• Pubblicata il:
  • Autore: MASTER CHEF
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: MASTER CHEF
  • Categoria: Racconti etero

MASTER CHEF... DI MINCHIA! - parte 2 - Londra

Nei rapporti con l'altro sesso, c'era qualcosa che non funzionava. I legami fissi, l'amore, mi stancavano in fretta. Non c'era più quella scintilla di'erotismo, quella curiosità che mi eccitava con le ragazze a pagamento, tutto diventava routine, abitudine. Così, a 21 anni, ho mollato tutto e mi sono trasferito a Londra. Basta fidanzate ufficiali, solo escort e, possibilmente, di lusso.
Grazie al mio talento gastronomico e al fatto di essere un cuoco italiano, è stato fin troppo facile trovare ottime occupazioni nei migliori hotel e ristoranti della city. In pochi mesi guadagnavo già bene e potevo permettermi una-due girl a settimana. Minchia, quante belle scopate! Consumavo più Durex che sigarette!
Ma la vera svolta è arrivata grazie alla mia passione per le porno-ricette. Una sera, nel ristorante dove lavoravo all'epoca, sono stato chiamato al tavolo da un importante editore di riviste sexy Lui voleva complimentarsi per la mia squisita cucina italiana tradizionale ma, quando gli ho descritto alcune mie ricette erotiche, ne è rimasto affascinato. Di lì alla proposta di aprire un ristorante esclusivo per gli amanti della porno-gastronomia, sono passati solo due giorni. Così è nato **** ***, ed è stato una sex bomb pazzesca! Ormai stufi di bistecche di vermi vivi, formiche fritte e crostate di cavallette, gli inglesi più trasgressivi andavano matti per quei piatti scandalosi. Era un gioco da ragazzi catturare il loro eccentrico appetito mischiandolo alle loro perversioni sessuali.
Nei primi tempi, parlo degli anni '90, l'attenzione si è focalizzata sui dessert. Oltre alla già citata "leccata al cannolo" congelata, che però andava consumata a domicilio, mi sono divertito a preparare dolci e pasticcini farciti con liquido seminale umano. E, visto che gli ingredienti freschi sono sempre più buoni e sicuri, all'inizio lo sperma veniva prodotto da una ventina di ragazzi, muniti di regolare certificato medico, nelle 24 ore precedenti e cotto a 100 gradi per qualche minuto, per renderlo più denso e, soprattutto, per garantire l'assoluta immunità da virus e batteri. Poi, visti gli eccessivi costi del personale, siamo passati alla sborra surgelata, però rigorosamente proveniente dalla Sicilia.
Apro una parentesi. Oggi purtroppo, specialmente in periferia, esistono dei locali che utilizzano liquido seminale cinese scarsamente controllato. Diffidate delle imitazioni.

CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!