• Pubblicata il:
  • Autore: Gladius
  • Categoria: Racconti lesbo
  • Pubblicata il:
  • Autore: Gladius
  • Categoria: Racconti lesbo

Il falso confessore



Mi ha contattato una lettrice dei miei racconti per farmi conoscere cosa le era successo nella precedente vita quando era una suora.
E' stata per 2 anni in un piccolo convento vicino a Torino dove vivevano 6 suore, una Madre Superiora di circa 50 anni e cinque giovani suorine dai 20 ai 28 anni, che passavano la giornata con lavori nell'orto, ricamando trine e pizzi e anche uscendo per compiere opere di carità nel paese vicino assistendo anziani e persone in difficoltà.
Erano molto stimate ed apprezzate nella zona e tutti consideravano il convento un'oasi di pace e di preghiera, ma le cose non stavano esattamente così.
La Madre superiora era molto rigida e non perdeva occasione di punire le sue giovani consorelle per ogni piccola mancanza, le punizioni venivano impartite alla sera, dopo la cena e prima di andare a letto.
Quello che non era proprio ortodosso era il fatto che le punizioni fossero sempre di natura sessuale.
La suora da punire era fatta spogliare nuda, solo con il velo in testa e inginocchiata nel refettorio, le sue consorelle stavano attorno a lei, anche loro nude solo coperte dal velo sul capo ed ognuna con una candela accesa in mano.
La Madre superiora prendeva un frustino di salice e iniziava a percuotere i glutei della punita, non in modo troppo forte, ma comunque da farle provare dolore.
I colpi arrivavano al massimo di 10 a seconda della gravità dell'errore, che poteva anche essere una cosa banalissima, come aver fatto cadere una goccia di minestra sulla tovaglia, ma ogni pretesto era buono per sottoporla alla punizione.
Dopo la sculacciata la suora punita doveva girarsi sulla schiena e sdraiarsi a gambe spalancate, mostrando completamente la sua figa , che come quella delle sue compagne era completamente depilata; la pratica veniva compiuta nel primo giorno di ingresso al convento e ripetuta periodicamente in modo da tenere la vulva bella liscia e priva di peli.
La Superiora si avvicinava e prendeva dal tavolo del refettorio uno degli oggetti che aveva preparato, si trattava per lo più di prodotti dell'orto, carote, zucchine , cetrioli e anche banane , candele, ceri molto grossi, bottiglie di vetro di diverse dimensioni.
Si inginocchiava di fianco alla giovane e prima le leccava i capezzoli, li mordeva e li strizzava sino a farla urlare, poi si accovacciava fra le gambe e le leccava a lungo la figa, prima di penetrarla con l'oggetto scelto, che manovrava con forza avanti e indietro sino a farla godere.
Se la colpa commessa era particolarmente grave la malcapitata era penetrata in figa con un grosso cero e una candela nel culo.
Mentre si svolgeva la masturbazione le altre quattro suore spegnevano le loro candele, si mettevano a coppie una di fronte all'altra e cominciavano a baciarsi con le lingue in bocca, si strizzavano e pastrugnavano le tette, si toccavano le fighe sino a bagnarsi, ma dovevano evitare di godere.
Solo dopo che la punita aveva goduto con un urlo liberatorio la Madre Superiora dava l'ordine alle altre di infilarsi vicendevolmente le candela nella figa e masturbarsi sino a raggiungere l'orgasmo.
Quando tutte erano venute la Superiora si spogliava a sua volta e si sdraiava sul tavolo e le consorelle si dovevano avvicinare, toccarla leccarle le tette e la figa a turno sino a farla godere.
Normalmente non veniva penetrata con gli oggetti, ma in qualche occasione nella quale era particolarmente eccitata ordinava ad una suora di entrare con le dita nella figa , penetrarla con tutta la mano, e masturbarla con violenza sino al completo sfinimento, godendo anche più volte di seguito.
Nel leggere la sua mail mi è venuta la voglia di poter entrare in contatto con questa realtà e ho risposto alla lettrice per sapere come sarebbe stato possibile entrare in convento e alla sua risposta mi è maturata l'idea di un piano.
Poiché il convento era a pochi minuti d'auto da casa mia non ho avuto difficoltà a raggiungerlo nel pomeriggio seguente, prima mi ero recato in un negozio che affittava costumi da teatro e in un sexy shop dove ho acquistato alcuni gadget, quindi travestito da frate e con un mini registratore in tasca ho raggiunto le vicinanze del convento, ho lasciato la macchina in un luogo appartato e mi sono avviato a piedi al portone.
Ho suonato la campanella e dopo pochi istanti una suora mi ha aperto la porta chiedendomi cosa desiderassi in quel luogo, mi sono presentato come un frate confessore mandato dalla Curia e dovevo vedere la Madre Superiora.
Mi ha fatto entrare in un piccola stanzetta dove si trovava una panca di legno, un tavolino e un inginocchiatoio, poi si è allontanata per chiamare la Superiora che è arrivata poco dopo.
Si è mostrata stupita della mia presenza, dicendomi che mia nessun frate era arrivato al loro convento e quando dovevano confessarsi si recavano alla chiesa del paese vicino.
Le ho fatto presente che appartenevo ad un Ordine di frati confessori e che giravo i conventi di tutto il Piemonte su ordine del Cardinale e che avrei dovuto raccogliere prima la sua confessione e poi quella delle altre suore.
Ha creduto alla mia storia e si è inginocchiata sull'inginocchiatoio mentre io prendevo posto sulla panchetta, non esistendo un confessionale vero e proprio era l'unico modo di raccogliere le sue confessioni.
Ha iniziato dicendomi:
” Perdonatemi Padre perché ho peccato, non mi confesso da moltissimo tempo e ho commesso gravi mancanze. Ho utilizzato per motivi personali denaro raccolto con le questue per comperare un televisore nuovo per la mia camera, e ho acquistato del profumo per uso personale, anche se è vietato dal nostro Ordine.
Spesso commetto peccati di superbia con le mie consorelle che dovrei trattare e servire umilmente”
“Che tipo di peccati?”
“ Le maltratto e le punisco anche per lievi mancanze”
“ Ditemi come”
“Padre, sono imbarazzata, non c'è una grata del confessionale a dividerci e mi vergogno”
“ Non dovete vergognarvi, “ Quando commettono errori le colpisco con un rametto di salice”
“E come le colpite, su quale parte del corpo abbattete i colpi”
“ Sul sedere”
“Ma l'abito monacale non permette di sentire dolore”
“No, faccio scoprire il sedere”
“Fate rialzare l'abito ?”
“Le faccio spogliare nude, con solo il velo sul capo”
Mi accorgevo che man mano che parlava le sue guance diventavano sempre più rosse e la voce le tremava e avvertivo che sembrava eccitarsi, la cosa mi spingeva ad interrogare più a fondo.
“Tutte nude, e le altre suore assistono?”
“ Si mettono intorno alla suora punita , nude anche loro”
“ Mi sembra una cosa un po' bizzarra, perché le fa spogliare?”
“ E' per far capire loro che devono essere pronte a subire punizioni se sbagliano”
“ Non mi sembra molto convincente come spiegazione, credo che lo facciate perché vi piace vedere i loro corpi o mi sbaglio?”
Il silenzio che ne seguì e il chinare il capo furono una risposta più che sufficiente a farmi proseguire con le domande.
“Dopo aver fatto spogliare la colpevole come la punite?”
“La faccio inginocchiare, posare le mani sul pavimento, esporre il sedere e la colpisco qualche colpo non troppo forte”
“Poi la fate rialzare e rivestire e anche le altre?”
Ormai era completamente eccitata e presa dalla libidine ha continuato la sua confessione.
“ La faccio sdraiare sulla schiena e la penetro con uno dei frutti del nostro orto o con una candela”
“Perchè fate questo?”
“Per farla godere dimostrando che la perdono”
“ E voi vi eccitate a farlo”
“ Si sono una vera peccatrice e non so resistere al richiamo della carne”
“ Vi piacciono le donne allora”
“Le donne e anche gli uomini, prima di entrare in convento ho avuto molti uomini e adesso mi manca la loro presenza nel letto di notte”
“ E dopo che ha goduto cosa succede e le altre suore cosa fanno?”
“ Io mi spoglio e mi sdraio a terra e mi faccio toccare da tutte le suore che ho fatto masturbare tra di loro e voglio che mi tocchino, lecchino e penetrino con la loro lingua , le dita e le candele”
“ Questi sono peccati di lussuria molto gravi, lo capite? Dovrò darvi una penitenza molto severa”
“ Farò tutto quello che mi sarà ordinato, me lo merito”
A questo punto ero anch'io ero terribilmente eccitato, non indossavo nulla sotto il saio e il mio cazzo ormai duro spingeva prepotentemente verso l'alto, e ho notato che la suora se ne era accorda e non toglieva lo sguardo di li.
“Sorella devo fare anch'io una confessione, non sono un vero frate, ma un giornalista e ho registrato tutta la sua confessione, Adesso farai tutto quello che ti ordino o manderò la registrazione al vescovo e la pubblicherò su Internet”
La vidi sbiancare e mettersi a tremare “ Così mi distruggi la vita, mi manderanno via, cosa farò fuori di qui? Dimmi cosa vuoi e ti accontenterò.”
“ Fai riunire tutte le suore in refettorio, tutte nude e sedute sulle sedie con le gambe spalancate”
“Non posso farlo, come lo giustifico?”
“Di pure loro che sei stata ricattata e che potrebbero essere cacciate tutte in mezzo alla strada come te”.
La superiora si alza, si avvicina alla porta e chiama Suor Anna, le sussurra qualche cosa indicandomi , la giovane la guarda stupita, ma la Superiore ribadisce con foga l'ordine e la suorina scappa a chiamare le altre.
Mentre si gira verso di me io alzo il saio e scopro il cazzo e le faccio segno di avvicinarsi e inginocchiarsi davanti; ubbidisce in silenzio e come si inginocchia , senza essere sollecitata lo prende il mano e comincia a menarlo.
Non ho bisogno di dirle niente, lo prende in bocca e comincia a succhiarlo da vera esperta, la sua lingua passa sulle palle, risale lungo l'asta, la bocca ingoia la cappella, la sputa e poi riprende a succhiarla.
Io la lascio giocare un po' con mani e bocca, ma non voglio godere subito, la faccio alzare e le chiedo di spogliarsi nuda, cosa che fa velocemente, in pochi istanti l'abito da monaca è ai suoi piedi seguito da un candido reggiseno e altrettanto bianche mutande di cotone.
E' un po' sovrappeso, ma a me piacciono le donne in carne, le sue tette sono molto grandi e subito mi viene il desiderio di succhiargliele, cosa che faccio immediatamente, poi le metto il cazzo in mezzo e le chiedo di farmi una spagnola mentre mi lecca la cappella.
Lascio che mi massaggi e mi lecchi sino a quando non riesco più a trattenermi e le vengo sul volto e con un po' di sorpresa vedo che con le mani raccoglie tutta la mia sborra e se la porta alla bocca e la ingoia mugolando, è letteralmente infoiata, la sua figa gronda umori.
“ Adesso andiamo nel refettorio, vieni, ti farò vedere cosa ho pensatoi di fare per voi”, abbasso il saio e mi avvio con lei prendendo con me la bisaccia che mi sono portato dietro con i gadget comperati al sexy shop.
Lo spettacolo del refettorio è sublime, le quattro suorine, nude e solo col velo in testa come avevo chiesto , stanno a gambe spalancate sulle sedie vicino al tavolo e ci guardano con curiosità, ma nei loro volti è palese l'eccitazione.
Prendo per mano la Superiora, la porto vicino al tavolo e la faccio stendere sopra supina, le allargo le gambe e le do' una lunga leccata che la fa mugolare.
“Adesso potete vendicarvi delle punizioni che vi ha inflitto e potete farle tutto quello che volete con quello che vi ho portato”
Estraggo dalla bisaccia un plug anale, faccio segno ad una suora divenire a prenderlo “ infiglialelo tutto nel culo sino in fondo”. La suora non se lo fa ripetere, afferra il plug, solleva le gambe alla Superiora e con un colpo secco lo infila nel culo, lo fa entrare e uscire un paio di volte e poi lo incastra sino in fondo, ma prima di allontanarsi non può fare a meno di infilare tre dita nella figa grondante, le muove con violenza godendo dei lamenti della superiora, poi si porta le dita alla bocca e le lecca con voluttà prima di tornare a sedersi.
Estraggo dalla bisaccia gli altri gadget, due vibratori di dimensioni diverse, un dildo doppio con due teste uno strap on e invito le ragazze a prenderli. “ Chi indosserà lo strap on dovrà scopare la superiora, le altre potranno giocare fra di loro come preferiscono.”
La più giovane delle suore, quella che probabilmente aveva subito le maggiori punizione si precipita sullo strap on, lo indossa, sale sul tavolo e si corica sulla Superiora, la penetra e comincia a scoparla con furia,strizzandole le tette, ma anche mettendole la lingua in bocca e baciandola, la superiora la avvolge con le gambe per farsi penetrare più a fondo e asseconda le spinte, mugolando come una cagna in calore.
Due delle suore prendono i vibratori, li accendono e si mettono a 69, infilandoseli reciprocamente nella figa e leccandosi, le altre due si siedono a gambe spalancate una di fronte all'altra e si infilano il dildo a due teste e si scopano con spinte alternate.
Lascio che si divertano per qualche minuto, mi limito ad osservare ma il mio cazzo torna a indurirsi, sono quasi pronto a rientrare in azione.
Le invito a scambiarsi di posizione, un'altra suora si infila lo strap on per scopare la superiora e le altre cambiano partner e gadget, i vibratori entrano non solo nelle fighe ma anche nei culi.
Quando mi sento pronto mi tolgo il saio e nudo invito le suore a venire a leccarmi, cosa che fanno tutte e cinque con entusiasmo, la Superiora stesa sul tavola ha raggiunto almeno quattro orgasmi ed è sfinita, ha ancora il plug nel culo, ma io ho ancora una sorpresa in serbo per lei.
Dopo che il mio cazzo è diventato nuovamente durissimo invito la suora più giovane a rimettersi lo strap on, faccio alzare la Superiora e lei si sdraia sul tavolo, faccio mettere la Superiora su di lei e le ordino di impalarsi e inchinarsi. Le suore capiscono subito cosa sta per succedere e mi invitano a romperle il culo, mi avvicino, tolgo il plug,appoggio la cappella sul suo sfintere e con un solo colpo le entro nel culo, rimango un attimo fermo e poi inizio ad andare avanti e indietro, assecondando la suora con lo strap on che la sta scopando.
Le altre suore si avvicinano, le strizzano con cattiveria le tette, le prendono le mani e si fanno mettere le dita nelle loro fighe, si baciano fra di loro e si toccano con le mani e con i gadget.
La inculo sino a quando sto per scoppiare, mi sfilo di colpo e invito le suore ad avvicinarsi e bere tutto quello che riescono, mi sembra di vivere un sogno erotico impossibile, ma è tutto vero.
Dopo essermi scaricato bacio ad una ad una le suore in bocca, le accarezzo per ringraziarle, regalo loro vibratori dildo e strap on , faccio rialzare la Superiora stremata e le impongo di non usare mai più il salice sulle consorelle, ma di godere insieme con quello che lascio loro.
“Adesso vado, ma vi prometto che tornerò e non sarò da solo, porterò con me molti amici e potrete finalmente soddisfarvi con cazzi veri.”
Un applauso corale accoglie queste mie parole e l'invito a tornare presto, esco dal convento e sto già programmando come tornare e con chi.



Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!