• Pubblicata il:
  • Autore: Michele
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Michele
  • Categoria: Racconti etero

Quando i sogni diventano incontri. parte quattro


Mi chiamo Michele e questa è la quarta storia di vita del mio incontro dopo aver vissuto a Mantova ed essere tornato all'ovile a Parma.
Scusate se mi dilungo e lo faccio a rate il mio racconto, ma non lo scrivo mai tutto i nuna volta.
Mi piace rilassarmi la sera davanti al pc con un buon bicchiere di vino e cercare incontri e situazioni piccanti sul web e a volte mi masturbo leggendo le vostre storie di vita.
Ieri sera ho anche scoperto un sito di incontri in web cam con una trans e che permette di poter incontrar anche trav e mistress o anche semplicemente uomo o donna dicevo, la fantasia di provare ce l'ho...mi serve solo seguire quello che provo.
Scusate se mi sono divulgato troppo , ma è un mio difetto.
Tornando a noi :
"Io sono sposata...".
"Lo so e lo rispetto, per questo non mi sono mai..."
"Mi fai finire o parli solo tu?"
"Ah....ok".
"Io sono sposata...e sono sempre stata molto fedele a mio marito, ma ammetto che tu sei stato l'unico che ho desiderato di incontrare...Diciamo che se ci avessi provato ai tempo, prima ti avrei osservato per capire se avvessi corso il rischio di avere problemi futuri, avrei cercato di capire se sei rispettoso della privacy e della riservatezza, e a quel punto.....ammetto...ti ho pensato anche io, anche io ho avuto fantasie su di te..e non erano anche nel mio caso fantasie innocenti".
"Hai detto che sono l'unico che hai desiderato....lo hai detto usando il verbo passato".
"Beh , te ne sei andato. Sono contenta che sei tornato e anche per me non è cambiato nulla".
"Possiamo risentirci se ti va?"
"Possiamo vederci, che sarebbe meglio" rispose lei, " ..non si sa mai che passatno altri 10 anni".
Ci scambiammo i numeri di telefono e le promisi che mi sarei fatto vivo solamente dopo di lei per non disturbare e che non l'avrei mai cercata per primo per evitare problemi o situazioni poco piacevoli.
Rimsi tutto il giorno con il pensiero fisso delle sue parole, delle nostre confessioni e mi resi conto che ero proprio emozionato e che Sara mi eccitava tantissimo.
Quello che non mi aspptavo di certo era che si facesse viva così presto...

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!