• Pubblicata il:
  • Autore: SENZA VERGOGNA
  • Categoria: Racconti fetish
  • Pubblicata il:
  • Autore: SENZA VERGOGNA
  • Categoria: Racconti fetish

IL COPROFILO – 2° capitolo

Purtroppo, come ho già detto, siamo cresciuti e abbiamo divorziato dopo 6 anni. E' stato allora che ho conosciuto la mia seconda moglie. Sì, perchè un altro mio vizietto riguarda le donne più grasse, cicciottelle. Era una prof di scuola superiore, abbiamo passato un anno assieme, fatto del sesso fetish. Mi piaceva molto giocare con la sua figa e toccarla mentre andava a fare pipì. Quando toglievo la mia mano dalle sue gambe, sniffavo le mie dita e le leccavo, assaggiando la sua urina.
Era straordinariamente eccitante. Si sistemava sulla tavoletta del water e metteva la mia mano sotto di lei, trascinandola da dietro tra le sue chiappe.
Una volta stavo toccando il suo ano mentre aspettava di evacuare. Lo sentivo sporgente, rigonfio di emorroidi, aprirsi e chiudersi prima che cagasse. Quella è stata la prima volta che ho davvero raccolto gli stronzi lunghi e solidi che sembravano salsicce. Purtroppo, dopo soli 3 anni, anche stavolta abbiamo divorziato perchè lei voleva dei figli e io no.
La mia attuale compagna (per evitare guai, non mi sono più sposato) è la migliore con cui ho fatto sesso perverso. Ha una bella figa dall'odore aspro ed è stata l'unica che ha leccato il mio buco del culo di sua spontanea iniziativa.
Spesso ci infiliamo reciprocamente dei pezzetti di cioccolata a bordo ano, aspettiamo qualche minuto per farli sciogliere un po', e poi ci lecchiamo a vicenda.
Sono un uomo fortunato. Ormai da un sacco di anni, lavoro seduto ad una scrivania come impiegato in un comune del centro Italia. Ho lottato molto per ottenere questo incarico, proprio perchè il mio ufficio è adiacente al bagno delle donne. Le pareti sono molto sottili e riesco a sentire distintamente i rumori delle signore e delle ragazze che fanno la pipì o la cacca. Mi piace inventare fantasie su ogni femmina: lei che si pulisce il culo oppure asciuga la figa con la carta igienica, che si face il bidet sulla patonza in mestruo o sul culo ancora sporco di merda. Avete mai riflettuto intensamente sul fatto che anche le donne, persino quelle più belle e irraggiungibili, cagano, pisciano e fanno puzza e schifezze come noi uomini? Non è eccitante pensare al loro sfintere anale che spara merda nel water o alla loro uretra (peraltro nascosta in modo quasi impercettibile nella figa) che scarica scrosci di urina maleodorante? Per me lo è, lo è tantissimo, perchè riporta al livello umano/animale anche le persone che amiamo, desideriamo oppure odiamo.
Dal mio ufficio, giorno dopo giorno, anno dopo anno, sento e spio con gli occhi della mente moltissime donne diverse che, passando di fronte alla porta rigorosamente aperta dell'ufficio, entrano nel bagno per fare i loro bisogni. Spesso tengo anche gli occhi chiusi, ma le riconosco ugualmente dal modo in cui pisciano e cagano.

FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!