• Pubblicata il:
  • Autore: Vaevictis
  • Pubblicata il:
  • Autore: Vaevictis

La mia prima esperienza con la vicina di casa.

La mia prima volta.
Faccio un salto all'indietro nel tempo di circa venti anni. Nell'inverno del 1993 ci trasferiamo in una casa nuova situata in un quartiere agli antipodi della città. Cio' rappresenta per me un trauma, visto che son costretto ad abbandonare gli amici del mio rione e il nostro stupendo vecchio appartamento, cui ero molto legato. Nella nuova sistemazione inizialmente mi trovo molto disorientato e la mia situazione precaria è ulteriormente acuita dai problemi che sto vivendo a scuola. Infatti vengo bocciato ma, nel grigiore generale almeno qualche barlume di luce cominciava ad intravedersi. Mi era balzata agli occhi la signora che abitava nella casa accanto la nostra. I due immobili erano staccati una decina di metri l'uno dall'altro e lei era al primo piano come noi. La vedevo sempre molto indaffarata a stendere i panni e ad annaffiare le piante. Era una bella donna procace di una cinquantina d'anni, bionda, dall'aspetto teutonico, non tanto alta ma con due tette enormi ed un fisico mozzafiato, nonostante non fosse propriamente asciutta. Si potrebbe definire la classica maggiorata felliniana. Quella donna mi piaceva molto e uno dei miei passatempi preferiti era stare ad osservarla mentre armeggiava sul balcone. Ero rapito dal movimento ipnotico di quelle curve che si dimenavano nella loro abbondanza e spesso, tirata giù la tapparella e lasciato uno spiraglio alto qualche centimetro, mi sedevo su di un trespolo e mi godevo lo spettacolo. Logicamente questo hobby era possibile solo in assenza dei miei genitori e in perfetta solitudine. Era conseguenza naturale che questa visione sovente venisse conclusa con una bella masturbazione: penso che avrei potuto riempire una tanica di petrolio con tutta la sborra che ho prodotto durante il mio nuovo passatempo. Col l'arrivo della bella stagione la vicenda si arricchisce di piacevoli e piccanti evoluzioni. La signora spesso espleta le sue mansioni vestita in abiti molto succinti, che mettono in evidenza la rotondità ed abbondanza delle sue giunoniche curve. L'indice mibtel dell'arrapamento schizza ai massimi storici e mi diverto proprio a divorarmi con gli occhi quelle tettone. Ormai ogni mia attenzione e ogni mia fantasia erotica erano magneticamente imperiniate su quella non piu' giovane donna, per la quale avevo letterealmente perso la tramontana. Con l' immaginazione sogno di scopare assieme a lei imitando gli attori che vedevo nei filmini porno prestatimi da alcuni amici. Ma, data la mia giovane eta' e la mia proverbiale timidezza di allora, tutto si limitava alle fantasticazioni di un adolescente vergine arrapato.Talvolta era solita girare per la stanza da letto in bikini e pavoneggiarsi davanti allo specchio. Ma non fu nulla rispetto a quando la vidi nuda la prima volta. Quel bendidio mi provocò l'effetto di una bomba atomica e rimasi interdetto a guardarla. Cominciai a toccarmi l'uccello e quella volta penso di avere eiaculato in 20 secondi scarsi. Ero ignaro che la situazione entro breve tempo sarebbe precipitata. Qualche mattina dopo cammino pacificamente per il quartiere e all'improvviso la vedo seduta al bar con le sue amiche. Lei mi fulmina con una occhiataccia e, congedatasi da loro, si dirige con passo marziale verso di me. Mi sento in trappola e capisco di essere fottuto. Mi fa una ramanzina da antologia, dicendomi che ha capito che mi masturbo mentre la guardo solitadal mio appartamento mi intima di smettere immediatamente questa pratica, sennò avrebbe colloquiato coi miei genitori. Si rivolse a me in modo molto maleducato e grezzo. Era (ed è tuttora) una donna molto popolana, di bassa estrazione culturale, dai modi poco fini e con un marcato accento veneto. Torno a casa con le pive nel sacco ma, dopo una iniziale astinenza di qualche ora, ricomincio col mio passatempo preferito. Una mattina la incrocio all'uscita dal pizzicagnolo e mi lancia l'ennesima occhiataccia. Stivata la spesa nel baule dell'auto, con la mano mi fa cenno bruscamente di avvicinarmi a lei. Titubante mi guardo attorno e non trovo via di uscita. Col suo italiano sgangherato e col suo modo di fare molto villano mi dice che ho la testa dura e che allora si vede costretta a parlare coi miei. Non trova giusto che un ragazze si masturbi guardando una cinquantenne, invitandomi a pensare alle mie coetanee e dicendomi che potrebbe essere mia madre.. Fu allora che, in preda ad uno scatto d'ira, estrassi gli artigli e pronunciai la frase fatidica "Faccia un po ' quello che vuole! Arrivati a questo punto me ne sbatto i coglioni. Parli pure coi miei gentori, tanto ormai, un castigo in piu' cosa vuole che sia...Cosa posso farci se, quando la vedo, il cazzo mi diventa duro! Lei è una bella donna e mi piace da morire!" La signora rimase esterrefatta a bocca aperta e cominciò a guardarmi in modo interlocutorio per qualche istante. Poi mi ordinò ,sempre coi suoi modi spicci, di salire in macchina con lei che avremmo fatto una chiacchierata. Percorse poche centinaia di metri, ci piazziamo nell'enorme e vuoto parcheggio adiacente lo stadio. Non so se aspettarmi l'ennesima lavata di capo o qualcosa d'altro. Intorno non c'è anima viva e il caldo è soffocante. Mi domanda a che gioco voglio giocare e mette in bella mostra le due tettone. Io indosso un paio di pantaloncini dai quali si scorge un membro che sta lievitando a dismisura e che lascia ben poco all'immaginazione. Lei nota l'ingrossamento del membro e, assai compiaciuta, comincia a massaggiare il pacco. Quindi, senza badare alle ciance e fedele alla sua stringatezza, la signora infila le mani mei pantaloncini, estrae l'attrezzo e comincia a giocarci. Non lo avevo mai visto così duro, rosso e lungo e la signora sembra piacevolmente sorpresa dagli sviluppi e dalle dimensioni. Il suo atteggiamento muta repentinamente e , alla proverbiale villania, subentra una insolita gentilezza materna. Io sono in estasi e tempo qualche minuto le riverso tra le mani una tonnellata di sborra calda, che in parte finisce , oltre che sulla mia tshirt, anche sul sedile dell'auto, scatenando una serie di improperi da parte di lei. Tuttavia capisco che ha apprezzato il mio cazzo giovane e ci aggiorniamo da lei per il pomeriggio. Spacco il minuto e mi accoglie in modo poco garbato, ordinanomi di sedermi su di una sedia e di stare buono, che lei mi avrebbe raggiunto non appena avesse finito di fare la lavatrice. Dopo circa 5 minuti la vedo arrivare mezza nuda in tutta la sua bellezza esplosiva. Nonostante l'età è proprio bona e si posiziona alla mia sinistra. Mi dice che ha notato la mia verginità e si dice disponibile a porvi fine. Io sono al settimo cielo e accetto l'invito, pur manifestando un certo imbarazzo. Mi adagio nudo lungo il divano e lei si inginocchia per terra; finalmente posso ammirare da vicino quello spettacolo. La verga si drizza all'istante come un'antenna e lei comincia a segarmi l'uccello, che mi sembra sul punto di esplodere.Poi china il capo e mi dice le sarebbe piaciuto farmi un pompino, ingoia avidamente il mio cazzo, facendomi provare un'ebbrezza ignota. È veramente brava e si spinge con ingordigia l'uccello in gola, facendo strani gorgoglii con la voce. Sputa ogni tanto sul mio arnese per lubrificarlo e con le sapienti mani lo spinge all'inverosimile. Con la testa fa ritmicamente su e giù e le sue labbra aderiscono perfettamente al mio cazzo, che divora come un ossesso. Ogni tanto smette di succhiare e me lo lecca esteriormente dalla base alla punta, come si fa col gelato. Io sto per scoppiare, grondo sudore da tutti i pori e sento che l'uccello entro breve sarebbe diventato un vulcano pronto ad eruttare. La signora, accortasi del l'ingrossamento prodromico all'eiaculazione, anziché decellerare, ci da sotto apposta con maggior veemenza e in men che non si dica le sparo in bocca una betoniera di sborra calda, di cui non spreca una goccia. Si strofina il cazzo in mezzo allte tettone dove colano gli ultimi rimasugli di sborra. Mi guarda soddisfatta con il viso bagnato di sborra e mi dice che rimane da risolvere il problema della verginità. Dopo essersi sommariamente pulita dal mio umore, mi dice di sedermi sul divano, che avrebbe pensato a tutto lei. Io ero agitato da morire ed ero come in preda ad una specie di blocco che mi impediva di muovere un muscolo. Stringevo con violenza il bracciolo destro del divano ma lei cercava di rasserenarmi, passandomi dolcemente le mani tra i capelli e continuando a ripetere "che bravo el me buteleto". Si posiziona in piedi davanti a me, dandomi la schiena. Poi divarica le gambe, le mie entrano nelle sue e e con la mano sinistra rinvigorisce l'attrezzo. Una volta diventato bello duro se lo appoggia alla figa, volge il capo sorridente verso di me e la forza di gravità fa il suo dovere. Inizialmente provo un poco di dolore che entro breve si tramuta nella sensazione più meravigliosa di sempre. La signora comincia a dimenarsi sul mio cazzo, che vedo entrare ed uscire sistematicamente dalla sua figa, su e giù, su e giù. Lei sospira di piacere e continua a toccarsi le tette. Mi prende le mani e le posiziona assieme alle sue su quelle tettone. Ogni tanto le lecco la schiena ed emette dei versi di godimento. Quella cavalcata dura minuti che vorrei non finissero mai; sto provando sensazioni uniche e tutto sta filando liscio come l'olio. Mi dice di avvisarla (questa volta in maniera perentoria e strettissimo dialetto) quando sto per venire, perché non voleva che le venissi nella figa, cautelandosi che il pivellino non facesse cazzate. Le do l'avviso e lei con le mani se lo estrae dalla figa, segandomelo con la mano sinistra e appogoandoselo sulla zona lombare. Io urlo e le riverso sulla schiena una sborrata da panico che le arriva fin sulle spalle . Lei prende uno scottex e mi chiede di pulirle la schiena. La signora mi domanda le prime impressioni a caldo e mi fa i complimenti. Io non ho parole e rimango attonito a guardarla sorridente. Io ho ancora voglia di lei e non sono per nulla sazio, anzi dentro di me c'è un altoforno che sta bruciando. La signora ritiene che come prima volta può bastare ma io la palpo vogliosamente. Allora giungiamo al compromesso di un veloce pompino di commiato, che avrebbe concluso questa nostra prima esperienza, visto che aveva un sacco di incombenze da sbrigare. Se lo schiaffa avidamente in bocca ma con più frequenza me lo sega e capisco che il suo tempo stringe. Comunque si dimostra come sempre sublime e io sono al settimo cielo. Dopo un po' per la terza volta sborro, questa volta mentre se lo stava strusciando tra quelle enormi tette e la quantità abnorme di liquido emessa la fa sobbalzare, provocando una certa sorpresa in lei. "Certo che, buteleto, ti devi essere proprio divertito, sono proprio onorata, erano anni che non vedevo una roba simile" esclamò divertita. Io la ringraziai infinitamente per l'esperienza e le feci i miei complimenti, ma la signora batte con l'indice sull'orologio e capisco che questa volta devo proprio andare. Comunque ci accordiamo che la vicenda va sviscerata per benino e ci diamo appuntamento per l'indomani mattina. Se ai lettori interessano le evoluzioni, che me lo dicano. Saprò essere esaustivo.

Vota la storia:




20/12/2014 22:26

tiger

Essere senza nick , io sto bene con me stesso, ma preferisco farmi ua sega che scrivere certe favole patetiche per i polli!

19/12/2014 14:07

Mi sa che siete una manica di rosiconi finocchi e segaioli voi, altro che...forse vi attizzate con i racconti di quelli che si fanno sfondare il culo dai viados brasiliani! Post scriptum: quando arriverete ad un livello di scrittura verosimilmente comparabile al mio, allora fatemi un fischio!

17/12/2014 00:14

quasimodo

vaevictis qui l unico segaiolo illuso e patetico sei tu!

16/12/2014 17:43

vaevictis

Mi sembra che voi siate grandi esperti di seghe, vista la grande competenza e dimestichezza dimostrate in materia. Onestamente, che ci crediate o no, me ne sbatto i coglioni. Domani mattina il sole sorgerà ancora. Anche prr i segaioli.

16/12/2014 10:55

lunarossa

Questa si che e' una gran bella stronzata! E tu pensi ce io creda a questa storia! si si dopo poco che ti ha conosciuto ti ha invitato ad entrare in macchina e poi non vedeva l ora di fare sesso con te! Come dice sandro vai a farti delle seghe che e' meglio! E non c e ' niente di male!

16/12/2014 07:35

Sandro

La cosa che ti riesce meglio sono le seghe, limitarsi a quelle è un'opzione moolto valida

15/12/2014 18:04

vaevictis

De gustibus non disputandum est. E ognuno ha il beneficio di inventario. Se ci credi, bene, sennò cercherò di farmene una ragione di vita.

15/12/2014 17:44

giancarlo

SInceramente non so chi sia dei 2 quello vero ma questa storia mi sembra scritta da un sognatore che non potendo vivere nella realta la sua fantasia, si e messo a scrivere una storia poco credibile e alquanto banale nella struttura! Insomma per me oltre a non essere vera queta storia, non e' nemmeno eccitante!

15/12/2014 17:36

vaevictis quello vero

Testa di minkia, il testo l'ho scritto io, vaevictis sono io e non è du fantasia!

15/12/2014 15:06

Vaevictis

vorrei comunque dirvi che la storia e' di fantasia ma spero vi sia piaciuta lo stesso! Spero che non rimaniate delusi ma dovevo dirvelo! Non mi piace prendere in giro le persone! Comunque le giunoniche tipo anita ekberg sono sempre state le mie preferite!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!