Inseminazione parte I

Con soddisfazione lo sperma prende la sua strada di uscita verso l’interno di Giulia distesa sotto, ora aspetta paziente che mi riprenda dal piacere per leccarne gli ultimo residui e poi mi rivesto.
Il fatto di essere nella radura di un bosco è ora normale ma è passato tempo: incontrando me ha scoperto gradualmente il suo esibizionismo e generosità sessuale lasciandosi guidare, proprio lei che come ginecologa sta dall’altra parte.
Ora in questo freddo febbraio mi ha contattato per farsi condurre in questa cosa del pic-nic nel bosco che a lei piace molto.

Mentre io sono adeguatamente vestito lei sa che scesa dall’auto dovrà camminare con indosso solo stivali di gomma e una lunga e leggera mantella che la copre fino alle ginocchia. Arrivati al posto prescelto stendiamo qualche telo, lei completamente nuda.

Ci prepariamo per il pranzo, ma prima lei deve evacuare, mostrandosi a pecorina in un angolo della radura, ed a seguire ricevendo in ginocchio, sul corpo e nella sua bocca aperta l’aperitivo della mia doccia di urina.
Dopo mangiato come consuetudine si predispone a ricevermi sessualmente.

«Ti avevo mai parlato della mia paziente e ora anche amica Paola?» dice sulla via del ritorno.
«No ma se me ne parli…..»
«…è perché volevo proporre a te questa impresa: dovresti inseminare e trasformare una 32 enne in carriera e pudica, che ora vorrebbe ora un figlio senza legami, in una quasi zoccoletta incinta ed obbediente, e tu hai il tempo per farlo»

Incuriosito, mi spiega che Paola è quel tipo di paziente che se potesse essere visitata vestita, lo farebbe, ma se ora vuole un figlio dovrebbe disinibirsi e parecchio!!!!

«Ma anche ammesso che io possa proporle ciò, una così come l’hai descritta pensi che accetterebbe?»
«Ovviamente la devo preparare io sull’argomento, ma tu accetteresti la sfida?»

Dopo mesi non pensavo più a questa conversazione quando Giulia mi invita ad un aperitivo dove anche Paola è presente.
Un viso carino anche se non riesco fisicamente a farmi un’idea, troppo infagottata di abbigliamento. Giulia attacca
«…sai Paola, Alberto sarebbe disponibile per ciò che desideri, solo non so se sei tu adatta per lui….»
«adatta?»
«si vedi, proprio perché lui sta a suo agio con me che sono un esibizionista dal sesso facile, sarebbe a disagio con te»
Intervengo: «Giulia, noi abbiamo un rapporto particolare, ma ognuno ha la sua personalità. Paola, è stato un piacere conoscerti, devo lasciarvi ma ti questo è il mio numero per eventuale contatto.»

Dopo qualche giorno chiama Paola per propormi un’uscita a pranzo, accetto e concordiamo giorno e luogo, dove già sanno che quando ci vado con una donna desidero un un tavolo appartato.
A Giulia chiedo poi di istruirla sull’abbigliamento, stivali lunghi, gonna e camicetta.

Quando arrivo al ristorante lei è già seduta vestita come mi aspettavo.
«Ciao Paola»
«piacere di rivederti, Alberto»
«aspetti da molto?»
«No, non dà tanto, intanto stavo dando un occhio al menù»

Tra convenevoli e la scelta di cosa ordinare, il pensiero riflette sul collo di pizzo della sua camicetta, che aumenta l’idea dei suoi anni rispetto a quelli effettivi. Intravedo sotto di essa le doppie spalline di canotta e reggiseno e rifletto sulle parole di Giulia: sarà veramente una sfida.

Lei mi parla della sua voglia di maternità, e per questo desidera pagarmi.
La mia proposta invece è gratuita ma legata per tutta la maternità ad un contratto di obbedienza, convivenza, cessione del suo corpo e intimità a me e ad altri a mia discrezione.

«Questo riguarderà anche il tuo stile di abbigliamento, pensi di potercela fare?»
Arrossisce
«Si beh Giulia mi aveva accennato a qualcosa…che mi attrae e spaventa insieme»
«Secondo me invece di nasconderti, ti ritroverai orgogliosa del trarre piacere dalla tua fisicità, mostrarti e guardare gli altri a testa alta sorridendo.»

La portata in arrivo ci concentra sul cibo, ma la vedo pensierosa e combattuta sul da farsi, ma poi mi dice:

«Va bene, dopo pranzo potrei provare fino a che punto potrei arrivare»
«E perché non ora?»
«Ma…io…. cosa…. non siamo soli…»
«Si, ricorda disinibita ed obbediente: ora andrai in bagno e tornerai al tavolo senza più intimo e collant, solo gonna e camicetta.»
«Ma quello che tolgo non mi sta in borsetta…»
«La parola “ma” non sa di obbedienza, e comunque li butti nel cestino, con me non dovrai mai indossare intimo

Riflette un attimo poi parte in direzione bagno, tornando si guarda in giro come se fosse completamente nuda. Si siede ed ora vedo i suoi seni muoversi sotto la camicetta, con i capezzoli che mettono il tessuto in rilievo. La guardo intuendo il disagio interiore.

«Non ti senti fisicamente più libera? Ora ricorda cosa ho detto, raddrizzati, petto in fuori, guarda gli altri a testa alta e sorridi»

Ora la seconda portata le consente di sciogliersi un po’ mangiando e chiacchierando, per poi arrivare a proporle la prima richiesta di esibizione:

«Senti, ora vorrei che ti sbottonassi la camicetta e scostarla quanto basta per mostrarmi un seno.»

Il suo sguardo vaga tra me e la porta di uscita, combattuta sul da farsi, la osservo sorridendo e lentamente la sua mano si sposta iniziando dal primo bottone e poi proseguendo fino a quando scostando il tessuto compare gradualmente la forma bianca della mammella e poi un capezzolo roseo e…. rapidamente tutto scompare. Scrollando la testa faccio per alzarmi ed andarmene ma lei:

«Scusa ma da un tavolo stavano cominciando a guardare…»
«Basta, questa è l’ultima possibilità per dirmi se vuoi proseguire o abbandonare»

L’arrivo del cameriere al portare altre bevande interrompe il dialogo, poi lei risponde:

«Sai non è facile lasciarsi alle spalle 32 anni di brava bambina obbediente, studiosa, in carriera, che ha sempre dato soddisfazione a tutti e mai pensato al proprio piacere, ora vorrei recuperare……. e vorrei anche un bimbo mio e…si, proseguiamo» e sposta la mano verso la camicetta.

«Ripeti, e poi prenderai il bicchiere che hai davanti. Sorseggiando lentamente guarderai tutti a petto in fuori sorridendo fiera di te, poi posato il bicchiere ricoprirai il seno»

Osservo l’esecuzione e anche se non vedo alle spalle sento qualche brusio ma lei continua fino alla fine, questa volta dandomi modo di valutare la sua tetta bella soda finalmente in mostra.
Il mio sorriso di approvazione incontra il suo, a mia volta alzo il bicchiere a mo’ di brindisi per quanto mi rendo conto lei abbia portato a termine.

«Bene, ora valuterò il tuo concederti ad altri: prendi il menù dei dessert ed aprilo davanti a te, poi chiamerò il cameriere, e assecondalo»

Aldo, il cameriere, sa che quando sono con una donna potrei coinvolgerlo, per cui non si stupisce quando chiedo di spiegarle gli ingredienti del tiramisù e contemporaneamente tastarle i seni.

«Lei voleva sapere cosa contiene il tiramisù?»
«Si grazie»

Parte la spiegazione e intuisco che dietro al menù alla prima toccata lei arrossisce ma poi respira ascoltando e lasciando fare, guardandomi e sorridendo, fino a quando lui infine le chiede se vuole ordinarlo, e qui capita l’imprevisto:

“No, ma invece mi spiega la zuppa inglese?”

Evidentemente ci ha preso gusto e parte la seconda toccata ai seni, che oltre ad eccitare me sta visibilmente creando un’erezione ad Aldo. Alla fine ordina il dessert.

«Sai…mi è piaciuto, come ha iniziato la figura della bimba pudica ha tentato di ripresentarsi ma mentalmente le ho detto VATTENE!!!»

«Ottimo, quando arriverà il dessert e prima di gustartelo, solleva la gonna sopra le tue cosce, e resta ferma con le gambe divaricate. Cercando una moneta accidentalmente caduta ti darò un’occhiata»

Rapidamente vedo una vagina molto pelosa ma anche luccicante, evidentemente eccitata, sulla quale allungo la mano a una rapida toccata mentre lei resta a gambe aperte.

Le sorrido, lei ricambia e guardandomi prende il mio tovagliolo e lo butta sotto il tavolo davanti a lei. Mi volto e vedo che data l’ora è rimasto qualcuno solo ai tavoli più lontani. Passo quindi al recupero del tovagliolo, godendo del contatto tra le mie dita con le sue labbra vaginali calde e umide. Quando riemergo lei propone:

«Dopo quando usciamo, mi accompagni dalla mia amica estetista a disboscare la foresta?» annuisco e pertanto poi telefona per avvisarla del nostro arrivo.

Dopo aver saldato il conto usciamo e saliamo in auto. Lei toglie e ripone il cappotto sul sedile posteriore.
«Quando sei in auto di fianco a me le tue intimità dovranno essere sempre disponibili ad essere toccate»
Obbediente solleva la gonna addosso a sé, divarica le gambe, e controlla che la camicetta sia ancora sbottonata. Nessuno nel parcheggio per cui prima di partire approfitto per un primo contatto con suoi seni.

Durante il viaggio I molti semafori fanno sì che all’arrivo dall’estetista, il retro della sua gonna e la mia mano destra siano ampiamente bagnati dei suoi umori.

Lei mi presenta come il suo nuovo compagno, e mentre l’estetista lavora posso finalmente guardarla tutta nuda su lettino, dopodiché l’estetista invita anche me a denudarmi per la depilazione. Sul lettino, la mia erezione è imbarazzante, con il pene bagnato di umori.

«Come faccio a depilarti così?» guarda Paola e sorridono, poi con aria complice chiede a Paola se può rimediare alla situazione ed avuto l’assenso si toglie il camice ed il resto, per salire sopra di me. Il mio pene sparisce dentro al suo sesso mentre Paola le massaggia i seni.
Alla fine dopo reciproca soddisfazione, con il pene ora molle procede con il suo lavoro. Alla mia richiesta di quanto devo, dice che va bene così e ammiccando si rimette il camice invitandomi a ritornare.

Ci rivestiamo ma la gonna e la camicetta di Paola finiscono in un sacchetto per cui lei resta vestita con stivali alti e cappotto. Arriviamo poi a casa sua, entriamo e ci spogliamo entrambi.

«Devo andare in bagno a fare pipì, aspettami sul letto»
«Attenta, questa è una frase del tuo passato, da ora in poi dovrai dire “Posso andare in bagno che devo fare pipì, la doccia, ecc.”»

Si scusa, accenno con la mano verso il bagno e si accomoda sul wc.
«Ricorda che dovrai sempre condividere tutto»
Annuisce e divarica le gambe, guardo e tocco il suo sesso mentre l’urina calda scorre anche tra le mie dita. Blocco il suo tentativo di prendere un pezzo di carta e invitandola a restare così.

Resta poi remissiva ed obbediente a tutti gli ordini che verranno:

bere un bicchiere della mia urina in ginocchio
sottomettersi ad ispezione anale
poi sul letto restare a gambe divaricate, per finalmente osservare il suo corpo bianco e morbido.

È il momento di chiudere la sfida, inizio a prendere possesso della sua intimità iniziando a toccarla e leccarla, per poi passare il pene strusciando sul suo sesso umido.
Al primo tentativo di penetrazione lei si lamenta per il dolore, al secondo affondo con decisione ed un urlo invade la stanza, per poi ritrarre il pene insanguinato.
Guardo sangue ed umori che dal suo sesso stanno colando sul sottostante lenzuolo, e sorrido dicendo:

«Benvenuta, siamo solo all’inizio!»

Vota la storia:




23/11/2016 16:31

sergio

mamma mia questa e' una delle storie piu brutte e ridicole che abbia mai letto! Spero davvero sia falsa! 3 imbecilli del genere che vivono con tutte quelle fissazioni e perversioni malate!! !!!! E si credono furbi!! Che tristezza!! Che schifo! Ma una scimmia e' piu intelligente di questi 3 pseudo esseri umani!!

23/11/2016 16:22

sereno stai

se la storia e' vera siete 3 malati mentali da ricoverare, la stupidita e l idiozia in persona! Se la storia e' falsa c e solo da ridere!! Poi la storia e' davvero raccontata male!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!