• Pubblicata il:
  • Autore: LINUX83
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: LINUX83
  • Categoria: Racconti etero

INTOSSICAZIONE DA FIGA - 2^ puntata - Bollate (MI)

INTOSSICAZIONE DA FIGA - 2^ puntata - Bollate (MI)

Mi sono inginocchiato rapidamente e ho baciato il suo collo, le spalle, le braccia, il seno. Ha le tette grosse e le areole extra large color marrone scuro, coi capezzoli che, quando è eccitata, diventano dritti come chiodi. Li ho succhiati uno dopo l'altro leccandole la pancia e le ascelle sudate.
Quando ho sentito il suo corpo tremare, con una mano ho iniziato ad allargarle le cosce, e mi sono accorto che lei si stava già masturbando con due dita.
Ho leccato un altro po', infilando la lingua tra le dita e spingendola sul clitoride, succhiando più a lungo che potevo. In breve, ha aumentato gli spasmi verso l'alto e i suoi gemiti si sono trasformati in suoni animaleschi, mentre raggiungeva e manteneva l'orgasmo per un tempo impossibile a noi uomini mio uccello era tornato sfacciatamente duro e reclamava una penetrazione imminente, ma finchè Alessia è stata preda degli spasmi, ha dovuto pazientare. A quel punto, mi sono sistemato sul letto sollevandole le gambe e infilando il cazzo nella figa fradicia e dilatata. Dopo una decina di colpi, lei stava già godendo di nuovo e gridava rischiando di svegliare i vicini. Non so come abbia fatto, ma era stata capace di ricollegarsi all'orgasmo precedente. Ho dovuto tapparle la bocca per 20 minuti prima di riuscire a venire anch'io e fermare il rumore.
Eravamo sdraiati l'uno accanto all'altra per riprendere fiato. Lei parlava di quanto le piaceva scopare con me, mentre io ammiravo le goccioline di sudore che imperlavano tutto il suo corpo, compresa la vagina incredibilmente pelosa ma non rasata. Come per le ascelle, ero riuscito a convincerla a non depilarsi quasi mai, per non rovinare gli odori che eccitano noi umani e tutti gli altri animali.
Erano già le 3 di notte e, mentre mi raccontava delle esperienze sessuali col suo ultimo ex, ha iniziato ad accarezzarsi la figa e a sospirare. Per farla breve, nonostante l'ora, mi ha costretto a masturbarci da soli a un metro di distanza guardandoci l'un l'altro. E' stato molto sexy ma poi lunedì mattina non ho sentito la sveglia e ho dovuto prendere un giorno di mutua inventando una scusa.
Adesso capisco perchè ha collezionato tanti ex. D'ora in avanti ho deciso che dormiremo insieme solo il venerdì, il sabato e durante le ferie. Poi si vedrà.

FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!