• Pubblicata il:
  • Autore: Ruphusz
  • Pubblicata il:
  • Autore: Ruphusz

L'amica di famiglia

"Guarda che oggi dobbiamo andare da M. e G." mi disse mia madre appena mi svegliai
"Che palle" dissi sottovoce.... M. e G.sono amici di famiglia, hanno 38 e 40 anni . Quando vengo trascinato lì mi annoio
infinitamente, tanto che osservo tutti i particolari della casa, i soprammobili, gli orologi e....M. Sì ha 38 anni, non è quello che si può definire una gnocca, ma è molto carina e si tiene ottimamente
per la sua età. E' minuta, alta circa 1.60, suppongo una seconda di seno (perfettamente proporzionata al suo corpo), capelli mossi rosso-castani, e una
stupenda carnagione abbronzata. Lei è l'unico motivo per cui non mi oppongo fermamente ad andare da loro coi miei, che si fanno 1 ora di macchina ad andare
e 1 a tornare solo per andare lì a bere il caffè e chiacchierare, mentre io sto zitto visto che gli argomenti non mi interessano minimamente,ma quella volta
fu diverso...mentre come al solito stavo zitto e mi guardavo in giro, soffermandomi su M.
più e più volte, e mi accorsi con sorpresa che rispondeva
ammiccante a quello sguardo, come per incitarmi a spingermi oltre....ma a pochi centimetri, seduti allo stesso tavolo c'erano i miei genitori, suo marito
e suo figlio, e nonostante la possente erezione dovetti trattenermi, continuando a guardarla, e lei continuava a eccitarmi solo con lo sguardo.
Dopo un pò ci siamo alzati per andarcene, e durante i saluti, mentre i miei salutavano e chiacchieravano con il marito, io mi chinai su M. per il classico
bacio sulla guancia, che si da prima di andare via, ma lei invece di sporgermi la guancia mi diede la sua bocca, e mi trovai a contatto con le sue labbra,
quel magico momento durò un paio di secondi, che sembrarono un infinità, ma nessuno ci scoprì. Mentre tornavo a casa coi miei non parlavo e i miei pensieri
erano rivolti solo a M....ero eccitato...ho sempre avuto abbastanza successo con le ragazze della mia età (ho anche una relazione con una ragazza che
ha pochi mesi meno di me, ma al momento non mi importava), ma il solo pensiero che potesse succedere qualcosa con una bella donna col doppio dei miei anni
mi eccitava da morire. Inutile dire, che arrivato a casa, mi chiusi in bagno e mi dedicai a un segone liberatore, e la sera stessa andai a casa della mia
ragazza e facemmo sesso, ma io non pensavo a lei, pensavo a M. Io sono alto 1.80, gioco a calcio e perciò ho un fisico atletico, capelli neri molto
corti con effetto istrice creato dal gel e occhi castani, insomma....non mi posso lamentare, e mi eccitava da morire immaginarmi a penetrare M. molto
più minuta di me. La mattina dopo mia madre mi comunicò che M. e marito avrebbero cenato da noi per poi andare a vedere i fuochi
d'artificio, una tradizione estiva della zona che richiamava tutti gli abitanti del paese. Io acconsentii, ma dissi che non sarei andato a vedere i fuochi,
visto che peggiorano ogni anno come qualità e non mi sembrava il caso di buttare 1 ora e mezza del mio tempo per annoiarmi e farmi divorare dalle zanzare.
Verso le 19 arrivarono M. con marito, indossava uno stupendo abito da sera, attillato, con una generosa scollatura e
soprattutto una gonna molto corta, che mostrava le minute cosce ben tornite e sensuali, inoltre indossava dei sandali da donna con tacchi vertiginosi.
Durante la cena, mentre si parlava della serata, comunicai ai presenti la mia decisione di restare a casa invece di andare a vedere i fuochi, mio padre
cercò di convincermi a ripensarci ma io rimasi fermo nella mia decisione e vinsi la battaglia. Qualche minuto dopo, M. con mio grande stupore, disse
di sentirsi stanca e di non voler prender parte nemmeno lei alla serata, dicendo che sarebbe rimasta a casa. Io mi illuminai e dentro di me esultai di
gioia. Prima di uscire i miei mi raccomandammo di non ignorare l'ospite, e di intrattenerla, e visto che si sentiva stanca dovevo lasciarla dormire senza
disturbarla. Io acconsentii, avendo intuito che quella della stanchezza era una scusa, anche se pensavo che mi avrebbe solo provocato senza fare nulla,
visti i 20 anni di differenza che ci separavano, e visto che ha un marito e un figlio, insomma...ero abbastanza rassegnato a una serata di eccitanti
allusioni ma che si sarebbe conclusa con una solitaria sessione di mano in bagno...beh, mi sbagliavo. Una volta usciti i miei genitori offrii un aperitivo
a M. e poi ci sedemmo sul divano, chiacchierando del più e del meno con la tv accesa, era bellissima, con quel trucco leggero sul viso, che correggeva
i suoi pochi impercettibili difetti, quel vestito da sera e quello sguardo provocante. Come inevitabile, l'argomento cadde sulle relazioni amorose, mi chiese
se avevo una ragazza e senza esitazione mi chiede anche se avevamo già scopato, io le dissi la verità, le dissi di sì, ma dissi anche che mi sarebbe piaciuto
provare con una con più esperienza che avrebbe saputo condurmi a nuove e più alte vette di piacere. A quel punto M. sorrise, spense la tv, e mi disse
che si era accorta delle attenzioni che le dedicavo, che le faceva piacere, e che ora mi avrebbe insegnato a godere con una donna di grande esperienza.
Il mio cazzo, non enorme ma di buone dimensioni (18 cm) voleva prepotentemente uscire dai pantaloni, il cuore mi batteva a mille e iniziavo a sudare. Lei prese
l'iniziativa, iniziammo a baciarci con passione, le lingue che si avvolgevano e si cercavano avidamente, poi scese, mi tolse la maglietta, mi baciò il torace
e gli addominali, poi scese ancora, mi slacciò i pantaloni, abbassò i boxer e finalmente tirò fuori il mio cazzo, la cappella era ormai violacea e svettava
prepotentemente verso l'alto, in preda all'eccitazione, lei lo prese in mano, lo accarezzò, poi si abbassò e iniziò a esplorarlo con la lingua...la cappella,
l'asta, i testicoli, leccò tutto mentre io mugolavo, poi lo prese in bocca e con un movimento costante ed eccitante lo pompò per bene, quando stavo per venire
si fermò, ora era giustamente il suo turno di godere. Ormai ero completamente nudo, ricominciammo a slinguare con passione, poi scesi, le aprii dietro la zip
del vestito e glielo sfilai, ora era davanti a me in reggiseno e perizoma. Iniziai a baciarle il collo, poi scesi, le slacciai il reggiseno e cominciai a
leccare le sue tette e i suoi capezzoli, dedicai molta attenzione al seno, che è una delle mie parti femminili preferite, poi scesi ancora, la girai e iniziai
a baciarle affettuosamente il sedere...era perfetto, scultoreo...infine, finalmente, le sfilai il perizoma e iniziai a leccarle il clitoride. M. vibrava
e mugolava dal piacere, che grande sensazione far godere una donna matura, io continuavo ad accellerare e dopo un pò venne...ma questo era solo l'inizio,
avevo intenzione di farla venire più e più volte quella sera. La stesi sul divano, appoggiai la cappella all'entrata della sua figa vogliosa ed entrai in un
colpo solo...lei sorridendo emise un forte gemito di piacere, poi incominciai a pompare e spingere con regolarità, stando ben attento a non venire per primo
rovinando il tutto, lei godeva ad alta voce, mordicchiandosi il labbro e a volte chiudendo gli occhi per sentire il piacere con maggiore trasporto...dopo un
pò, venne di nuovo. A quel punto passò lei a condurre il gioco, mi fece stendere sul divano e si mise sopra di me, impalandosi sul mio cazzo voglioso di
scaricarsi, iniziò a muoversi regolarmente su e giù, abbastanza veloce, io godevo da pazzi e le massaggiavo le tette con le mani, lei ogni tanto abbassava
il busto, mi dava un passionale bacio di 3-4 secondi e poi si rialzava e riprendeva la sua cavalcata, godendo ad alta voce...dopo un pò, in preda al piacere
puro, non ce la feci più e con un profondo urlo le scaricai il mio sperma dentro la figa....3...4...5...6 schizzi...non so quanti con precisione, ma non
avevo mai sborrato così tanto e con tanta irruenza....fuochi d'artificio, si esatto, si sentivano i fuochi d'artificio che erano la cornice migliore per quel
momento paradisiaco. Ma non era finita lì, M. era golosa di sesso, e voleva godere anche da dietro, prese in mano il mio cazzo, lo ripulì dalla sborra
leccandolo con passione e poco dopo il mio bastone era ancora sull'attenti e pronto a godere e far godere. M. si mise a 90 gradi, sporgendo sensualmente
il culo, invitante, io appoggiai la cappella sull'ano e iniziai a entrare lentamente, a quanto pare non l'aveva preso da dietro molte volte visto che le
faceva un pò male, ma presto si abituò e incoraggiò i miei movimenti sporgendosi indietro col culo e godendo ad alta voce, incitandomi a continuare...un
altro altissimo grido di piacere mi disse che era venuta per la terza volta...a quel punto stavo venendo anch'io, allora estrassi il cazzo dal suo culo,
la stesi sul divano e iniziai a passarglielo sulle labbra e sui capezzoli...pochi secondi dopo le venni prepotentemente sul seno...Eravamo stremati,
ci accomodammo nudi sul divano, io protettivo col braccio intorno a lei, lei la testa appoggiata sulla mia spalla, e di tanto in tanto ci baciavamo teneramente.
Quando i fuochi iniziarono a smorzarsi, indice che stavano per finire, ci fecimo entrambi un bidet, ci pulimmo con una spugna bagnata (ci voleva troppo a fare
una doccia, avrebbero potuto scoprirci) e ci rivestimmo. Quando i miei, rientrarono, eravamo seduti sul divano a guardare la tv, entrambi
con un espressione beata sulla faccia...è stata l'esperienza più incredibile e stupenda della mia vita...

Vota la storia:




08/07/2014 22:12

Luma

Mah devo dire un bel racconto se fosse vero credo che Albertino abbia pienamente ragione ! Ma quello che propio non riesco a credere che e queste donne danno tutte il culo e chissa perche sempre per La prima volta !!! Amico svegliati era solo un sogno ! Ciao belli

08/07/2014 11:49

albertino

ma smettila di raccontare cazzate e guarda meno film porno. ma quante situazioni fortunate!! secondo me ,dal modo di scrivere, sei lo stesso rimba che scriveva che si trombava la cugina! ma stai tranquillo che qualcuno credera a questa cazzata.

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!