• Pubblicata il:
  • Autore: Giovannino
  • Categoria: Racconti bisex
  • Pubblicata il:
  • Autore: Giovannino
  • Categoria: Racconti bisex

L'esca

era un sabato mattino del mese di agosto e come ogni sabato mi reco al mercato ortofrutticolo sia per comprare e sia per fare nuove conoscenze li puoi trovare giovani ragazze a servizio, signore benestanti e tante altre persone interessanti. mentre guardavo le merci e sbirciavo fra le magliette semitrasparenti noto una ragazza molto prosperosa con minigonna e tacchi a spillo e anche se era caldo calze a rete emanava un profumo che copriva quello dei meloni sul banco.sgomitolo un pò e tento di avvicinarmi con una scusa ma senza fortuna troppe le persone che gli stavano in giro.mi dirigo in altri banchi in cerca di miglior fortuna che immancabilmente arriva inaspettata , mentre rivedo la stangona venire verso la mia parte con due borse piccole e nemmeno troppo piene improvvisamente cadere fu un'attimo prenderla per un braccio e evitarle la caduta. gli chiesi se si era fatta male e se voleva prendere qualcosa al bar per riprendersi dallo spavento e intanto le tolsi le borsine della spesa , mi rispose abito qua vicino per favore mi aiuta con la spesa non me lo feci ripetere una seconda volta e dissi subito si pochi minuti e arrivammo al suo portone un palazzo signorile col portinaio che la salutò buongiorno signora ....... salimmo con l'ascensore e gli chiesi sei sposata? lei rispose si ma mio marito è fuori città. tirai un sospiro e intanto arrivammo davanti alla porta di casa tiro fuori le chiavi apri la porta e entrammo nella sala mi fecie accomodare sul divano e mi disse cosa le offro chiesi qualcosa di fresco dal caldo che era andò in cucina e quando tornò rimasi di stucco era rimasta con un reggiseno e un minislip se ti va io sono fresca e strusciò la sua patatina sul mio viso fu un attimo e ci trovammo tutti e due nudi uno avvinghiato all'altra me lo prese in bocca e incominciò a farmi un pompino poi mi disse ti va ilsecondo canale? senza darmi il tempo di rispondere si girò puntando il suo culo sul mio arnese e con un colpo secco se lo infilò tutto lanciando un gridolino di dolore ma quello era un segnale perchè si spalancò la porta e all'improviso entrò uomo di colore sembrava un giocatore di basket da quanto era alto e disse ora ti faccio quello che stai faciendo a mia moglie e intanto il mio cazzo si ammollò e scivolò dal buchetto e la ragazza si mise a ridere dicendo sfondalo questo guardone che al mercato non mi toglieva gli occhi di dosso, si avvicinò e non potei fare a meno di vedere il serpente penzolante con una cappella enorme con due dita mi tappò il naso faciendomi aprire la bocca con l'altra mano me lo cacciò fino in gola da quanto era lungo e poi incominciò avanti e indietro piano e diventava sempre più duro mentre la ragazza armeggiava con una crema fredda sul mio buchetto cercai di irrigidirmi ma lei disse rilassati che ti fa meno male. fu a quel punto che entro un'altro uomo identico al primo era il suo gemello con un cazzo duro da quanto era eccitato la ragazza si tolse e io rimasi con il culo all'aria e un cazzo in bocca che non mi facieva respirare ,senti la cappella contro il mio buco spingere piano e un dolore atroce sentivo il mio culo aperto in due allungai una mano sul mio buco e sentii le sue palle conto le mie chiappe dicendomi vedrai fra poco godi il dpolore ti lascerà e arrivera il piacere e intanto il mio cazzo si induri improvvisamente e il piacere stava arrivando mentre andava avanti e indietro con foga e sentii due flutti caldi uno in bocca e l'altro nel culo non finivono mai di sborrare a quel punto mi accarezzai il mio cazzo e sborrai urlando di piacere. ora tocca a me disse quello che avevo preso in bocca scambiamoci i posti e mi inculò con violenza il tempo non passava mai il culo mi bruciava non potevo respirare da quanto la bocca era piena e anche in quel frangente il dolore lasciò il posto al piacere venirono nuovamente insieme come due cavalli pensavo ora è finita ma arrivò la ragazza ridendo dicendomi ora tocca a me incularti la guardai e vidi una mutanda di pelle con attaccato un cazzo finto pari a quelli presi prima . finalmente tutto fini e arrivò un bel bicchiere di acqua fresca. ora è più di due mesi che non vado più in quel mercato anche se la tentazione sarebbe quella di riprovare........

Vota la storia:




08/10/2016 21:54

gigioneggio

Guarda meno film porno , megalomane!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!