• Pubblicata il:
  • Autore: Lucciol fra le mani
  • Pubblicata il:
  • Autore: Lucciol fra le mani

Il massaggio

Sono trascorse circa tre settimane dall'appuntamento con Giovanni e comincio a chiedermi se mai lo rivedrò. Ma un martedì pomeriggio, mentre sto per entrare in casa di ritorno dall'ufficio il cellulare dentro la borsa comincia a trillare. Panico, rimescolo a casaccio e..."Pronto? Gio!!! Ciao, che bella sorpresa..." "Allora, me lo offrì o no questo caffè a casa tua?" Il mio cuore balza di gioia. "Certo, molto volentieri, quando ci vediamo?... Anche subito?... Ma dove ti trovi?" "Sono sotto casa tua. È martedì, fai mezza giornata e lui rientra tardi non è così?" Mi ha preso alla sprovvista, cerco di temporeggiare ma in fondo è quello che desidero dal giorno in cui non ci siamo più visti. "Ok! Sali tra dieci minuti però. Non suonare, ti aprirò io". Mi affretto a cambiarmi per riceverlo. Indosso un vestitino semplice, verde acido, scollato, autoreggenti in rete e niente mutandine. Guardo dallo spioncino faccio scattare la serratura nel momento in cui arriva sul pianerottolo. Gli sorrido, arretro di un passo per farlo accomodare e richiudo silenziosamente la porta alle sue spalle. Sento il suo profumo lieve, forse 'Hugo Boss' mentre ci abbracciamo scambiandoci un bacio di convenienza. "Andiamo in cucina, questa volta però lasciamelo preparare, il caffè!" Lo sorseggiamo imbarazzati come se ci trovassimo lì per caso e col timore di essere sorpresi. Certo un rischio minimo esiste, Paolo era al lavoro e anche se come imprenditore rincasa sempre molto tardi una possibilità che ci scopra c'è sempre. Ma questo rende tutto molto più eccitante. "Sai, dopo quel martedì non ti ho cercata più non perché non volessi più vederti Ma perché ogni ora che passava mi faceva pregustare il momento in cui ti avrei rivista di nuovo. E sei uno splendore più bella e sensuale di come ti ricordavo. Bello anche il vestito." "No! È solo più comodo". Risposi, forzando sulla parola 'comodo' quindi sollevai l'orlo della gonna fino all'inguine mettendo in bella mostra la fica completamente depilata. Non se l'aspettava. Rimase a bocca aperta, muto. "È per leccarla meglio!" A queste mie parole vidi il suo pacco crescere. Il suo uccello stava per scoppiare costretto nello slip divenuto improvvisamente troppo piccolo. M' inginocchiai con la mano a coppa sotto i coglioni tirai la zip e lo feci balzare fuori, gustandone meravigliata le dimensioni; socchiusi le labbra e la lingua lo avvolse come a volerlo trascinare in gola. "Che ne diresti se ti facessi un bel massaggio rigenerante?" Esordì improvviso mentre io avevo ancora la bocca piena. Annuii col capo. "È per prolungare l'eccitazione che provo prima di scoparti." "Allora facciamo le cose come si deve." Replicai. Studiammo come attrezzare il boudoir: Abbassai le tapparelle, misi un foulard a coprire l'abat-jour, disposi delle candeline sui comodini e sulla cassettiera e misi al posto del copriletto un telo da spiaggia. Andai a procurarmi dell'olio per il corpo e mentre mi sfilavo il vestito e mi distendevo prona sul telo, Giovanni si metteva in libertà. Il mio corpo è ora totalmente alla mercé delle sue mani che sapientemente lo ungono e lo massaggiano indugiando appena nei punti 'caldi'. Brividi di piacere percorrono il mio corpo; comincio a salire di temperatura, il battito aumenta insieme al respiro. Ansimo mentre là sotto sono tutta un lago. Certo che, anche per lui deve essere una tortura avere sotto le mani la mia pelle abbronzata e i miei buchini proibiti senza poterli violare. Ma i miei dubbi sfumano in breve tempo. Indugia a palpare con le mani i miei grossi seni e li contempla. Cala con il viso a baciare i miei capezzoli e lecca tutto ciò che c'è da leccare. Mentre con ambo le mani mi plasma una coscia me la divarica e io intuendo le sue intenzioni allargo anche l'altra così che la mia spacca già satura di spuma bianca si mostri in tutta la sua oscena bellezza. Giovanni allora accantona l'inutile flacone per accucciarsi con la faccia tra le mie cosce; vi sprofonda dentro. La sua lingua cerca il clitoride. Seppur lavata di fresco la mia fica emana un inconfondibile afrore di femmina e questo non fa che eccitarlo di più. Questa volta prendo io l'iniziativa, lo faccio distendere supino, lo scavalco e calo con il pube sulla sua faccia per un delizioso 'sessantanove'. Farmi leccare la fica e il culo è una delle pratiche sessuali che preferisco. Sono beata! Lo sento che lappa e succhia come un'idrovora; dal canto mio mi ritrovo in mano un' arma impropria, meravigliosa. La imbocco avida, e lecco, lecco, spremendo i suoi coglioni...poi, improvviso e sgradevole, il trillo del mio cellulare sul comodino interrompe l'idillio pagano dei nostri corpi sudati. Gli faccio segno con l'indice di tacere mentre rispondo. Cazzo! È Paolo, mio marito che vuole sapere cosa acquistare per cena prima di rientrare. Alzo gli occhi al cielo. Fantastico!!! Mentre con voce atona e indifferente stilo una lista della spesa per l'ignaro consorte, il mio stallone ha a portata di lingua i miei pertugi avidi e indifesi. Ha scoperto il 'secondo canale' e lo sta sondando con il dito medio. Appena riattacco la conversazione me lo ritrovo sulla schiena che cerca un affondo. Per fortuna l'elasticità del mio sfintere è collaudata e sono sufficienti un paio di colpi per ritrovarmi imbudellata fino ai testicoli. I suoi movimenti sono calmi, misurati, sta scopando col cervello. Da buongustaio qual'è sa assaporare le delizie che gli restituisce ogni centimetro del mio culo. Il mio grosso seno dondola sotto i suoi colpi. Sto veleggiando su di un tappeto volante, sopra le nubi verso i campi elisi quando, ecco arrivare una vibrazione diversa dalle altre che monta dal profondo delle sue palle; un'ondata di marea composta di voluttà, desiderio e tanto sperma che Giovanni grugnendo scarica attraverso l'uretra nel mio intestino. È finita! Sono sfiancata ma un trambusto intestinale mi dice che devo correre in bagno, subito. Mi siedo di schianto a cosce aperte, appena in tempo: una diarrea lattiginosa e liberatoria si scarica crepitando nel water mentre con le dita tengo schiusi i petali della mia fica...qualche secondo, ed ecco arrivare una fontana dorata, rumorosa e interminabile. Sospiro. Srotolo una manciata di carta igienica, mi pulisco e, finalmente paga, torno a letto dal mio amante.

Vota la storia:




25/06/2014 11:05

giovanni44

cara lucciola tra le mani il fatto che ti piace il cazzo e una cosa positiva ma il fatto che tu tradisci spudoratamente tuo marito perche ti piace tradire mi fa pensare che per persone come te che tradiscono a priori ci vorrebbero le pene che ci sono in iran e iraq e altri paesi simili! l ho gia detto in un altro messaggio! ma perche vi sposate voi donne che vi piace scopare di qua e di la! ? a differenza di chi tradisce perche e trascurata dal marito o e stata tradita a sua volta! Secondo me il giorno del matrimonio pensavi gia a come poter tradire tuo marito! hanno molta piu dignita di te quelle che lo fanno a pagamento! sempre che la storia sia vera!

25/06/2014 00:36

Camillo 2

X Writer : Scommetto che non hai capito la mia ironia, allora mia spiego meglio E' UNA CAGATA anche nel senso letterale della parola !!!

23/06/2014 22:36

Writer

Bellissimo racconto, spero ci sia un seguito. Un bacio dove preferisci.

23/06/2014 22:29

Camillo 2

Bel racconto, tocca i vertici con un lirismo da premio Nobel; Verso la fine del racconto poi, quando Giovanni le si scarica attraverso l'uretra e, che l'eroina deve correre in bagno colpita da UNA LATTIGINOSA SCARICA di diarrea, beh amici qui è il non plus ultra della poesia. Brava

23/06/2014 15:18

anto

magari capitasse una come te

23/06/2014 11:11

ANTONIO

ciao si complimenti bel racconto si si mi diventato duro......

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!