• Pubblicata il:
  • Autore: Irene
  • Pubblicata il:
  • Autore: Irene

Il tipo di fronte

Ero appena uscita dalla doccia, avevo solo un asciugamano intrecciato che mi copriva e uno sulla testa come un turbante, mentre camminavo verso l’armadio mi resi conto che avevo le tende della portafinestra aperte, di conseguenza notai che poco più in alto nel palazzo di fronte c’era un tipo che osservava i miei movimenti. Mi ritrassi subito nascondendomi dietro al muro, da li iniziai a pensare da quanto tempo poteva essere li e se lo avesse fatto altre volte… Iniziai a sbirciare per vedere se si muoveva però il tipo rimaneva impassibile nella stessa posizione come se attendesse qualche cosa, in quel momento non sapevo cosa fare, avrei potuto tirare la tenda o mandare giù l’avvolgibile ma non riuscivo a farlo, perché un po’ quella sensazione mi piaceva infatti mi dava un misto di paura e vergogna mescolato da una sorta di eccitazione, l’idea di essere guardata da uno sconosciuto mi provocava delle sensazioni contrastanti di fuga e di attesa comunque continuavo a sbirciare e non so se si rendeva conto che continuamente facevo capolino, comunque presumo di si.
Dentro di me sentivo il desiderio che non si allontanasse, volevo che continuasse a guardare però era una condizione che non potevo accettare perché in quel momento ero troppo imbarazzata non sapevo chi era e che intenzioni poteva avere. Ma l’idea che mi guardasse mi faceva tremare e di conseguenza mi dava una grossa scarica di adrenalina, infatti li nascosta mi stavo accarezzando ma non mi soddisfaceva più di tanto per cui mi feci un po’ temeraria e iniziai a camminare scalza vicino alla portafinestra senza allontanarmi dalla sua visione, mi levai l’asciugamano dalla testa liberando i miei capelli lisci ora poteva vedere completamente il viso mentre continuavo a muovermi il cuore mi batteva forte e sentivo dentro di me il senso di eccitazione che cresceva, ero davanti alla portafinestra… il tipo ancora li, io che cercavo di fare l’indifferente osservando in tutte le direzioni possibili ma la mia vista andava sempre nella stessa direzione, volevo essere più intraprendente ma avevo paura di diventare uno spettacolo per tutto il palazzo di fronte, mi resi conto che oltre al tipo soltanto altri due appartamenti avrebbero potuto vedermi e in quel momento sembrava che non ci dovesse essere nessuno, dopo aver fatto queste considerazioni lasciai cadere le mie ultime inibizioni, girando la visione nella direzione opposta del tipo allentai l’asciugamano che mi copriva e lo feci cadere rimanendo nuda davanti alla finestra, a quel punto mi sentivo vulnerabile e indifesa mi stavo mostrando ad uno qualunque che non conoscevo e che mai avrei voluto conoscere o forse che avevo incrociato fuori da qualche parte e che mai avrei immaginato di mostrarmi a lui e mai avrei avuto voglia di parlargli, infatti di una cosa ero certa non avrei mai voluto conoscerlo e non avrei mai voluto sapere chi fosse, però volevo che mi guardasse e mi desiderasse, mi piaceva sentire i suoi occhi su di me, incominciai ad accarezzarmi cercando di essere più indifferente possibile, le mie mani esploravano il mio corpo quando passai sull’interno coscia allargai un po’ le gambe una mano era sul mio seno immaginai che la sua sarebbe stata molto più grande e mi avrebbe avvolto tutta la tetta visto che ho solo una seconda, mi stavo masturbando il capezzolo con il pollice e l’indice della mano sinistra, mentre la mano destra scivolava giù prima sull’ombelico e poi sempre più giù fino ad arrivare al mio sesso, lui era ancora li impassibile che si stava godendo lo spettacolo mentre il desiderio si era completamente impossessato di me, allargai un altro po’ le gambe ed entrai con il mio dito medio, socchiusi gli occhi e mi masturbai freneticamente fino a raggiungere l’orgasmo, appena aprii leggermente gli occhi intravidi il tipo che era indaffarato a farsi qualche cosa che non riuscivo a capire immaginai che si stesse masturbando anche lui, fu in quel momento che i nostri sguardi s’incrociarono, quello sguardo mi fece venire i brividi sulla schiena ma l’incrocio dei nostri occhi mi fece ricominciare a sditalinarmi fino a raggiungere un secondo orgasmo. Ero esausta la mie dita erano completamente umide a quel punto mi ritirai chiudendo la tenda e anche l’avvolgibile e mi buttai sul letto sfinita e piena di vergogna… i miei timori erano quelli di uscire di casa e di essere riconosciuta… Per diversi giorni lasciai la camera al buio non aprivo neanche l’avvolgibile. Un pomeriggio mi capitò di parcheggiare l’auto un po’ più lontano da dove abitavo e per tornare verso casa mi trovai a passare davanti al portone della finestra di fronte, guardai i nomi per cercare di rendermi conto… quando… all’improvviso mi aprirono il portone e una voce dal citofono mi disse “quarto piano”. Cosa avrei dovuto fare? Non avevo suonato a nessuno come minimo avrei dovuto andarmene… invece… entrai, mi diressi verso l’ascensore e una volta dentro premetti quattro e iniziai a salire, avevo una grandissima scarica adrenalinaca associata ad una grandissima curiosità. Arrivata al pianerottolo, una porta alla mia sinistra era aperta… timorosa e con il cuore in gola entrai… non vedevo nessuno… però la solita voce di prima… mi disse: “ la finestra è nella stanza di destra”. Mi diressi verso la direzione che mi aveva indicato e mi affacciai alla finestra indicatami e vidi la mia portafinestra… rimasi sbalordita da come si vedeva bene… si vedeva quasi tutta la mia stanza, compreso il letto anche con le tendine tirate, non avrei mai immaginato, mentre osservavo i più piccoli particolari, all’improvviso sento una presenza dietro di me… due braccia che mi avvolgono due mani che esplorano il mio corpo soffermandosi sulle tette e sull’interno coscia sentivo il suo respiro dietro di me… la sua lingua scorreva sul collo fino al lobo dell’orecchio, e mentre io continuavo ad osservare oltre la finestra le sue mani ruvide e tozze mi spogliavano… quando le sue dita entrarono dentro di me mi fecero sobbalzare… prima uno… poi due… e in certi momenti anche tre li spingeva avanti e dietro molto velocemente e questo movimento rapido mi faceva impazzire, tanto da bagnarmi continuamente, lui se ne rendeva conto e aumentava il ritmo sempre più. Mi sentivo violata nel mio intimo ma quella sensazione strana mi piaceva per cui non volevo che smettesse più… Ad un certo punto mi spinse la schiena in avanti facendomi piegare in avanti, mi allargò le gambe, con le mie mani mi sorressi ai cardini della finestra per non perdere l’appoggio, lui mi toccava dal dietro continuando a massaggiarmi e a masturbarmi la vagina, poi sentivo che le sue dita cercavano anche l’ingresso del mio posteriore, mi sentivo allargare tutta sia davanti che dietro… ad un certo punto si dedico tutto al mio posteriore cercando di dilatarlo il più possibile con le mani e poi… il suo membro inizio ad entrarmi dentro… sospinto dalla spinta delle sue mani, prima lo sentii abboccare successivamente entrare sempre più dentro spinto con forza, sentivo un fastidio doloroso anche perché era una sensazione che non avevo mai provato prima, infatti tendevo a ritrarmi ma lui spingeva sempre più deciso e sembrava che il suo membro non avesse fine… lo infilo tutto perché sentivo i suoi testicoli che mi sbattevano sotto e sentivo un gran senso d’ingombro. Riprese con la solita foga con la quale mi aveva masturbato a scoparmi il mio posteriore… fino a quando non mi arrivò un fiotto caldo interno… a quel punto lo sfilò e io mi sentii sollevata… dolorante ma libera… mi sentivo colare tutta… non aveva neanche di che pulirmi, a quel punto mi girai… ma non c’era nessuno… il tipo era sparito, mi rivestii velocemente e sommariamente con il posteriore che continuava a colare di sperma… poi mi avvicinai al corridoio e vidi che la porta d’ingresso era aperta come lo era stata quando ero arrivata… uscii velocemente presi l’ascensore e me ne andai. Nell’appartamento di fronte non ci ho più visto nessuno.

Vota la storia:




29/12/2014 15:39

pollastro

Ma sei la stessa ce ha scritto il racconto qui sotto dell ex! Hai solo cambiato nome , da irene a claudia!!!Racconti patetici senza fantasia e magari non veri!!

03/01/2015 17:10

alessiocd

CAGATA PAZZESCA scritta per i polli!!

02/01/2015 20:06

sandocan355

La storia più veritiera che ho letto in questo sito, se devo dargli un punteggio da 1 a 10 gli do un bel 8+

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!