• Pubblicata il:
  • Autore: Lucciola fra le mani
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: Lucciola fra le mani
  • Categoria: Racconti orge

Un rumore di tacchi a spillo

Un rumore di tacchi a spillo.


E' sabato mattina presto, non riesco a dormire.
Sbadigliando apro il frigo cercando qualcosa da mettere sotto ai denti per colazione.
A parte una vaschetta con del prosciutto rinsecchito, una mela e qualche zucchina appassita non vedo molto altro di commestibile.
Ultimamente sono stata spesso a pranzo fuori e il frigo ne ha patito.
Oggi mi devo accontentare di un caffè e di un paio di crackers.
E' assolutamente necessario reintegrare le scorte soprattutto di carne.
Carne fresca...di ogni genere.
Infatti è da non so quanto che non scopo, ho perso il conto... settimane...o mesi, boh?!
Sono stanca di questa vita di rinunce, basta con i bastardi che ti fanno innamorare e poi ti tradiscono, con mariti puttanieri; ho ancora delle frecce al mio arco e so cosa voglio. Lo so bene.
Ma la priorità  ora è la spesa.
Stamattina devo dire che mi sento in forma. Chissà , che non sia la volta buona, tentar non nuoce.
Mi metto in tiro versione escort di alto bordo.
Tengo molto all'abbigliamento, lo ritengo fondamentale per una "cougar" che vuol fare colpo.
Apro l'armadio e pesco dalla collezione di tubini, che sono la mia passione, uno in spandex stretch bianco, con ampia scollatura e corto ben sopra il ginocchio, calze velate con la riga posteriore e scarpe tacco dodici, ovviamente bianche. Per finire bracciale, girocollo e orecchini coordinati in rame .
Sotto niente reggiseno e brasiliana bianca.

Parcheggio la Mito nel sotterraneo e prelevo un carrello.
Causa l'orario, nonostante sia sabato l' Ipercoop non è molto affollata, per lo più si tratta di anziani
pensionati che, curvi spingono i loro carrelli stracolmi come se l'indomani dovesse scoppiare una guerra; accompagnati da donne la cui femminilità  si è ormai persa sotto il peso degli anni e dei chili di troppo.

La mia presenza all'interno del mercato suscita occhiate e brusii, immagino non sempre lusinghieri, ma questo fa parte del gioco e mi eccita. E' bello sentire di nuovo battere il cuore.

Arduo in questo contesto pensare di trovare qualcuno di passabile da portarsi a casa, ma non dispero.
Cerco una corsia dove poter gettare la mia esca; non mi interessano gli articoli che vi sono esposti, purchè sia poco frequentata.
Quella del bricolage fa al caso mio: clientela prettamente maschile è poco transito.
Non devo attendere molto perchè il mio pesce abbocchi.
Me ne stavo piegata in avanti con le gambe flesse e col deretano bene in vista fingendo di cercare un certo articolo, quando mi sento sfiorare con tocco leggero il culo, mi giro e:
- Le chiedo scusa signora, ma queste corsie sono così strette...

Beh! Devo dire che ho visto di peggio:
viso vissuto, un po' maturo forse; sui 55 anni? Capelli corti a spazzola ormai bianchi, baffi e pizzetto dello stesso colore, un paio di ridicoli occhialini rossi. Un poco in carne ma piacente. Eleganza sportiva. Non male tutto sommato.
Perchè no? Oggi è il suo giorno fortunato, penso.

- Mi chiamo Gilberto e... mi scusi ancora.
- Molto lieta, Roberta.
- Permetta che le faccia i complimenti per il vestito e...per tutto il resto.
- La ringrazio lei è un vero gentiluomo. Sono rari oggigiorno gli uomini gentili con le donne come lei.
Rispondo falsamente affettata.
E lui abbocca.
- Signora, mi consenta di offrirle qualcosa da bere.
- Non ora, mi spiace sto andando di fretta, un'altra volta forse.
- Aspetti, tenga. Questo è il mio numero di cellulare...per la prossima volta se ne avrà voglia.
- Grazie, ci penserò.
- Certo che si trova proprio ogni genere di mercanzia all' Ipercoop, fa' lui sornione.
- Ooh! Si è proprio vero. Rispondo io. Basta poter pagare!
- Per quello non ci sono problemi. Roberta mi telefoni, ci conto. Arrivederci. E' fatta!
Mi dedico all'acquisto di ciò che mi occorre, incurante del brusio e delle considerazioni sottovoce più o meno volgari riguardanti alcune parti del mio corpo.
Perfino la cassiera, una cicciottella sui trent'anni mi squadra con un'espressione di patetico disgusto.
Ma sono contenta perchè riesco ancora a far girare la testa agli uomini.
Sorrido mentre torno alla macchina.

Trascorrono alcuni giorni in cui il lavoro mi assorbe molto e la sera sono stanca, ma non mi sono dimenticata di Gilberto e dell'appuntamento.
Mi decido e lo chiamo.
Sembra contento di sentirmi e fissiamo per la domenica alle 16 a casa mia.
Anche io sono contenta. Provo, al pensiero, un certo rimescolo a livello inguinale.
Ho troppa voglia di maschio!

Oggi è giovedì, mancano tre giorni, non c'è molto tempo.
Parrucchiere, estetista e manicure senza dimenticare una spuntatina fai-da-te ai peli della fica.
Si perchè ho deciso di farmeli ricrescere, da quando Arturo trovava la mia passerona molto più sexy così che rasata; e gli devo dare ragione, sta benissimo!
Un perfetto triangolo scaleno di pelo duro che con i suoi vertici lambisce l'inguine e sovrasta la vulva,
in modo che dal pizzo delle mutandine ne fuoriesca appena un ciuffetto...Very sexy!
Per domenica ho deciso: vestito color prugna, stile baby doll, leggero e pratico con spalline.
Tacco alto e niente reggiseno e mutandine solo un paio di collant da poco prezzo.

Il suono del campanello mi fa balzare il cuore in gola, sono eccitata e curiosa per la nuova piega che forse sto per dare alla mia vita.
- Ciao Roberta.
- Prego Gilberto, accomodati.
- Questi sono per te.
E mi porge un mazzolino variopinto e ben confezionato.
- Sono deliziosi. Vedo che la galanteria non è morta. Grazie davvero. Dai siediti, gradisci qualcosa...?
- Un caffè se possibile.
- Te lo faccio subito. Là sul tavolino ci sono dei cioccolatini, serviti.
- Sei sposato, single o cosa? Chiedo dalla cucina alzando il tono della voce.
- Sette mesi, poi l'ho lasciata il matrimonio non era fatto per me.
- Caspita! Una cosa veloce. Io c'ho messo di più ma ora sono finalmente libera.
- Lasciata mia moglie ora vivo con mia madre, ho qualche soldino da parte e scopo con chi mi pare.
Gli allungo il caffè e mi siedo su una poltroncina difronte a lui.
- Bene! E dimmi, ti piace condurre tu il gioco o preferisci che lo faccia io?
- Non saprei...comincia tu, poi si vedrà.
Mentre parlava mi sono sollevata il vestito sopra l'ombelico e ho poggiato i talloni sui braccioli della poltroncina. Seppur opacizzato dal collant il boschetto nero risultava ancor più invitante e irresistibile.
- Mi sembri un po' nervoso?...
- Beh...ci metto un po'...non ti conosco.
Ma i pantaloni tradivano le sue parole.
- Tranquillo non ce n'è motivo. Siamo qui per divertirci, dunque...
Senza parlare, posa la tazzina e s'inginocchia difronte alle mie gambe; resta interdetto sul da farsi a causa delle calze.
- Che buon profumo hai!
- Forza maschione! Lascia perdere. Strappami questi collant e serviti il pasto.
Un gatto selvatico sarebbe stato più delicato.
Sospiro. Finalmente una lingua calda e curiosa che s'intrufola fra le pieghe del mio sesso.
Chiudo gli occhi mentre lui acquista sicumera ad ogni lappata; ora ho un dito sia in fica che nel culo, allunga una mano a cercare un capezzolo, gli accarezzo la nuca. Mentre succhia, titilla e sbava.
- Bravo! Così. Dai! Ora spogliati.
Mi alzo e, piegandomi in avanti gli mostro lo spettacolo del mio culo in parte ancora avvolto nel collant.
- Cosa aspetti maiale. Puoi togliermi questo impiccio, per favore? Mi pare che al supermarket ti piacesse...o no?
Lo stridore del tessuto strappato mi accende un brivido di lussuria.
Sollevo la coscia sinistra appoggiandola sul bordo del tavolo e...
-Avanti chiavami!
E stavolta Gilberto non si fa pregare;
Mi entra in fica con tale violenza che devo aggrapparmi ai bordi per non perdere l'equilibrio.
Finalmente mi sento viva, non importa che sia uno sconosciuto e che fra noi non ci sia che un contratto;
qui non c'entra l'amore, per fortuna, è un puro piacere carnale.
La sensazione è quella di una spada arroventata che penetra nel burro ghiacciato.
E io mi sciolgo che è un piacere. Mi sciolgo dalle mie paure, mi sciolgo dai miei rancori e dalle mie ansie e...anche perchè il porco chiava come un dio, chi lo avrebbe mai detto?
E' insaziabile.
Da quanto non vede una fica?
- Ora ti voglio in bocca. Voglio spompinarti fino a fartelo scoppiare.
- Fermati un attimo. Siediti qui!
Avida imbocco quell'asta varicosa è dura, cerco d'ingoiarne più che posso mentre con la lingua fuori cerco di lappargli i coglioni; e lecco e succhio, lo ricopro con la saliva in eccesso che mi cola dalle labbra e quando sento che sta per venire mi fermo, per poi riprendere diligente il mio 'sporco lavoro '.
- Si! Ecco, ...così, brava! Lo sai? Sei tanto troia per quanto sei bella.
Ed ecco, un fremito, un altro ancora...e una sborrata stroboscopica mi tempesta il viso.
E bravo il mio Gilberto.
Un gesto enfatizzato per raccogliere alcune gocce di sperma con un dito e succhiarlo a mo' di cremino.
Una manciata di Kleenex per ripulirci.

- Allora tutto bene? Ti è piaciuto?
- Sono ancora frastornato, mi hai spremuto l'anima, sei stata fantastica. Ricordati di darmi il tuo numero, ci vedremo ancora. Posso darmi una lavata?
- Il bagno è in fondo a destra, se vuoi farti una doccia .
- Ok. Grazie.
Lo seguo per darmi una rinfrescata; sto lavandomi i denti quando me lo ritrovo dietro.
- Roberta, non posso andarmene. Voglio il tuo culo, adesso, sono venuto qui per questo.
Rimango senza parole, sgrano gli occhi.
Brandisce il cazzo ancora duro e rapace.
- Scusa la domanda...ma ti fai di Viagra ?
Brusco, mi spinge contro il lavandino e mi solleva una coscia.
- Si perchè? C'è forse qualcosa di male ?

Uno sputo sul glande per lubrificarlo e la cappella di Gilberto ha trovato un altro rifugio.
Solo un guaito di Roberta a testimoniare l'affondo.

Vota la storia:




31/07/2015 23:53

Camillo 2

Non ho letto il tuo racconto, ti chiedo scusa ma voglio postare qui questo mio commento, che non riguarda te. Grazie dell'ospitalità. --------------------------------------------Porto a conoscenza dei culattoni che bazzicano questo sito, che un CULATTONE che si firma "fede" ha messo in giro la voce che lui mi conoscerebbe, che sarei un cula come lui, che sarei sporco e balle varie; ebbene il commento di un CULA diceva che " se più persone dicono che sono un puzzone, QUALCHE VERITA' ci sarà" Lo scemo non sa che un cula, da solo può cambiando nick figurarne un'infinità, quindi se facessi anch'io così e con un nick affermassi che sua madre è una schifosa baldracca, poi con un altro che l'ho vista battere sulla tangenziale, e con un altro ancora che si accontenta di 5 euro per un pompino con l'ingoio, ebbene PER QUESTO COGLIONE qualche verità ci dovrebbe essere. MIO DIO come è variegata l'umanità c'è un Leonardo da Vinci e c'è questo ebete, c'è Dante Alighieri, c'è questo malcreato essere. Sì ZENITH E NADIR. .-.-.-.-.-

21/07/2015 15:18

adelmo

storia di fantasia ma scritta molto bene! brava!!

12/08/2015 23:05

mr. Hyde

Ottima storia, brava Lucciola, regalacene altre!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!