Una notte a Olbia da leoni

Per mia fortuna o sfortuna giro molto il mondo per lavoro, tra le varie mete mi mandarono ad Olbia, meravigliosa città dove già respirando l'aria rinasci, ristorantini meravigliosi e veramente ottimi, il mare innutile descriverlo, maestoso, azzurro con le sue spiagge una più esclusiva dell'altra, per non parlare poi delle ragazze del luogo che sembrano disegnate col pennello... Arrivai di sera in hotel, stanco e desideroso di rilassarmi, feci il solito check in come da prassi per poi avviarmi verso la desiderata camera... Avevo solo voglia di arrivare sul letto e riposarmi come si deve, mentre mi dirigevo verso l'ascensore accompagnato da una ragazza dell'hotel che mi aiutava con le valige mi stava scendendo una stanchezza di quelle che neanche due giorni di sonno profondo potevano compensarla... Oramai mancava poco prima di un bel bagno rilassante e una bella dormita rigenerativa, e propio mentre ci avvicinavamo al sesto piano un profumo inebriante invade il mio naso... Era lei, quella bellissima ragazza mora dai capelli lunghi e cotonati che mi stava accompagnado in camera e mi stava risvegliando gli ormoni, iniziai con la coda dell'occhio a guardare questo angelo caduto dal cielo dalla carnagione dorata e con quelle curve mozzafiato al punto giusto!!! Come succede spesso, mi ero già innamorato, ormai eravamo al piano e la mia mente stava già viaggiando pensando ai nostri due corpi nudi avvinghiati nelle pose più trasgressive che ci sono... Il mattino dopo riposato e rilassato, mentre facevo colazione in albergo stavo ancora pensando alla ragazza del gioro prima, mi rimase così impressa che mi facevo ancora pensieri erotici su di lei... mi immaginavo noi due imboscati nel bagno a farlo da impiedi prima contro il muro, poi lei appoggiata al lavandino e io da dietro, sentirla gemire, vederla godere, passare la mia lingua ovunque sul suo corpo, la mia testa in mezzo le sue gambe.... Solo al pensiero impazzivo, dovevo possederla anche dal vivo!!! Avevo solo sette giorni per attaccare bottone e farla mia, ma non era semplice, lei sempre molto professionale, non dava mai molta confidenza, ogni volta che ci incrociavamo a parte buongiorno e buona sera e ai sorrisoni che mi faceva non riuscivo a fare due chiacchere per poi riuscire a strappargli un appuntamento. Era diventata un'ossessione, ovunque la incrociavo in giro per l'hotel si innescavano in me pensieri sempre più trasgressivi e perversi, ormai con l'immaginazione lo avevamo già fatto in ogni angolo, poi con quella divisa fatta a gonna che mi istigava solo a vederla, la pensavo tutto il giorno al lavoro in autoreggenti e sotto niente mutandine.... Purtroppo i giorni passavano e io non riuscivo a scalfire quella corazza che mi impediva di riuscire ad entrare nella vita di quella meravigliosa ragazza che per quasi una settimana stava istigando inconsapevolmente i miei ormoni. Eravamo all'ultima notte inSardegna, ormai ero così avvilito che avevo già gettato la spugna quando dopo cena sento bussare alla porta della mia camera... Chiesi:-Chi è? Sentii:- Servizio in camera! Pensai visto che in albergo avevano 74 camere che si fossero sbagliati e andai verso la porta per spiegare che non avevo ordinato niente, quando aprii vidi lei... Simona, lei mi guardò e mi disse:- Aveva bisogno? Risposi che non avevo chiamato e lei mi disse:- Come!!! E' tutta la settimana che il suo sguardo non mi molla un attimo, visto che questa nottè è l'ultima pensavo di lasciarle un bel ricordo indelebile di Olbia... Non fece in tempo neanche di finire la frase che le saltai addosso, iniziai a baciargli tutto il collo mentre le mie mani come se fossi un polipo erano ovunque... Senza ritegno eravamo già avvinghiati uno all'altro prima in piedi contro la porta, per poi scivolare per terra e piano piano avvicinarci al letto dove passammo un'ora di passione allo stato puro... I nosti corpi ormai amalgamati trasudavano trasgressione da tutti i pori della pelle, lei instancabile e golosa come poche mi sdrenò di ogni tipo di energia vitale.... Ancora oggi a distanza di anni sento l'odore della sua pelle e quando penso a quella sera mi si agitano gli ormoni e mi torna voglia di tornare la in vacanza in quell'Albergo per incontrare nuovamente quella dea fatta a donna

Vota la storia:




29/10/2016 22:51

mirko

AHAHHAHA , ma fatti meno seghe , pirla !! Che stronzata patetica!! Mentre scrivevo questo commento mi è entrata in casa michelle hunziker! Non so come abbia avuto il mio indirizzo!! E ' tutta la settimana che la guardo a striscia e lei si è accorta di me!! ahahhahahahhahaha che comiche certi racconti!!!!!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!