• Pubblicata il:
  • Autore: Ivana50
  • Categoria: Racconti trans
  • Pubblicata il:
  • Autore: Ivana50
  • Categoria: Racconti trans

Trans al volo

Forse non tutti mi conoscono ancora, io faccio il tassista a Milano, inizio alle 12 in piazzale Lagosta, ebbene Lunedì stavo appunto andando sul posteggio quando in Piazza Dergano una trans mi chiede di salire, mi fermo e lei mi sale davanti con me, si mette diligentemente la cintura poi mi chiede di portarla a Melegnano:
Questa è una trans Argentina si chiame Jesabel, da una canzone in voga negli anni 50, è bionda con grossi occhi espressivi, due bellissime tettre della 4 misura e purtroppo con jeans lunghi, dopo un pò iniziamo a conoscerci, lei mi racconta che era in casa di amiche, e tornava a casa dopo aver passato il weekend da loro, io gli ho risposto che la domenica ero andato in un cinema porno in viale padova e lì mi ero divertito a far godere due amici, lei mi sgrana gli occhioni, e mi chiede se ero gay, alla mia risposta affermativa mi chiede se mi piacevano anche le trans ed alla mia ennesima ed entusiasta risposta affermativa, mi mette un braccio sulla spalla, la sua voce si fà più dolce, affettuosa, insinuante, mi chiede se quando faccio l'amore sono attivo o passivo ed alla mia risposta si fà ancora più suadente, io sono al 1000% passivo, poi mi bacia, un bacio leggero, dolce, con la sua voce dolcissima mi dice che gli piaccio molto, si abbassa lo zip dei pantaloni ed estrae il suo uccello, ancora moscio e mi dice che se voglio me lo metterà in bocca e poi mi scoperà, gli dò un bacio leggero a quel coso di carne e subito ha come un rinvigorimento"Vedi, gli piaci anche a lui".
Intanto siamo arrivati a casa sua, una palazzina di 3 piani, mi invita ad entrare, la casa è bella, piccola ma molto accogliente, subito unasala-cucina, un divano, poi un bagno e una camera da letto, lei mi fà entrare per primo, poi una volta entrata mi abbraccia da dietro molto stretto, ed inizia a leccarmi e baciarmi, io mi sento sciogliere nelle sue mani, la sua lingua sulle mie orecchie è il colpo di grazia, lei cosciente di questo, mi sostiene,"Ecco, ora sei la mia troietta ed io sono tua padrona, ti prenderò e diventerai mia, ti riempierò di sborra, bocca e culo e tu non potrai più fare a meno di me, sarò la tua droga, hai capito troia, anzi ora ti chiamerò troia, sara il tuo nuovo nome"
"Và bene padrona, prendimi, fammi tua, ti prego"
"No, ti devi mettere in ginocchio e baciarmi i piedi"
"Subito"
Per meglio accontentarla mi sdraio completamente per terra e mi trascino fino a baciarle i piedi"
"Oh che brava sei"
Adesso mi fà alzare, poi no, mi fà andare a carponi, mi mette un guinzaglio da cani al collo e poi mi trascina in camera da letto, qui mi fà salire sul letto e sempre a carponi mi metto sul letto, poi mi viene dietro e con un colpo solo mi entra nel culo, sono troppo eccitata e non sento nessun dolore, lei meravigliata da questo mi apostrofa con zoccola, succhiacazzi, culoaperto, ma io oremai sono sua e glielo dico"Padrona, sono tua, prendimi sono eccitata da questo, eccitata di appartenere a te, per questo il mio culo è largo"
Comincia così a scoparmi subito vigorosamente, il mio corpo è sballottato ad ogni suo affondo, poi dopo un pò si siede e così io rimango completamente infilato sul suo uccello, le sue mani scorrono a palparmi il petto, strizzandomi i capezzoli,
"Sei mia troia, totalmente mia, ora dopo averti scopato e riempito di sperma trasformerò il tuo corpo, diventerai un bellissimo travestito, poi arriverà mio fratello e ti avrà anche lui"
Si padrona, sono tua, fammi ciò che vuoi"
Il ritmo della scopata si fece forte, incessante, poi cominciò a perdere colpi ed infina mi sentii invadere da un liquido caldo, appiccicoso, rimanemmo così per un pò di tempo, poi lei si tolse da me e quindi potei ripulirgli l'uccello con la mia lingua.
Jesabel era felice come una bambina, io nudo ed estasiato davanti a lei vedevo il volto sorridente e felice di una bambina a cui avevano regalato un bambolotto, un bambolotto speciale; mi portò in bagno e qui iniziò a truccarmi, un trucco pesante, insistette molto sugli occhi, me li rese neri penetranti, da vera zoccola, poi mi mise una parruca di capelli neri lisci molto lunga, poi mi diede delle calze autoreggenti nere a rete una gonna cortissima ed una maglietta con già inserite delle tette della 4 misura con un forte decolletè, mi stava ancora preparando quando arrivò il fratello, Lucas un ragazzo giovane sui 19 anni, riccioluto e leggermente rotondetto, mi vide e mi sorrise"Che bella sei"
"Grazie Lucas, anche tu sei carino"
"Come ti chiami?"
"Tua sorella mi ha dato il nome di Troia"
"Bene Troia, vieni da me, mi piaci e ho voglia di te2
"Si arrivo, sono pronta, eccomi"
"Troia, mi prepari da bere, voglio una birra"
"Subito Lucas"
Vado verso il frigorifero, ho i piedi nudi, lo apro e prendo una birra, poi prendo ilbicchiere e gverso la birra nel bicchiere, poi lo dò al ragazzo,"No aspetta, arrivo, mettilo sul tavolo"
Allora vado verso il tavolo e appoggio il bicchiere,
"Più lontano"
Mi allungo, lui mi è dietro, mi alza la gonna e mi è subito dentro,"Troia, avevo voglia di prederti in piedi", io ero ancora appoggiata al tavolo e lui mi stava scopando, le sue mani sulle mie finte tette, sentivo il msuo respiro eccitato dietro di me"Lucas, mi piaci tantissimo, ti prego non venire subito, ti prego"
"Troia sei troppo bella ed eccitante, ti voglio solo mia"
"Eh, no, è anche mia" disse Jesabel
"Sapete cosa voglio fare per essere meglio vostra?"
"No, dicci"
"Denudatemi tutta, tranne le calze e la parrucca, poi mettetemi a letto a culo in sù, magari mi mettete un cuscino sotto il culo, poi mi legate mani e piedi al letto, qui, potete scatenarvi e divertirvi come ne avete voglia, sarò vostra completamente"
"Uè, sei proprio Troia"mi disse Lucas"
"Ho indovinato perfettamente il nome"disse Jesebel
Così mi portarono a letto, mi denudarono e mi legarono, poi mi misero un cuscino sotto il culo ed iniziarono a scoparmi, a scoparmi, a scoparmi, iniziò per prima la trans e poialternativamente uno o l'altra, uno e l'altra, e ancora, ancora, il mio cula si riempiva di sperma, molta ne usciva, io mi sentivo in paradiso, rilassata e contenta eeeee molto eccitata, tanto eccitata che anch'io venni 2 volte sporcando il cuscino.
Ala fine erano esausti, li avevo finiti ed io invece ero fresca e ancora vogliosa.
"Avete già finito di scoparmi?"
"Perchè ne vuoi ancora"
"Ancora, ancora e poi ancora"
"No, basta, sei troppo troia per noi"
"Bene ora che vi ho sfiniti, mi prendo il 100 euro che è sul tavolo e me ne vado.
UNA TROIA Và PAGATA.

Vota la storia:




29/02/2008 00:17

ivana50i

ai magici sfondati in culo, sapete leggere solo eva2000, per la mummia continua a dormire x l'eternità.

28/02/2008 19:32

LA MUMMIA

IVANA 50 MA NON HAI NIENTE DA FARE? PENSI SOLO HAI CAZZI DEI TRANS E DEI NEGRI? MA CHE HAI IL CULO AD ANTENNA PARABOLICA, DOVE RICEVI TUTTE LE ONDATE DI SBORRA E POI TRASMETTI RACCONTI STUPIDI COME QUESTI? SENTI IO TI CONSIGLIO UNA COSA FICCATI 2 TRALICCI ENEL IN CULO FORSE RETTIFICHI QUEL CERVELLO DA RICCHIONE SFROCIATO CHE SEI

27/02/2008 08:16

sfondato in culo

voglio fare l'amore con il bastone di "magico" di cui sopra

26/03/2011 17:16

ivana50

Magico e mummia quando mi troverete pulitevi prima, magari col ddt, delle merde come voi mi sporcate, siete la vergogna del sito

26/02/2008 14:22

magico

ma chi non ti conosce? una volta ti facevi chiamare lambiluisa, poi hai preso tanti di quei favva che hai deciso di cambiare nome. Frocio e culattone di merda, bugiardo come un tacchino col culo rotto, ma come, ti vantavi di conoscere tutti i trans di milano e adesso raccnti ste' menate, ma vai a cagare pezzo di m ............................ altrimenti qualcuno te lo romperà davvero il culo, ma con un bastone però

18/05/2011 11:32

ggg

ciao ivana50 le tue storie mi eccitano molto. sono molto attratto dai trans ma ancora non ho provato. Mi chiedevo se, date le tue conoscenze, potevi aiutarmi o indirizzarmi. se vuoi risp la mia mail è gyggs@hotmail.com

09/03/2008 23:54

ivana50

magico un cazzo in culo a te, meglio culattone che stronzo e ignorante come te.

06/03/2008 22:02

LA MUMMIA

IVANA50 NOI LEGGIAMO EVA2000 TU INVECE TI ARROTOLI EVA 2000 CON TUTTA L'INSERZIONE IN OMAGGIO E TI FAI LE SEGHE IN CULO E POI QUANDO ARRIVI A 2000 BOTTE DICI: E VA! CHE LA SBORRA ACCUMULATA IN CULO ADESSO ESCE....HAI CAPITO?? HAI IL CULO OTTURATO DA TROPPA SBORRA , PER PIACERE DATTI UNA CALMATA CULATUN!!!

05/03/2008 14:19

Dario Fo

Esprimo tutta la mia solidarietà a ivana50.

04/03/2008 14:30

magico

ivana50 alias lambiluisa, il tassista culattone di milano, attenti però, è idrofobo, lercio ed è ammalato di aids. Schiattati in culo le bottiglie da 1 litro busone, froscione, ricchione di merda.

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!