• Pubblicata il:
  • Autore: America52
  • Categoria: Racconti gay
  • Pubblicata il:
  • Autore: America52
  • Categoria: Racconti gay

LA PRIMA VOLTA CON UN TUNISINO

LA PRIMA VOLTA CON UN TUNISINO
Era già da tempo che maturavo l’idea di incontrare un uomo con un bel cazzo e poi lasciarmi prendere dalla situazione. Capitò questa mia avventura in Tunisia a Tabarca, ero sulla spiaggia a prendere il sole quando mi accorgo di un bel ragazzo alto magro ma che aveva un bel bozzo davanti, faccio l’indifferente ma lui si accorge che gli avevo volto il mio sguardo sul suo cazzo e con la scusa di prendere un po’ di ombra mi chiede se può sedersi vicino a me, gli dico che non vi è nessun problema e parliamo del più e del meno perche’ parlava molto bene l’Italino, noto subito il gonfiore dei suoi pantaloni, perché dal di dentro il suo cazzo spingeva contro il tessuto. Non resisto, allungo la mano e glie lo tiro un po’ fuori dai calzoncini a ginocchio ma belli larghi che aveva, e gli comincio a fare una mezza sega sulla sua mega cappella e si intravvede un cazzo enorme da cavallo, mi dice lo ho bello lungo e largo circa 30 cm e largo circa 18, ha una mega cappella grossissima. a quel punto mi fa’ piedino visto che io gli avevo preso il cazzo in mano e lo stavo leggermente segando lui mi dice!!!, vuoi passare un po’ di tempo con me¬!!! Gli dico ok saliamo su nella mia stanza, lui mi viene dietro ed entriamo nella mia camera da letto un monolocale, lui comincia a spogliarsi ed entra in bagno per farsi una doccia e con mia grande sorpresa vedo che era veramente un gran bel ragazzo, statuario, magro, ma aveva un cazzo enormemente lungo e bello corposo da moscio e vedendomi gli era diventato mezzo barzotto, ha una mega cappella grossissima più larga del suo cazzo, ci cominciamo ad accarezzare lui mentre mi insaponava mi viene dietro mi fa sentire il suo cazzo mezzo barzotto lo strofina in mezzo alle mie chiappe e comincia a baciarmi sul collo poi dopo un po’ comincia a scendere giu’ fino a leccarmi dolcemente il mio buchetto ancora vergine poi con la mano prende il mio cazzo e comincia a segarmi me lo fa diventare di marmo, poi si gira e mi prende in bocca il mio cazzo duro, e con grande maestria mi sbocchina con le sue mani le poggia sui miei capezzoli e comincia a massaggiarmeli facendomi fare una mega sborrata che lui beve con avidità incredibile, poi ci asciughiamo e lui si distende sul divano e mi invita a prendere in bocca il suo cazzo e fargli un pompino, inizio a fare un su e giu’ al punto che il suo cazzo mezzo barzotto non mi entrava più nella mia bocca, lui cerca di infilarlo il più possibile dentro la mia bocca , ma a me mi venivano cognati di vomito perche’ me lo faceva arrivare fino in gola dopo poco dalla mia bocca fuoriusciva una saliva molto appiccicosa che sembrava che mi aveva sborrato in bocca ne facevo in grossa quantita’ che mi scendeva dai lati delle labbra, e mi disse non preoccuparti che mi serve per lubbrificare allargarti il culetto, lui si fa più audace, e cerca di baciarmi in bocca , io però mi scosto facendogli capire che avevo un po’ di disgusto, ma continuo ad accarezzare il suo mega cazzo, a quel punto mi invita a sdraiarmi sul letto, resto affascinato da quell'enorme cazzo gli arrivava come dimensioni al ginocchio ma bello duro e dritto , dolcemente mi chiede se me lo può mettere nel culo, gli dico sarebbe la mia prima volta per me!!! E lui ho visto che sei vergine ma sarò molto delicato non preoccuparti mi dice, io arrapato peggio di una troia gli dico di sì lo desidero, gli chiedo di lubrificarmi per bene il mio buco del culo con qualcosa di meglio della saliva, prontamente si alza e prende della crema bianca Nivea per le mani che avevo sul comodino e mi lubrifica l'ano con le dita dentro e fuori mettendo molta crema Nivea, gli infilo un profilattico nel suo mega cazzo che era diventato enormemente lungo e grande al punto che ebbi paura, mi riassicura e mi dice stenditi a faccia in giù così mi darai meglio il tuo culetto, lui mi mette sotto la pancia due cuscini per fare in modo che il mio culetto resti bello in su ed aperto e pronto per essere rotto, aspetto con ansia di sentire il suo cazzone che lo poggi sul mio foro mi metto le mano dietro allargo per bene le mie chiappe per riceverlo meglio dentro per facilitargli la penetrazione , vede questo e lui mi poggia la sua cappella strusciandola al mio foro per farmi eccitare di più poi poggia la sua cappellona nel foro del mio culetto e comincia a spingere piano, inizio a sentire dolore infernale, non riesce ad entrare sputa abbondantemente sulla punta del suo cazzone ma non riesce ad entrare all’ora mi fa’ sdraiare sul letto piegato a 90 gradi apre il frigo bar e prende un panino di burro di quelli che si utilizzano nella colazione del mattino, me lo spalma per bene dentro e fuori il mio foro, mi ristruscia avanti ed indietro in mezzo alle chiappe ed ogni tanto da delle spinte per cercare di fare entrare la sua cappella niente sempre dolore altro burro sia sul mio culetto che sulla punta del suo cazzo, lo punta dritto sul mio foro e ricomincia a rispingere di nuovo con colpetti da grande inculatore, sono eccitatissimo e mi dice ma sei vergine d’avvero!!!, dà una bella spinta e sento che il mio buco del culo mi va’ a fuoco la sua cappella riesce ad entrare e supera il mio buco e lancio un urlo quasi disumano, poco dopo con atre spinte mi mette la sua cappella e qualche cm del suo cazzo che entra dentro per come ero lubrificato, io lo prego di smettere che per il dolore sento che sto’ per svenire, e lui si ferma circa un minuto per dare tempo al mio culetto di adattarsi al suo mega cazzo, ormai sono lubrificato al massimo, ho un bel pezzo del suo cazzone nel culo circa la metà della sua lunghezza lui spinge ancora e mi dice fai il bravo che mancano solo 15 cm e poi ti farò godere come una troia, "gli dico aspetta" gli dico mi stai facendo un male cane sono con le lacrime agli occhi per il dolore, Lo tira fuori e mi accorgo che il profilattico si è rotto mi chiede se ne ho un altro, gli rispondo di no ma sono troppo affascinato da quel cazzo lo voglio tutto nel culo, la voglia ormai è tantissima gli dico che non fa niente, di continuare, mi lubrifica ancora il culo e me lo rinfila nel culetto con molto dolore la discesa sembra interminabile ma fa’ questo con calma fino a che sento le sue palle che sbattono sulle mie chiappe, in quell’istante realizzo che mi ha messo 30 cm di puro cazzo tutto dentro il mio culetto ormai sfraqnato, sono eccitatissimo anche perche’ sento che il suo cazzo dentro di me pulsa si muove senza che lui si muova, ho dei brividi incredibili di piacere dei sospiri da gran troia, lui se ne accorge e inizia a stantuffarmi piano piano e poi con foga lo tira fuori tutto e lo rimette di una botta il piacere è incredibile, mi accorgo che mano mano che mi incula mi si sta’ gonfiando la pancia, è il suo cazzone che quando lo tira tutto fuori e poi lo rimette mi immette dell’aria e mi sta’ gonfiando come una ruota di una macchina, lo imploro di non farlo perche’ sento il suo cazzone che quando lo affonda tutto in fondo mi arriva alla pancia, ma oramai è eccitatissimo e non riesce a fermarsi, Il dolore è forte, il piacere anche però, in cuor mio voglio essere sbattuto come una troia. Il ragazzo se ne rende conto e mi rivolge insulti: "godi troia, non è questo che volevi" "godi froscio, ti piace il mio bastone, ti piace, ti piace, dimmelo, dimmi che ti piace, dai frocio stringi il culetto quando lo tiro fuori che ho voglia di sborrare dai che tra poco ti arriva anche la crema, ti piace, dimmelo daiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii", faccio come dice lui e di li a poco sento il suo cazzo che si irrigidisce me lo pinge tutto fino in fondo allargandomi le chiappe al massimo, e sento dei schizzi caldissimi e realizzo che mi sta’ sborrando dentro, mi riempì di schizzi di sborra caldissima non so’ quanta me ne fece dentro ma fu piacevole più sentivo quei schizzi caldi e più mi sparavo un segone, ed io gli dissi "Siiiiiiiiiiiiiiii" ancora voglio ancora schizzi finche’ anche io sborrai a più e non posso, quando il suo cazzo diventò moscio il mio culetto lo rigettò fuori e poco dopo comicio’ ad uscirmi dal mio culetto dilatato sborra a fiumi mista ad un pochino di sangue ed una marea di scoreggine che non riuscivo a fermare perche’ avevo il culo dilatato al massimo mi era rimasto aperto mi aveva proprio rotto il culo . Restiamo per un po’ abbracciati e lui con il cazzo semi moscio cercava d rimettermelo dentro il culo, ma riusciva solo a metterne un pezzo poi il mio culetto lo rilasciava fuori, andò cosi per circa una mezzora, poi mi dice "bravo mi sono fatto veramente una bella inculata con mega sborrata nel tuo culetto che è diventato quasi una caverna la prossima volta non sentirai più dolore e sarà molto più gustoso perche’ prima di sborrarti dentro ti farò di tutto e di più, quando vuoi io sono sulla spiaggia, lui esce dalla mia stanza, poco dopo esco anche io dal mio mono localino prendo una macchina in noleggio e dopo poco mi fermo in una frutteria e mi compro dei cetrioli belli grandi e lunghi, con la macchina scelgo un posto molto appartato e comincio a sparami un segone mentre con delicatezza mi comincio ad infilare un bel cetriolo lungo e grosso senza sentire dolore, ormai avevo il buco del mio culetto bello aperto e bello morbido al punto che come ho spinto il cetriolo è subito entrato per un bel pezzo dentro, tutto questo mentre mi sparavo una sega, infilo tutto il cetriolo nel culo e comincio a fare un su e giu’ incredibile al punto che ho avuto un orgasmo anale, praticamente mi usciva dal culo un crema biancastra come se avessi sborrato, a quella vista mi eccito al massimo e faccio una mega sborrata. Dopo circa 15 giorni sono tornato a casa a Roma, e la sera quando sono solo nel mio letto penso sempre a quei giorni e mi sego ripensando ha quelle stupende inculate che feci, sicuramente tornerò in Tunisia per rincontrare Mashub cosi si chiama, e sono sicuro di rivederlo lui mi ha detto sicuramente ci rivedremo, questa fu un’esperienza fatta in Tunisia a Tabarca, e vi posso garantire che non sono più stitico e quando vado al bagno non mi sforzo più, e tiro delle scoreggione incredibili.



Vota la storia:




12/05/2015 00:45

Camillo 2

Non leggo mai queste "OPERE" faccio i commenti solo per beffeggiare i CULATTONI, e se, come dici tu Marcello, parla di un recchione mi ripeto scrivendo Maledetti americani """"

10/05/2015 16:12

marcello

racconto fatto da un ricchione mascherato e anche un po mitomane!! Un cazzo largo circa 18 cm???

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!