• Pubblicata il:
  • Autore: Cri&Sara
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: Cri&Sara
  • Categoria: Racconti orge

Io, Sara e il cazzo di Amir

Dopo una cena a casa di amici, io e la mia ragazza ci rechiamo verso la fermata dell’autobus per rientrare a casa. E’ circa la mezzanotte di un martedi di agosto e per strada non c’è nessuno. Siamo a Milano, in zona stazione centrale. Siamo un pò euforici grazie al vino bevuto e Sara mi confessa di non vedere l’ora di essere a casa per fare la porca con me.
Vediamo un ragazzo nero che ci viene incontro e ci allarmiamo un pò, vista la gente poco raccomandabile che gira di notte da queste parti, scusandosi per il disturbo ci chiede gentilmente una sigaretta. Sembra una presona tranquilla, per niente pericolosa, ed è anche un bel ragazzo.
La mia ragazza gli risponde che potrei rollargliene una con il tabacco e mi invita a farlo.
Nel mentre lui attacca bottone e fa il simpatico, ci racconta che è venuto a Milano a trovare amici ma ha perso il treno e dovrà attendere il primo della mattina per tornare a Torino.
Vedo la mia lei particolarmente espansiva che intrattiene la conversazione sorridendo al ragazzo, mi fa un pò strano ma penso che questa spiccata socilità sia causata dall’alcool.
Lui si accende una sigaretta e io faccio altrettanto e si prosegue a chiacchierare: ci fa i complimenti, dicendo che siamo una bella coppia e fa apprezzamenti su di lei, in modo così educato da non sembrare invedente. Lei apprezza e con mia sorpresa nel gesticolare gli sfiora un paio di volte il braccio.
Ad un certo punto lei mi abbraccia e mi stringe a sè e infila sua la sua mano nei jeans palpandomi il culo; data l’eccitazione che prima mi ha confessato non so esattamente quali pensieri abbia in testa, ma allungo anche io le mani sul suo culo, infilandole discretamente sotto il suo vestitino corto, arrivando a sentire le sue mutandine umide di umori. E’ palesemente eccitata. Il ragazzo si accorge della situazione e cerca di far finta di nulla, anche se il suo occhio cade spesso e volentieri sulla scollatura di lei.
E’ un po’ imbarazzato dalla situazione, non sa come comportarsi e decide di congedarsi, non prima però di fare un omaggio alla bellezza della mia ragazza con una collanina con un ciondolo che a suo dire rappresenta amore, prosperità e cazzate del genere.
Allunga le braccia attorno al suo collo e annoda la collanina, ritraendosi lentamente in modo da accarezzarla con le dita, lei prontamente alza le mani e blocca le sue, portandole sulle sue tette: ‘Per ringraziarti io ti regalo queste - dice - visto che me le stavi mangiando con gli occhi’.
Lui ci guarda stupito e io sorrido, stando al gioco della mia lei e lui ne approfitta tastando i suoi seni.
‘Hai toccato abbastanza - dice Sara - ora tocca a me’ e con una mano va diretta sul suo pacco e dopo qualche secondo infila la mano direttamente nei suoi pantaloni e lo bacia sulla bocca. Le mani di lui finiscono sul suo culo e le dita scendono a cercare la sua fighetta bagnata.
Un gemito di piacere esce dalla bocca di lei, avvinghiandosi a lui e cercando strusciamenti sempre più intensi.
Per come la conosco ora non capisce più niente e la voglia di cazzo sovrasta ogni qualsiasi altro pensiero.
‘Vieni con me’. Con la mano ancora nelle sue mutande lo trascina via e si incamminano davanti a me. Li seguo da dietro e vedo la mano di lui che alza il suo vestito e si infila tra le chiappe tenendo il vestito un po sollevato. Questo situazione esibizionista e il contrasto bianco e nero inizia ad eccitarmi notevolmente.
Girano un angolo e si infilano in una stradina, lei lo spinge tra due furgoni parcheggiati e in men che non si dica gli cala i pantaloni e si infila il suo cazzo in bocca. Vedo il suo membro per la prima volta ed è di tutto rispetto e penso subito a quanto farà godere la mia donna che gli sta già dimostrando quanto adora fare i pompini.
Un auto passa nella via e pur non notando cosa succede mi mette agitazione: li fermo e li convinco a continuare da un’altra parte. Lei si asciuga dalla saliva e mi mette la lingua in bocca chiedendomi se possiamo portarlo a casa nostra. Annuisco e andiamo tutti insieme verso la fermata dell’autobus.
Siamo in attesa, vicino a noi ci sono altri tre ragazzi neri e dico a Sara nell’orecchio ‘Secondo me in questo momento ti faresti scopare anche da loro’. Mi sorride e mi bacia, poi dice ‘Questa notte ho voglia di fare la puttana’.
Arriva il bus e saliamo, c’è pochissima gente a bordo e andiamo verso i sedili posteriori dove rimaniamo un pò isolati. Io mi siedo e lei rimane in piedi, con Amir (questo è il nome del nostro nuovo amico) che subito si appoggia alle sue spalle per fargli sentire il pacco sul culo. Nel breve tragitto non mancano giochi di mano tra i due, con lei visibilmente eccitata anche dal fatto che i presenti potrebbero vedere quello che sta succedendo.
Scendiamo dall’autobus e ci incamminiamo verso casa, sempre con i due che mi precedono e sempre con le mani di lui infilate sotto il suo vestito.
Si fermano per baciarsi con lei che lo avvinghia con una gamba ma prontamente la strattono trascinandomela appresso. ‘Non ce la faccio più, voglio il suo cazzo’ mi dice. Le dico di aspettare ancora quel minuto che ci separa da casa.
Entriamo nel portone del palazzo e lei lo spinge sul muro dell’atrio, gli abbassa i pantaloni e si mette nuovamente a succhiarglielo, giusto il tempo di farglielo diventare di marmo e lo implora di fotterla, lui con fare animalesco la tira in piedi e la schiaccia con la faccia al muro, infilando con un colpo deciso il cazzo nella sua figa bagnata di umori e aperta dalla voglia. Una serie di gemiti strozzati dalla mano di lui che le tappa la bocca riecheggiano e nuovamente devo interromperli per evitare spiecevoli situazioni.
Saliamo in casa e sembra che Sara sia tornata un pò in se, forse rendendosi conto di quanto abbia esagerato finora.
‘Fallo accomodare e offrigli da bere, io vado in bagno e mi metto comoda’.
Verso un bicchiere di rum ad Amir e uno per me e lui brinda alla mia fantastica donna bianca.
Lei torna dopo qualche minuto e il suo ‘mettersi comoda’ si traduce in un corpetto di pizzo stretto che fa risaltare le sue tette, un perizoma abbinato, autoreggenti e stivali con tacco altissimo e con tanto di trucco marcato in viso. Si avvicina al tavolo, prende la bottiglia di rum, se la porta alle labbra, ne beve un paio di sorsi, la appoggia decisa sul tavolo e rivolgendosi ad Amir ‘Questa notte sarò la tua troia’.
Si mette a quattro zampe e gattona fino al divano dove è seduto Amir: gli sfila jeans e boxer e leccando le sue gambe porta la lingua prima sulle palle e poi sul cazzo, che visto alla luce è molto più grosso di quanto mi era parso, lei lo sega a due mani e ne avanza ancora un bel pezzo.
Mi chiede di leccarle la figa, io eccitato obbedisco, sposto la sua mutandina e infilo la lingia, mi eccitano i suoi versi di piacere con la bocca piena.
E’ finalmente giunto per lei il momento di prenderlo e si mette su di lui a cavalcioni, senza sfilarsi il perizoma e lasciandosi andare, lo prende tutto e urla, iniziando a muoversi su e giù. Lui le lecca i capezzoli e lei si infiamma. Dopo qualche minuto la alza di peso e la appoggia di pancia su uno sgabello, prendendola da dietro, la penetra a fondo con colpi decisi e lei gode. Vanno avanti per un pò con lei che lo incita e lui che la sculaccia.
Dopo un po lei lo invita sul letto, lo fa sdraiare e dopo essersi sfilata il perizoma e facendomi vedere la sua figa bella aperta si siede su di lui. Durante la cavalcata violenta mi guarda e mi dice ‘Guarda la tua fidanzatina com’è troia! ti piace?’ ‘ Sì, mi ecciti’, rispondo. ‘Voglio anche il tuo cazzo’. Quindi si gira dando la schiena a lui, si rimette il cazzone dentro e ricomincia a scoparlo e io le metto il cazzo in bocca, ma dopo poco devo toglierlo perchè rischio di espodere.
‘Leccami il clitoride, ti prego, che è in fiamme’. Mi abbasso e inizio il mio lavoro di lingua con lei si eccita ancora di più. I suoi movimenti sono così veloci che la mia lingua finisce anche sul cazzo nero. Non ho mai fatto una cosa del genere ma l’eccitazione non mi fa pensare e continuo a farlo. Lei se ne accorge e sorride. ‘Bravo, lecca anche il suo cazzo. Vorrei vederti con un cazzo in bocca’.
Si stacca e glielo prende in bocca, gli sputa sulla cappella e la lecca. Mi prende per la testa e mi porta a lei e mi bacia ‘Lo senti il sapore del suo cazzo?’ ’Sì’ ‘E’ buono vero?’. Non rispondo.
‘Fai vedere alla tua troia come sei bravo’ e mentre lei torna con la bocca sul cazzo di lui mi avvicina la testa alla cappella. Istintivamente tiro fuori la lingua che va ad incontrare la sua mentre leccano il cazzo. ‘Bravo amore, è come quando succhi il mio dildo quando lo tolgo dalla figa’ e mi ritrovo con questo cazzo in bocca con lei che mi spinge la testa.
Dopo aver condiviso il cazzo di Amir con le nostre bocche, Sara mi chiede di prepararle il buchetto del culo perchè ‘Ora ho voglia di farmi sfondare’ e nel mentre lei continua con il suo lavoro di bocca io lavoro il suo ano con dita e saliva, cerco di allargarglielo per bene perchè so quanto possa essere impegantivo farsi penetare da un coso del genere ma allo stesso tempo mi eccita l’idea che lei provi quel dolore misto a piacere delle inculate più selvagge.
Amir la mette a pecorina, io mi posiziono con il cazzo davanti alla sua bocca. Giusto il tempo di appoggiare la cappella contro l’ano e spingere dentro il primo centimetro che Sara prende il mio cazzo in bocca e inizia a stringere le labbra, per farlo sempre più forte man mano che il grosso membro la penetra.
Ora è tutto dentro e lei esclama il suo piacere ‘Oh sì, come lo sento tutto dentro. Sono piena di cazzo. E’ bellissimo’.
Qualche secondo per far adattare il culo e Amir inizia a pomparla, dapprima lentamente per poi aumentare il ritmo. Sara è in estasi, lo vedo dai suoi occhi che si ribaltano e lo sento dai suoi gemiti e dalle sue parole ‘Inculami. Spacca in due il culo della tua puttana bianca’ e a queste parole il nero aumenta la violenza dei colpi. A lei scendono alcune lacrime, che fanno sciogliere il trucco nero dagli occhi. E’ proprio una troia da film porno e a me piace così. Sono così eccitato che mi infilo sotto di lei per poterle leccare la figa, e oltre a questa le palle di Amir che ci sbattono sopra.
‘Adesso voglio due cazzi dentro’ lei esclama e fa sdraiare Amir sul letto, lei si siede sopra di lui e si impala nuovamente con il culo sul suo cazzo. Io mi metto sopra e metto il mio nella sua figa, allargata e grondante di umori. Qui sono io a stantuffare, con lei che mi incita. ‘Voglio tanti cazzi, datemi altri cazzi, vi prego’, ormai Sara inizia a delirare ‘Quanti cazzi vorresti amore?’ le chiedo, ‘Altri due, tre… quanti cazzo sono, basta che mi fottano e mi riempiano di sborra’. Io sono al massimo dell’eccitazione e le sborro nella figa. ’No, stronzo, la volevo in faccia la tua sborra’ lei mi dice. ‘Non ti preoccupare troia, ci penso io’, interviene Amir, che la sposta dal suo cazzo e predendola per i capelli se lo fa prendere in bocca, dando ritmo alla sua testa ‘Ora scopo la tua bocca e la riempio di sborra’, aggiunge, spingendola sempre più giù fino a farsi ingoiare l’intero cazzo (cosa in cui Sara è veramente maestra) causandole conati di saliva. La scena è violenta e di quelle che fanno impazzire Sara, lui lo capisce e inizia a dare delle piccole sberle sulla guancia di Sara, aumentandone l’intesità dopo gli sguardi eccitati di sfida che lei gli lancia. Anche Amir non ce la fa più ed esplode nella sua bocca, che si riempie immediatamente di caldo sperma, gli schizzi sono talmente copiosi che un’abbondante quantità finisce sul suo viso.
Sara lo guarda negli occhi tenendo il suo cazzo in mano, rimasto ancora duro, e gli mostra come ingoia la sua sborra, per poi scendere a baciarlo e dargli quel paio di leccate per ripulirlo dai vari umori, fatto questo si volta verso di me e mi sorride, viene verso di me e mi mette un dito in bocca da ciucciare, mentre con l’altra mano raccoglie gli schizzi rimasti sulla sua faccia e se li mette in bocca, si avvicina alla mia faccia e mi bacia, passando la sborra nella mia bocca: ‘Un pò anche per te, te la sei meritata’ Mi sussurra.
Dopo poco la nostra serata con Amir si conclude. Lui si riveste e ci ringrazia per la splendida scopata e Sara non perde l’occasione di chiedergli il numero di telefono per rivederlo di nuovo. ‘Magari la prossima volta porta anche qualche suo amico a divertirsi’ mi faccio scappare la battuta…
Secondo voi quante settimane ha resistito Sara prima di contattare di nuovo Amir? Ma questa è un’altra storia…

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!