• Pubblicata il:
  • Autore: ALEX TOSATTI
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: ALEX TOSATTI
  • Categoria: Racconti etero

LE SCOPATE DI ILARIA ED ALEX - parte 1

LE SCOPATE DI ILARIA ED ALEX - parte 1 Troppo maschile come fisico, stretta di bacino, alta e con il mento prominente, Ilaria non è mai stata fortunata in amore. A parte il seno voluminoso, la natura non è stata generosa con lei. Non ricordo che abbia mai avuto un ragazzo uno spasimante, un fidanzato. Probabilmente se n'è fatta una ragione e, con il passare degli anni, si è abituata allo status di single, o meglio, di zitella. L'essere brillante, intelligente, simpatica, non sono mai bastati a farle trovare l'amore. Forse mi sbaglio, sarei felice se avesse avuto tante storie e fatto sesso con tanti uomini In gioventù, per qualche anno siamo stati nella stessa compagnia del diventando amici, poi ci siamo persi di vista. Eppure, le rare volte che ci siamo incrociati, per entrambi è stato un piacere parlarsi. Come sa chi legge i miei racconti, l'età ha modificato parecchio i miei gusti sessuali, che sono via via approdati al desiderio dell'imperfezione, del difetto e della NON bellezza. Dopo la separazione dalla mia ex, queste fantasie erotiche si sono concretizzate perlopiù con donne mature e niente affatto seducenti (almeno per gli altri). Siccome abitiamo ancora nella stessa cittadina, ho riallacciato i contatti incontrandola volutamente negli ambienti e nei negozi che frequenta. Da cosa nasce cosa e, il mese scorso, ci siamo trovati a casa sua per una "pizzazzàta" con vino. Lei ha ordinato le pizze a domicilio ed io ho portato il vino. Una cosa semplice e tranquilla, come si addice a due single che hanno passato i 50. Mi ha aperto la porta con il suo solito sorriso gentile e, visto che la pizzeria da asporto era stracolma di consegne e mancava ancora un'oretta, ci siamo seduti a tavola ed abbiamo bevuto un po' di vino. L'ho osservata con occhi nuovi ed ho subito notato che aveva tinto i pochi capelli bianchi e si era messa "in tiro" abbandonando i jeans per una gonna leggermente sopra il ginocchio, che mostrava due gambe depilate con cura. Sopra, una maglietta aderente che fasciava ed evidenziava due grandi mammelle coi capezzoli che sembravano perforare il reggiseno. Forse anch'io non le ero indifferente. Dopo il secondo bicchiere di vino, l'ho baciata leccandole prima il contorno labbra e poi mescolando la mia lingua con la sua. Essendo entrambi alti, seduti stavamo scomodi, allora ci siamo alzati in piedi continuando a limonare. Era inutile esitare. In luglio fa caldo. Mi sono tolto pantaloncini e clogs ed ho guidato la sua mano ed il suo sguardo sul mio il pene ancora flaccido, ma grosso ed arricchito da due maroni altrettanto grossi e penzolanti, Ilaria era già eccitata e l'ha massaggiato facendolo diventare "bazzotto" (mezzo duro). Era soddisfatta, felice, si sentiva femmina. Stava per inginocchiarsi e prenderlo in bocca, ma io l'ho fermata. - Aspetta, non avere fretta, lascia che possa accarezzare e leccare il tuo corpo nudo. CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!