Io mia moglie e la trans

E’ davvero difficile trovare il confine tra realtà e finzione, così come è
molto difficile riuscire a capire fin dove sia lecito trasportare le proprie
fantasie sessuali.
Ancor di più riuscire a coinvolgere la propria partner in quelle che sono le
tue più intime trasgressioni e al contempo, farsi trasportare in quelle che
sono le sue più nascoste voglie.
Credo che una perfetta alchimia si possa ottenere solo quando ci si conosce
veramente bene, è solo in quel momento che la propria vita sessuale fa un
considerevole salto di qualità, regalando alla coppia momenti di vera estasi.
Io e Francesca siamo sposati da quasi 10 anni, e ci conosciamo e frequentiamo
da più di venti.
Facciamo una vita come tanti altri, si lavora, si frequentano amicizie più o
meno interessanti e quando capita si viaggia con il gusto della ricerca di
nuovi posti.
Come tante coppie a volte capita che per movimentare una serata si metta su un
film un po’ spinto, ed in una di queste occasioni durante una scena di sesso
esplicito veniva coinvolta una trans bellissima, talmente bella che entrambi
siamo rimasti sorpresi nel momento in cui esibiva le sue grazie; il nostro
stato di eccitazione era al massimo e si alimentava sempre più nel vedere quel
corpo femminile armeggiare il suo pene turgido.
Quella notte abbiamo scopato con un trasporto fuori dal comune e nei momenti
più intimi lei mi confessa di avere una fantasia sessuale che il film non ha
fatto altro che riaccendere: andare con una trans insieme a me.
In effetti il triangolo è qualcosa che attira anche me, ma fino a quel momento
lo idealizzavo con 2 donne; pensandoci bene coinvolgere una trans sarebbe stato
un ottimo compromesso, a condizione di trovare una trans molto femminile.
Cosi il giorno dopo, rientrati entrambi dal lavoro, ci mettiamo su internet e
andiamo alla ricerca di qualcosa che potesse appagare i nostri desideri.
Troviamo, tra le tantissime offerte, una trans molto bella con un seno
prosperoso, la contattiamo e ci diamo un appuntamento indicativo per la sera
stessa intorno le 23.
Francesca era molto nervosa, ma cercava di non farlo trasparire, così come era
nervoso io.
Per arrivare a destinazione dovevamo percorrere una 50 di km, e arrivati con
largo anticipo, ci siamo fermati in un bar per prendere qualcosa da bere.
Per farci forza prendemmo uno spritz bello carico, e notammo che dopo un po’
la paura si trasformò in eccitazione pura e voglia irrefrenabile di vivere
questa nuova ed insolita esperienza.
Giunti a destinazione, dietro indicazione della trans, suonammo al citofono di
una palazzina residenziale.
Risposta secca, ascensore 5 piano.
Saliti su trovammo la porta semi aperta con una figura in penombra che ci
stava aspettando. Sembrava una venere, alta con due gambe affusolate, un seno
che quasi scoppiava dal suo balconcino. Il baby doll che indossava senza slip
faceva apparire il suo pene piccolo ma appetitoso.
Una volta dentro Carolina, così si chiamava, ci mise subito a nostro agio ed
il suo fare con modi garbati ed eleganti fece il resto.
La camera in cui ci portò aveva una luce rossa soffusa ed un profumo molto
gradevole, ci spogliò entrambi con una delicatezza quasi maniacale e ci fece
distendere sul suo letto. Lei, tolto il baby doll, si mise in mezzo e con le
sue mani cominciò a stimolare il mio cazzo, che già quasi scoppiava, ed il
clitoride di Francesca, che quasi d’istinto si inginocchiò e cominciò a
succhiare il cazzo di Carolina. Non era molto grande, anzi direi abbastanza
piccolo, ma ben funzionante. Anche io fui attratto dal suo arnese e senza
capire come, mi ritrovai insieme a mia moglie a succhiare un cazzo che pendeva
da un corpo femminile. Ormai eravamo tre corpi in estasi totale; andò avanti
per almeno 30 minuti durante i quali più volte dovetti fermarmi per evitare di
sborrare e perdermi il gran finale. Dopo aver scopato per bene Francesca
mentre spompinava alla grande Carolina, Francesca volle assaggiare il suo
cazzo, e messo il preservativo la cominciò a sbattere con colpi lenti ma
decisi, fino a farla venire in un orgarsmo sublime.
Il gran finale fu una sborrata di entrambi sul seno di Francesca.
Finito il tutto, salutammo e andammo via. Il viaggio di ritorno nessuno parlò
e credo nessuno avesse voglia di farlo.
L’indomani bastò uno sguardo per capire che l’esperienza della sera prima non
sarebbe stata certamente l’ultima.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!