Sul tram

La mia mamma si è sposata molto giovane, aveva 18 anni, io sono nata quando lei aveva la mia età di oggi,: 19 anni, ora ne ha 38, è una bella donna (da qualcuno ho preso), una figura slanciata, pancia piatta, seno sodo, bionda anche lei, parecchi uomini si girano a guardarla quando esce per strada, papà ha una quindicina d’anni più di lei, ma da giovane, ho visto le foto, era davvero bello, adesso è decisamente diverso : almeno venti chili di troppo, molti capelli in meno e, soprattutto, quasi sempre via per impegni di lavoro, quindi quello che vi racconterò oggi è una logica conseguenza di tutto questo.

Papà era, come al solito, via per lavoro, penso fosse in Sardegna per un contratto il martedì la donna di servizio ha il giorno di libertà e la sera prima aveva chiesto a mamma un giorno in più per andare a trovare la sorella a Casale Monferrato, io, quella mattina ero andata in università, ma appena arrivata davanti al cancello avevo trovato bandiere rosse ed un picchetto : oggi sciopero, non sapevo perché, ma tant’è.

Torno a casa un po’ accaldata e furiosa, potevo rimanermene a letto, automaticamente entro con la mia chiave, mamma sarà fuori, vado in camera mia, mi spoglio e mi infilo sotto la doccia, è un’abitudine, sempre appena arrivo a casa, la prima cosa è la doccia, mi rilasso, mi avvolgo in un asciugamano e vado in cucina a prendere uno yogurt, rumori da una delle stanze per gli ospiti, sarà la mamma che mette ordine, spalanco la porta senza pensarci e c’è la mamma ma……...non è sola, è a letto con un uomo, non mi sentono, non mi vedono, ma io si e riconosco il ginecologo mio e di mamma, so che hanno praticamente la stessa età, però che storia………… richiudo la porta in silenzio e mi ci appoggio contro, non penso che mamma lo ami, è solo sesso, ne sono sicura, appoggiata alla porta sento i gemiti della mamma, certo che ci danno dentro, sento un urlo, mamma deve essere venuta, che impressione però, torno in cucina e mi accoccolo su uno sgabello mangiando il mio yogurt e intanto penso a quello che ho visto, non sono arrabbiata con lei, so cosa vuol dire avere “voglia”, immagino che papà, dal quel punto di vista sia un po’…….carente, mi viene da ridere, però la situazione potrebbe volgere a mio favore.

Avevo preso una decisione e mi diressi verso la camera degli ospiti, spalancai la porta e il mio ginecologo che era appoggiato alla spalliera del letto mentre la mamma gli faceva un bel pompino, stavolta mi vide, e battendo sulla testa della mamma disse :”Anna, Anna…...tua figlia………..”; la mamma sollevò il viso, si girò e mi vide, prese il lenzuolo e si coprì la testa, senza pensare al fatto che il resto del suo corpo era completamente nudo ed esposto; la situazione era ridicola, perché così facendo la mamma dava l’impressione di star continuando il suo lavoro sul membro del dottore però coperta dal lenzuolo; raggiunsi il letto, mi sedetti sul bordo e la chiamai :” mamma, mamma… dai non fare così, non è successo niente, dai, non ti preoccupare, capisco, stai tranquilla”.

Nei suoi occhi qualche lacrima ed un tentativo di scuse ma la blocco subito accarezzandole il volto, e dicendole :” senti ho capito benissimo, papà non c’entra, e poi ……… è carino, dai!” lei sorride e tutte e due guardiamo il “nostro” dottore, che sta tentando di rivestirsi facendo finta di niente, con l’unico desiderio di andarsene, io e la mamma ci guardiamo e scoppiamo a ridere tutte e due, mentre il dottore guadagna l’uscita.

Mentre lei fa una doccia io sistemo il letto e poi ci ritroviamo tutte e due in cucina davanti ad una tazza di caffè americano, comincio il mio discorso con un “senti mamma” e la convinco subito, cosa le ho detto? Che ho bisogno di un posto mio, un posto dove possa stare da sola senza avere problemi ed incontrare chi voglio e che, se anche lei, qualche volta, vuole andarci, beh, che problema c’è?

Dopo qualche ricerca trovo un appartamentino in Via Pavia, sul naviglio, nulla di che, una stanza, un cucinino ed un bagno, al terzo piano ma con l’ascensore, non costa moltissimo ma è completamente vuoto e ha bisogno di una bella imbiancata, oltre a qualche lavoro, un paio di amici dell’università mi danno una mano e, in cambio io do loro qualcos’altro, praticamente mano d’opera a costo zero, comunque dopo qualche giorno mi ritrovo un piccolo gioiello :
Il cucinino è completamente diverso e molto funzionale, sul pavimento di vecchie marmette una soffice moquette, il bagno completamente rifatto con una vasca recuperata di quelle con i piedini a zampa di elefante e, la camera con un letto enorme (2 metri x 2) e un grande armadio con le ante a specchio che prende tutta una parete dove potrò mettere tutti i vestiti che “non” posso tenere in casa, a questo proposito un pomeriggio sono entrata in uno di quei negozi, un sexy shop, vicino alla stazione centrale, e ho comprato di tutto, ora ho l’armadio pieno e non solo di vestiti.
Telefono alla mia amica Lisa, che abita a Lodi, la vado a prendere in stazione a Rogoredo, e la porto nel mio piccolo nido, rimane impressionata, soprattutto dal contenuto del mio armadio, la trovo dimagrita da quella volta al cantiere, sta proprio bene, dice che vuole fare il “salto di qualità” dice che ci sono delle sue amiche che usano i giornali per annunci e lavorano in casa propria, più sicurezza e più guadagno, mi interessa? Le rispondo che non cerco quel genere di lavoro, però non la giudico, se non avessi i miei che mollano i cordoni della borsa, forse farei altrettanto; passiamo la serata guardando i mie acquisti e giocandoci un po’, è piacevole e si ferma a “dormire” da me, al mattino, abbastanza tardi, la riaccompagno in stazione e la saluto con l’accordo di risentirci presto e che, se le capita una situazione “interessante” di chiamarmi.

Io, normalmente, dormo a casa dei miei, soprattutto quando c’è papà, una sera che lui era già a letto, io e la mamma rimanemmo in salotto a fare quattro chiacchere, lei si sfogò un po’ ed io, allora, le proposi qualcosa di diverso, di……….trasgressivo; concordammo di trovarci da me il pomeriggio successivo verso le quattro e poi andammo a dormire.

La mamma fu puntuale, si guardò un po’ in giro e poi si sedette sul bordo del letto, quando aprii l’armadio quasi saltò in piedi, comunque le spiegai cosa intendevo la sera prima: l’avevamo già fatto io e la mia amica Carla, anche se devo dire quella volta con mamma andò un po’ diversamente, avremmo preso il tram, proprio così, lei mi guardò stupita ed io le spiegai cosa succedeva in tram nelle ore di punta, la calca in cui ci si trovava e le cose che potevano succedere, mi sembrava un po’ incredula, comunque la convinsi e poi ci cambiammo.
Le feci indossare un paio di slip in pizzo aperte sul davanti, calze e reggicalze ed un vestitino di maglia molto accollato sul davanti che, però, lasciava la schiena praticamente nuda, era corto abbastanza ma non faceva vedere il bordo delle calze, era perfetto per lei, avevamo praticamente la stessa taglia, a parte il seno che lei aveva un po’ più grosso del mio, il vestito stava meglio a lei ahimè, completai il tutto con un paio di scarpe decoltè tacco 8 ed un giaccone in cashmere appena più corto del vestito, però senza bottoni, tenuto chiuso solo da una cintura in vita, io mi vestii in maniera più adatta alla mia età, minigonna di jeans, non troppo corta, stivali, un bomber corto e………...niente slip.

Lasciammo l’auto all’ormai conosciuto parcheggio di Largo Corsia dei Servi e ci avviammo a piedi, arrivate in Via Dogana aspettammo alla fermata del tram che era già piena di gente, del resto erano le 18,00, uscivano dagli uffici, avremmo preso il “24”, lo stesso di Carla, mentre aspettavamo il tram notai diversi gruppetti di uomini che ci guardavano, molti con la valigetta in mano, comunque, finalmente, arrivò il tram, ci fu, praticamente, un assalto, anche noi fummo trascinate dalla calca e riuscimmo a salire, eravamo schiacciate una contro l’altra, praticamente di fronte, quasi abbracciate, muoversi era praticamente impossibile, si chiusero, finalmente, le porte ed il tram partì.
Durante il tragitto riuscimmo a farci un po’ di spazio, non tanto per muoverci quanto per respirare, il aprii la zip del bomber, avevo già caldo e la mamma fece altrettanto con la cintura del giaccone, poi rimanemmo così in ……… attesa; appena il tram ripartì dopo un’altra infornata di gente, ma come facevano?, da piazza Missori io sentii una mano sul sedere, al di là dei jeans della mia mini, guardai la mamma e, dal suo sguardo capii che anche lei non era più…..sola, guardando dietro le sue spalle vidi un paio di uomini che, praticamente le erano incollati addosso, chissà quale dei due stava…………….. o forse tutti e due? Ora la mano si era infilata sotto la mia gonna, e mi accarezzava il sederino, sorpreso di non trovare gli slip? Si intrufolò sempre di più fino a lambire la mia passerina e, cominciò a masturbarmi, guardando la mamma mi resi conto che anche lei subiva lo stesso trattamento, era tutta rossa e aveva gli occhi semi chiusi, ogni tanto vedevo che con la lingua si inumidiva le labbra, caspita le piaceva proprio, beh anche a me, comunque piaceva, ero completamente bagnata, penso che gocciolai per terra, in quel momento la mano lasciò la mia passerina, sentivo il dorso di quella mano armeggiare sul mio sedere, cosa stava facendo? Di lì a poco compresi, pelle su pelle, sentii un cazzo strisciarmi sul sedere, cosa voleva fare? Lì sul tram? Sentii due mani allargarmi leggermente le gambe ed una cappella puntare alle mie grandi labbra, chiusi gli occhi, durante la penetrazione e poi con un sospirone li riaprii, mamma mia, mi stavano scopando in piedi, e la mamma? Lei si era girata, la vedevo di schiena, però aveva le mani sulle spalle di un uomo davanti a lei, penso stesse facendo la stessa cosa però di fronte, intanto il tram proseguiva a passo d’uomo ed io ebbi il mio primo orgasmo, anche l’uomo dentro di me aumentò leggermente il ritmo, poi mi mise anche un dito nel sederino uhm però che bello andare in tram.
Poi tutto finì, la gente stava diminuendo, ad ogni fermata qualcuno scendeva, ci risistemammo, e trovammo un posto addirittura a sedere, chissà chi erano quegli uomini? Io e la mamma ci guardavamo e ridacchiavamo, però che esperienza, arrivate al capolinea scendemmo, adesso era il caso di trovare un taxi per tornare indietro, mentre ci guardavamo intorno, però,una macchina ci affiancò, a bordo tre uomini, uno dei tre, dal finestrino aperto ci chiese se volevamo un passaggio e poi, con un gran sorriso “così se volete continuiamo quello che abbiamo cominciato sul tram” ma questa è un’altra storia.

Vota la storia:




06/07/2015 22:28

Fran

PERDIANA DIANA ma sei un vulcano, scrivi continuamente, fermati, qui ce ne sono a bizeffe di cazzate. --------Come scrittrice sei un cesso - Parola di ALBERTO GARLINO

06/07/2015 17:34

marlboro

diana curati che stai male forte!!

06/07/2015 15:25

MAX

Diana,ma vaffanculo và!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!