• Pubblicata il:
  • Autore: Frank7213
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Frank7213
  • Categoria: Racconti etero

La sorella della mia ragazza (parte 1)

Ai tempi in cui frequentavo il liceo ho avuto la proverbiale ragazza fissa. Il suo nome era Silvia. Era una ragazza molto carina, di carattere semplice, un po’ timida, a cui volevano bene tutti. In quanto tale non aveva il look delle altre mie compagne, vestite due terzi dell’anno come troiette da strada a prescindere dalla stagione; vestiva invece in modo molto semplice, ma aveva quel qualcosa che faceva in modo che qualsiasi vestito su di lei fosse molto sexy. Era alta un metro e settantacinque, bionda, un culetto da favola, e una seconda abbondante di seno. Portava gli occhiali, perché le lenti a contatto non le sopportava, e perché, ritenendo di non essere una bella ragazza, li indossava come una maschera, e nonostante io tentassi di farle capire che era tutto il contrario lei si ostinava con questa idea. Se li toglieva solo quando era a casa o con me, e ogni volta che lo faceva avveniva una metamorfosi: il brutto anatroccolo diventava un cigno. Era splendida in tutto, i suoi occhi, le sue labbra, il suo profumo, il modo in cui arrossiva quando le dicevo che era stupenda. Era di una bellezza eterea, quasi intangibile. L’eleganza caratterizzava ogni suo movimento, il mondo in cui mi baciava, mi accarezzava, mi parlava. Avevo già fatto sesso con altre ragazze prima di lei, ma con lei facevo l’amore. Lo so che può sembrare la stessa cosa, ma vi assicuro che con lei era diverso.
Ci amavamo tantissimo. Ma si sa molto spesso gli uomini cadono in tentazione, attratti da altre donne che li portano a tradire la fiducia della donna amata, e sebbene io fossi stato in grado di respingere tutte le altre, ce n’era una a cui non potevo sfuggire: la sua sorella, Ilaria. Era molto simile a Silvia, ma a differenza della sorella che era un angelo, lei era un diavoletto seduttore che aveva posato il suo sguardo su una nuova preda, nella fattispecie io. Il problema è che io non riuscivo a rimanere indifferente: era una figa da paura, molto simile alla sorella, si può dire che fosse l’alter ego peccaminoso di Silvia. Ciò non vuol dire che lei fosse una suora, anzi a letto era qualcosa di incredibile, ma il punto era proprio questo a letto era così, Ilaria invece era così sempre emanava sensualità in ogni cosa che faceva. Inoltre Silvia si rifiutava categoricamente di fare altro che il solito sesso, i pompini neanche pregarla me ne faceva uno, e nel culo non se ne parlava neanche. Da quello che sapevo, invece Ilaria faceva dei pompini da favola, e sembra che se lo fosse fatto mettere anche nel culo. Inoltre loro due erano molto legate, e non potevo neanche pensare di dire a Silvia che sua sorella ci provava con me che di sicuro si sarebbe incazzata col sottoscritto, e come minimo mi avrebbe lasciato in bianco una settimana (di più non resisteva neanche lei), oppure mi avrebbe lasciato e basta. E Ilaria questo lo sapeva, così poteva agire indisturbata senza temere che io dicessi qualcosa. Quindi io dovevo rimanere lì a subire quel supplizio, cercando con tutte le mie forze di rimanere fedele alla mia ragazza. Il fatto é che un pensierino su di lei ce l’avevo fatto eccome, avevo una voglia di sbattermela incredibile, una volta persino mentre mi scopavo Silvia, immaginavo di farlo con lei, e per poco non pronunciai il suo nome, mentre sborravo dentro la fighetta della mia ragazza. Inoltre uscivamo con lo stesso gruppo di amici, e Ilaria non mancava mai un’occasione di provarci con me. Si strusciava contro di me, mi abbracciava toccandomi con una mano il pacco, sculettava oscenamente di fronte a me mentre Silvia non guardava, insomma ero al limite. La prima svolta fu una sera dopo la discoteca. Era venuta a prenderci la loro madre, perché io avevo bevuto e non me la sentivo di guidare. Nei sedili posteriori del suv, Silvia si era addormentata perché aveva ballato tutta la sera ed era veramente stanca, io e Ilaria invece eravamo svegli, leggermente brilli e decisamente troppo accaldati. Lei accavallò le gambe, facendo salire ancora di più quel vestitino che arrivava a malapena a metà coscia. Intanto continuavamo a chiacchierare e ridere tranquillamente. Con la gamba accavallata rivolta verso di me, cominciò a strusciare la punta della sua Jimmy Choo nera contro il mio polpaccio. Notai che cominciò a muovere le cosce una contro l’altra, e a mordersi il labbro inferiore. Mi girai per assicurarmi che Silvia stesse dormendo, e quando lo appurai vidi che la madre parlava al cellulare, tutta presa dalla conversazione da non accorgersi di nient’altro. Tornai a guardarla, e lei sorridendomi aprì un po’ le gambe, facendomi vedere il suo tanga rosa. Era completamente bagnata. Con le sue dita sottili e le unghie curatissime, se lo abbassò e si infilò un dito nella sua fighetta perfettamente depilata. Inarcò la schiena e cominciò ad ansimare, sempre guardandomi negli occhi. Avevo l’occasione, e l’eccitazione prese il sopravvento sul buon senso. Mi avvicinai ancora di più a Ilaria, e con una mano le afferrai una coscia molto vicino al culo, palpandola per bene, mentre le baciavo il collo. Lei mi mise una mano dietro la testa, mentre continuava a farsi un ditalino. Per un attimo ci guardammo negli occhi, come per renderci conto di quello che stavamo facendo. Ma non bastò a fermarci. Le infilai la lingua in bocca, succhiai la sua, e assaporai quelle sue fresche labbra. Tornai a baciarle il collo, mentre sostituivo il suo dito col mio nel farle il ditalino. Ormai ero completamente proteso verso e su di lei, e se Silvia o la madre si fossero accorte di qualcosa sarebbe successo un casino, ma non me ne fregava nulla, volevo solo godermi quella puttanella che avevo fra le mani. E non fregava niente neanche a lei a quanto pareva. Mi aveva cinto il collo con le braccia, mentre io continuavo a sditalinarla. Prese a baciarmi anche lei il collo e la spalla, e mi sussurrò all’orecchio –finalmente…- –zitta e godi- le risposi io rudemente. Sentivo in me una sorta di eccitazione selvaggia, volevo punirla per tutte le volte che mi aveva eccitato e provocato senza che io potessi fare niente. Il ditalino era sempre più veloce, e lei faceva di tutto per non farsi sfuggire neanche un gemito. All’improvviso arrivò l’orgasmo, e le ficcai la lingua in bocca, baciandola con forza per coprire i gemiti, mentre lei mi inondava il dito dei suoi umori. Nonostante l’orgasmo fosse finito, continuai a baciarla, ma adesso con dolcezza. Ormai lei era distesa sui sedili, e io ero sopra con una mano fra le sue gambe. Sfilai il dito dalla sua fighetta e glielo porsi. Lei protese la lingua in fuori e cominciò a leccarmelo. Guardai fuori dal finestrino e mi accorsi che eravamo quasi arrivati a casa loro. Silvia dormiva ancora e la madre continuava a parlare al telefono. Ci rassettammo un attimo, lei si tirò su il tanga e si sistemò il vestito, io mi riallacciavo un paio di bottoni della camicia e mi sistemai il cazzo in modo che l’erezione non si notasse troppo. I cinque minuti di viaggio restanti, furono i più lunghi della mia vita, e li passammo in un silenzio imbarazzato, con lei che si lisciava il vestito sebbene fosse già a posto, io ancora sconvolto pensavo che avevo tradito la mia ragazza con sua sorella avendo lei proprio accanto. Appena la macchina si fermò, Silvia si svegliò e la madre chiuse il cellulare, e vide che Ilaria era tutta rossa in viso. Le chiese cosa avesse e lei rispose vagamente –il vino…-. Ci guardammo e ci sorridemmo complici. Era tardi e stanco com’ero la madre mi chiese se volessi fermarmi da loro, io accettai e avvertii i miei che non sarei tornato a casa. I genitori di Silvia sapevano che io e lei facevamo sesso e non avevano problemi in proposito. Salii in casa di Silvia, e lei andò in bagno a svestirsi, mentre io auguravo la buona notte ai suoi e ad Ilaria. Lei mi si avvicinò, mi diede un bacio sulla guancia e mi sussurrò -non è finita-, dopo di che andò sculettando in camera sua. Sentii Silvia uscire dal bagno e la raggiunsi in camera. Era completamente nuda, e il cazzo mi tornò in piena erezione. Le andai dietro mentre lei in piedi sistemava il vestito nel guardaroba. Le misi le mani sui fianchi e le baciai il collo dolcemente. Lei tirò indietro la testa, e con una mano mi accarezzò i capelli. Si girò verso di me e ci baciammo con passione. Scesi a succhiarle un capezzolo mentre con una mano le palpavo l’altra tetta. Lei cominciò ad ansimare, e socchiuse gli occhi dal piacere. Con una mano scesi e sentii che aveva la fighetta depilata già gocciolante di umori. Lei aprì un po’ le gambe e inarcò la schiena permettendomi di andare a leccargliela per bene, appoggiandosi con le mani sulla mia testa. Le infilai la lingua dentro la vagina, leccandogliela per bene. Lei continuava ad ansimare e si infilò un dito in bocca, succhiandolo. –uhmmm… sì dai… non fermarti Fra… ahh sì…- Iniziò a fremere sempre più forte, e quando capii che stava per venire mi fermai. La baciai, e sentii che era eccitatissima. Lei andò a palparmi il pacco e sentì che ero in pena erezione. –Sei eccitato eh?- -senti chi parla… sei fradicia-. Mi baciò nuovamente e mi accarezzò tutta la schiena, i fianchi fin ad arrivare al mio petto. La guardai negli occhi, in quei suoi splendidi occhi azzurri, così simili a quelli di Ilaria… Lei mi diede una spinta sul petto, che mi fece cadere sul letto. Lei si avvicinò e si mise a cavalcioni su di me. Con le mani andai ad accarezzarle le cosce, mentre lei armeggiava con la cintura, e mi apriva la cerniera dei pantaloni. Mi tirò fuori il cazzo dalle mutande e incominciò a farmi una sega –senti quanto è duro…-. Io intrecciai le dita dietro la testa, godendomi quel bel lavoretto di mano. Quando fu in piena erezione, lo tenne ben fermo e si impalò sul mio cazzo. Si stese su di me, che ero ancora vestito, e cominciò a baciarmi mentre io continuavo a scoparla. –Sì, non fermarti… ah sì…è bellissimo…- si mise completamente dritta, impalata sul mio cazzo, con le mani appoggiate sul mio ventre, e gli occhi al cielo godendo come una matta. Nell’eccitazione del momento cominciai a pensare come sarebbe stato fare lo stesso con Ilaria. Poi mi venne in mente che lei era nella stanza accanto, e che i muri erano parecchio sottili. –Slivia… dio… sei fantastica -cominciai ad alzare la voce –sto per venire…ODDIO SI, SI- -VIENIMI DENTRO… AHH SI SII- - STO VENENDO… STO VENENDO AH SIIII-.
Non resistetti più e le sborrai dentro la figa, allagandogliela. Lei si accasciò su di me, esausta, con il mio cazzo ancora nella figa, ma il pensiero che Ilaria fosse dall’altra parte del muro, e che magari si stesse masturbando sentendoci fare sesso, ridiede vitalità al mio cazzo. Intanto Silvia si era alzata, per andare in bagno. Io mi misi in piedi, le presi una mano e la tirai verso di me. La baciai con passione, e nel mentre la condussi contro il muro, a fianco al letto. Con le spalle alla parete continuavo a baciarla. Lei con una mano andò a toccarmi il cazzo, e trovandolo già in piena erezione, si staccò dalla mia bocca, e sorridendomi mi disse –di già? Avevi proprio le palle belle piene…- - sei tu… questa sera eri proprio vestita come una troietta, mi hai eccitato da morire- lei si passò la lingua sulle labbra e mi disse –dai che aspetti, sbatti la tua puttanella-. La presi per le cosce e la sollevai da terra, mentre lei incrociava le gambe dietro la mia schiena, e mi cingeva il collo con le braccia. La penetrai con un colpo solo, e iniziai a sbattermela contro il muro, provocando un tonfo ad ogni affondo. Lei cominciò subito a gemere come una puttana –dillo ancora… dillo ancora che sono la tua troia… ah sì continua… SI SI… PIU FORTE… AHH-. Ancora una volta l’immagine di Ilaria con due dita nella figa a masturbarsi, mi tornò alla mente, e tornai a pompare anche più forte di prima. –SI SEI LA MIA TROIA… LO SENTI QUANTO E’ DURO…SEI LA MIA TROIETTA E TI SBATTO COME MERITI…-. La portai sul letto e tornai a scoparmela, io sopra di lei . Poi nuovamente lei sopra di me, a cavalcarmi come una forsennata. Ero al limite, ma lei si sfilò il cazzo dalla figa un momento prima che le venissi dentro. –che stai facendo?- lei si mise in ginocchio sul letto e mi disse –sono la tua troia e come tale mi devi trattare. Sborrami in faccia- La guardai esterrefatto, ma non me lo feci ripetere due volte, cose così porche non erano da lei. Mi misi in piedi sul letto, e con una mano le tenevo fermo il viso. Lei mi guardava, con quei suoi occhi pieni di desiderio e libidine, mentre tirava fuori la lingua e mi massaggiava le palle, incitandomi –dai sborrami in faccia… la voglio sentire su di me-. Intanto io mi facevo una sega ad un ritmo forsennato, finché non sentii che il cazzo mi stava per esplodere. –sì sto venendo… sto venendo…- Le avvicinai il viso al cazzo, facendole sentire il suo odore acre –OH SI TI SBORRO IN FACCIA, SI, SI DIO-. Cinque o sei schizzi la colpirono in volto, alcuni anche sulla bocca. Io ansimavo, esausta con il cazzo moscio ancora in mano. La vidi leccarsi le labbra, e le dita, e poi sorridendomi, mi disse –non è stato così male-. Io crollai sul letto, e lei andò in b agno a lavarsi, poi tornò a letto con la testa appoggiata sul mio petto. Dopo poco ci addormentammo, ma prima mi sembrò di sentire dei gemiti venire dall’altra parte del muro.
“Domani sarà una giornata interessante” mi dissi sorridendo, e con questo pensiero mi addormentai.

Continua...


Vota la storia:




18/04/2015 10:24

pozzuoli

Molto bello aspetto il secondo

11/03/2015 11:50

alessiocd

Ma smettila di scrivere stronzate mitomane illuso!!Giusto quell essere senza cervello di cora puo crederti!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!