• Pubblicata il:
  • Autore: Corrado
  • Pubblicata il:
  • Autore: Corrado

Una sera al prive'

Avevo voglia dì fare sesso decido dì andare al prive' entro sono le ventitré mi dice ché devo stare nudo entro nudo era tutto buio sembra un labirinto ce uno ché mi viene dietro mi viene dietro mi accarezza il culo poi cerca là mia bocca è mi baccia in bocca poi mi mette un dito dentro nel culo io all'ora allargò le gambe lui capisce ché mi piace Allora mi invita dì andare in un camerino allora mi sdraio nel lettino lui mi dice succhiallo aveva un cazzo sui ventiquattro cm là circonferenza sui venti cm con le mani mi spinge là ah ingoiarlo tutto poi mi dice ti voglio pisciare in bocca mi dice vedrai ché ti piacerà con le mani mi tiene là testa mi dice adesso bevi mia troia intanto dalla porta vedo uno ché guarda lui le fa ceno dì entrare poi chiude là porta mi dice è mio amico allora lui ah pisciare dice bevi mia troia il suo getto era molto forte né avrà fatta un litro poi lo tira fuori mi dice buona dico sì poi succhio un po'il cazzo nel frattempo l'altro mi unge il culo con una crema mi dillata il buco poi mi alza bene le gambe allargadole bene lui si cala sopra dì me disse accompagna il mio cazzo nel buco cosi feci io feci un po' dì resistenza lui mi dice rilasciati così feci mi entrò tutto nel culo mi pareva di scoppiare mi bruciava dentro lui spingeva dentro il cazzo poi ha cominciato ha pompare mi dice ché culo sarai la mia troia poi dise al suo amico leccami il culo poi pompava sempre più forte poi dice vengo mi sborava dentro nel culo poi io me né andai erano già le due dì notte

Vota la storia:




21/06/2015 19:45

Camillo 2

COMMEDIA DELL'HORROR --- ---------------------Nel mezzo del cammin della sua vita--IL CULA FEDE,IN UNA SERA OSCURA--Lui che la retta via avea smarrita--SI RITROVO' CON UNA VERGA DURA--Era una verga lunga, aspra e forte--CHE SOL A RIMEMBRARLA FA PAURA--Lui se la prese in cul, rischiando morte--MA PER TRATTAR DI QUESTI LETAMAI--Dirò dei genitor, l'amara sorte--APPENA NAQUE, PASSARONO DEI GUAI--Urla e proteste da tutto il vicinato--DICEAN E' UN MOSTRO, E' BRUTTO ASSAI--Chi è mai costui, perché l'han cagato--CRESCIUTO POI, LO POSSIAM VEDERE--E' un culatton, dal destin tarato--LAVORA E GODE, COL BUCO DEL SEDERE--E s'incazza se dici che è un malato.-------------------------------OPERA OMNIA - Dedicato a fede

21/06/2015 18:59

Camillo 2

COMMEDIA DELL'HORROR --- ---------------------Nel mezzo del cammin della sua vita--IL CULA FEDE,IN UNA SERA OSCURA--Lui che la retta via avea smarrita--SI RITROVO' CON UNA VERGA DURA--Era una verga lunga, aspra e forte--CHE SOL A RIMEMBRARLA FA PAURA--Lui se la prese in cul, rischiando morte--MA PER TRATTAR DI QUESTI LETAMAI--Dirò dei genitor, l'amara sorte--APPENA NAQUE, PASSARONO DEI GUAI--Urla e proteste da tutto il vicinato--DICEAN E' UN MOSTRO, E' BRUTTO ASSAI--Chi è mai costui, perché l'han cagato--CRESCIUTO POI, LO POSSIAM VEDERE--E' un culatton, dal destin tarato--LAVORA E GODE, COL BUCO DEL SEDERE--E s'incazza se dici che è un malato.-------------------------------OPERA OMNIA - Dedicato a fede

21/06/2015 14:23

siluro

ma impara l'italiano

18/07/2015 23:08

Camillo 2

TUTTI I CULATTONI SONO DEI MALATI Parola di Alberto Garlino e di Camillo 2.

18/06/2015 23:43

romeo

corrado, cambia spacciatore...ti conviene..........

16/06/2015 17:10

Camillo 2

Corrado quel privè è l'Eden di fede, dagli l'idirizzo sii gentile....

09/07/2015 15:46

Camillo 2

Erroneamente si è duplicato il mio poema "DANTESCO", dato che non c'è due senza tre; eccovi il 3° elemento. Parafrasi di "IL COZZO E LA MORTE" di Garcia Lorca .------- Omaggio per i CULATTONI TUTTI ------------- IL CAZZO E LA SORTE ------- O ------- -ALLE 10 DELLA SERA -ALLE 10 IN PUNTO DELLA SERA -ER FROCIO AVEA UN FAZZOLETTO BIANCO -ALLE 10 DELLA SERA -QUALCUNO DIEDE UN CALCIO ALLA PORTA -ALLE 10 DELLA SERA -IL RESTO ERA MORTE E SOLO MORTE -ALLE 10 DELLA SERA -IL VENTO ROMPEVA I COGLIONI -ALLE 10 DELLA SERA -IL FINOCCHIO MUTO E STANCO -ALLE 10 DELLA SERA -COMBATTEVA COL SUO VIZIO DEPRAVATO -ALLE 10 DELLA SERA -UNA COSCIA CON U CAZZO DESOLATO -ALLE 10 DELLA SERA -COMINCIARONO A SBATTERGLI I COGLIONI -ALLE 10 DELLA SERA -ERAN LE 10 IN PUNTO DELLA SERA -IMPERAVA IL COLOR BIANCO -ALLE 10 DELLA SERA -ERA LA CALCE NELL'AURA SMORTA -ALLE 10 DELLA SERA -GROSSI SESSI MESSAGER DI MORTE -ALLE 10 DELLA SERA -MINACCE DAI DOPPI COGLIONI -ALLE 10 DELLA SERA -PER PLACAR I VOGLIOSI NERVI -ALLE 10 DELLA SERA -UCCELLI CON SEMBIANTI DI COLOMBE -ALLE 10 DELLA SERA -E LA COSCIA URLAVA AL SOL COME UN CORNO -ALLE 10 DELLA SERA -COMINCIARON A BECCHEGGIAR SERI SERI -ALLE 10 DELLA SERA -POI LE URLA ROMPEVANO IL SILENZIO -ALLE 10 DELLA SERA -INTRUPPATO COME UN TORO IMBUFALITO -ALLE 10 DELLA SERA -E SBUFFAVA RICOPERTO DI SUDORE -ALLE 10 DELLA SERA -IL NEGRONE POSE LE UOVA NELLA FERITA -ALLE 10 DELLA SERA -ALLE 10 IN PUNTO DELLA SERA -MENTRE TESO MUGGHIAVA DALLA FRONTE -ALLE 10 DELLA SERA -E NEL CESSO VIVEVA L'AGONIA -ALLE 10 DELLA SERA -LE AVEVANO AUGURATO UNA CANCRENA -ALLE 10 DELLA SERA -L'HA TROMBATO MA S'IMPESTO' GLI INGUINI -ALLE 10 DELLA SERA -GLI ORIFIZI BRUCIAVAN COME SOLI -ALLE 10 DELLA SERA -E IL PAPPAMOLLA FRIGNAVA A CREPAPELLE -ALLE 10 DELLA SERA -AH CHE TERRIBILI 10 DELLA SERA -ERAN LE 10 IN TUTTI GLI OROLOGI -ERAN LE 10 NELL'OMBRA DEI CESSI. -------- o --------Spero piaccia anche ai cula!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!