo…- e senza aspettare risposta me lo infila dentro i boxer a diretto contatto col cazzo. Usciamo dal camerino e andiamo a pagare dove il commesso non riesce a staccarle gli occhi dalla scollatura del prendisole leggermente bagnato da qualcosa. Lei gli sorride per tutto il tempo e poi usciamo. Torniamo alla metro e ci ricaviamo un altro angolino. La mia mano corre al suo culo e, non visto, comincio a palparglielo. Lei mi dà un bacio e mi dice –Per oggi basta…-

Vota la storia:




10/03/2015 17:10

geppo20cm

Bhe pensare che i racconti siano reali... signori un po di fantasia.... comunque a me e' piaciuto sia questo che quello della sorella della tua ragazza che spero abbia un seguito... complimenti...

10/03/2015 11:51

cora

Da che pulpito arrivano queste "parole", ma invece di leggere i racconti, provate a leggere libri scolastici ed eventualmente rileggere le fesserie che scrivete.

10/03/2015 11:43

piero

Quanta ignoranza e deficienza in quella troia di cora!! Mi sa davvero che non è in grado di intendere e volere!! A lei bisogna dare la pensione di invalidita' mentale al 100 % !!

10/03/2015 09:55

alessiocd

Io sto con piero! I tuoi racconti, frank, sono mediocri e mi sa che te cora sei davvero una donna stupida e frustrata!!Cora per il bene dell umanita' : vaporizzati!!

09/03/2015 15:31

Frank7213

caro Piero, Ti ringrazio per i tuoi interessanti ed estremamente idioti commenti... Vorrei chiarire si sono un uomo, si mi piace scrivere racconti erotici anche inventati solo per il gusto di scrivere. Te lo dico molto chiaramente: Se i miei racconti non ti piacciono non leggerli, non mi offendo e non mi dispiacerà perdere un lettore come te. Sono certo che ci saranno altri scrittori molto più talentuosi di me che ti piaceranno e ti invito a leggere loro e, sinceramente, a non rompermi i coglioni. Per parte mia se dovessero piacere io continuerò a pubblicare sperando di non trovare più tuoi commenti ai miei racconti. Con affetto, Frank

09/03/2015 15:11

cora

Ma caro Piero, in altre occasioni ho letto i tuoi commenti sciocchi e sorge spontaneo domandarsi che senso abbia scrivere e in molti casi anche correttamente, per dei personaggi che con quattro parole denigrano una storia ben costruita. Se ti piace nei trai il tuo vantaggio e se invece non l'apprezzi fai il tuo... vantaggio da un'altra parte, senza fare sapere a tutti che sei un pippaiolo insoddisfatto, e possibilmente non disturbando chi invece legge i racconti nel contesto e nella misura di in un sito di storie erotiche.

09/03/2015 14:45

piero

Coglione , perche non la smetti di scrivere stronzate !!!?? Questa è una Stronzata autoreferenziante scritta da un patetico essere esibizionista illuso!! Ti piace vincere facile eh ! possi possi popopo!!

04/04/2015 23:27

myname

suvvia, un po' di elasticità! si capisce che è di fantasia solo dall'erezione quando guarda le tette. ma è un racconto ben costruito e intrigante!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!