• Pubblicata il:
  • Autore: Fe
  • Pubblicata il:
  • Autore: Fe

In fila alla posta

....sono le 12 di mercoledì e la posta e' affollatissima. 3 sportelli aperti ed altrettanti chiusi. Anche oggi fila.
38 anni, sposata, bionda riccio corto naturale, un bel seno sodo ma non abbondante, le forme al posto giusto, un bel culetto mediterraneo, e due labbra carnose ed appetitose. Per dire che FE e' una bella donna ritocchi e senza esagerazioni.
Deve fare tutto di corsa. Le piace camminare ma il tempo passa e deve ancora fare la spesa.
Quella mattina, c'era un bel sole, ha voluto curarsi per benino. Ha indossato i leggings neri attillati, la maglia scollata stretta in vita, un bel trucco per far risaltare gli occhi chiari e lo stivaletto carino. Era proprio sfizioso il look di oggi.
E' fila, aspetta il suo numeretto. E' un lotto la combinazione vocale e numero, non si arriva mai.
Uff.......che pizza.
Devo andare al discount e comprare ancora ....ripassava la lista.
Un maleducato le da una botta sulla spalla per passare. Lei pensa...bravo eh?!.
Cerca nella borsa, dove ho messo il cellulare?.
Ieri era al bar con un'amica per un cappuccino e ripensava al barista....non male. Le guardava le rette in continuazione molto sfacciatamente.
No non poteva pensare a certe cose...era sposata. Chissà' se gli era diventato tosto mentre sbirciava. Nooo basta!.
Uff.....ma quando tocca a me?.
Ops.....che cavolo!. Sente una mano fugace tastarle il sedere.
No sarà' stata una sensazione. Forse qualcuno che mi ha urtata per passare.
Ops.....ancora.
Ora, indugia e tasta la natica.
Una piccola mano. Leggera.
Si sofferma.
Ooooo si gira quasi di scatto....e niente.
Una signora disinteressata, due vecchietti in fila per la pensione ed altre persone più' in la.
Chi cavolo e'?.
Nessuno sembra darle importanza.
Di nuovo assorta....ops......eccola ancora.
Una mano delicata ma decisa. La tasta per bene. Si sofferma soprattutto tra le gambe.
Tocca, tocca tutto e con calma.
Lei allora con la coda dell'occhio osserva e si fa avanti per non darsi raggiungere.
E' uno dei due vecchietti.
Piccolino, magrolino, avrà' avuto 70 anni.
Tocca e non sembra esprimere nulla.
Guarda sto stronzetto mo gli ammollo una sberla.
E' delicato ma si muove bene.
Lei non sembra proprio dispiacersi della cosa.
Sto pervertito così' sfacciato.
Adesso lo lascia fare.
Dove vuole arrivare?.
Dai nonnetto vediamo se ti piace.....toccare.
Con il dito le continua a stuzzicare il centro dei glutei. Indugia sulla cucitura della mutandina. Preme e la tocca al punto giusto.
Lei effettivamente avverte un certo non so che.
Un po' le piace....
Adesso il vecchietto e' più' deciso e cerca con insistenza la cavità' tra le gambe.....
O mica posso mettermi a novanta per te qui....porco che non sei altro, pensa lei.
Il dito preme e stavolta....qualche umore le esce e la bagna.
Piano piano la sta toccando e la da eccitare.
Il filo della mutandina ha imprigionato il clitoride e sta funzionando con la giusta pressione.
Bravo.....cazzo e se ci vedono?.
Lei si da indietro....ora e' più' vicina a lui.
Prontamente le spara il dito da sotto a sopra tutto li....ahah piano cavolo!.
L'ha sentito tutto.
Adesso e' tanto bagnata.......signora....signora....tocca a lei.
Uno dei due vecchietti,l'altro, le indica il numero sul display. Ah grazie.
Scossa e distratta da quel maiale, si ridesta.
Va a fare la commissione. Paga, aspetta e guarda con la cosa dell'occhio quel maiale.
La guarda e non sembra pensare nulla.
Ha un viso scavato, con una barba incolta corta.
Un naso aquilino, e due occhi semi chiusi.
Avrà' pesato 50kg ed il cappotto con il cappello enormi amplificavano la sua miniatura.
Gli sarà' venuto duro? Come ce l'avrà?.....che pensi scema!. Si sorprese di certi pensieri.
Fatto.....prende il tutto e va per uscire.
Mi guardi?.....mi guardi che cado via?.......
No non l'ha guardata.
Sto stronzo!. Nemmeno uno sguardo.
Chi si crede di essere?.
Nemmeno fosse un bel Figo....mi ha toccata come gli pareva.
Ancora sentiva qualcosa tra le gambe....il vecchietto l'aveva proprio colpita.
Quel piccoletto del cavolo......
Dovette aggiustarsi le mutandine dietro l'angolo appena fuori l'ufficio postale.


...... Che faccio lo aspetto lo stronzo? Deve uscire no?...penso' FE

Continua.....

Vota la storia:




30/10/2014 14:51

Farias

Finalmente un racconto scritto in italiano !! Complimenti anche per la fantasia: non credo che l'episodio sia accaduto veramente, però me l'hai fatto diventare duro. Aspetto il seguito e forse ci sborrerò su....

30/10/2014 14:43

Giangi

Ohhh, meno male, c'è ancora qualche persona che si sa esprimere, non sono tutti seminalfabeti... E il raccontino non è male....Ma inventato? Direi...

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!