UNA TROIA STRA-TO-SFE-RI-CA! - 1^ puntata

UNA TROIA STRA-TO-SFE-RI-CA! - 1^ puntata Ho conosciuto Miriam a Savona. Aveva 20 anni meno di me e sembrava entusiasta di tutto. Le piaceva la compagnia di quelli più vecchi, più intellettuali, però aveva due grossi difetti: era una grandissima figa e la dava via come il pane! Io mi ero separato da poco e ci sono finito a letto, come tanti altri attivisti grillini. Però son stato più imbecille, perchè l'ho invitata a trascorrere 2 settimane di vacanza con me in Francia, sul mio nuovo e fiammante camper! Quando è arrivata, son rimasto sbalordito. Rigorosamente senza reggiseno, indossava una polo rosa super-aderente, che delineava perfettamente la forma dei seni e dei capezzoli. E un paio di mini-short bianchi che lasciavano nude le gambe, ed erano così corti che si intravedevano alcuni peli sporgere dall'inguine. Aveva con sè solo un enorme borsone con il necessario per la vacanza. Vedendola così, il mio uccello era già in tiro e gonfiava i miei bermuda con l'immagine di Topo Gigio. E' salita sul camper e abbiamo iniziato il viaggio in autostrada. - Allora, sei ancora geloso? Dài piantala, lo sai che sono solo tua... Tua una cippa! Ha allungato il braccio e mi ha accarezzato i genitali. Ormai la testa di Topo Gigio era così deformata che sembrava quella di Shrek! Mi sono fermato nel primo autogrill che ho trovato. Miriam è scivolata con la lingua in giù, sempre più giù. Quasi con rabbia, ha cominciato a farmi un pompino violento, vendicativo, mi faceva un po' male, ma era ancora più eccitante. Avrei voluto dirle che stavo per venire, ma non ne avevo la forza. Tutto il mio corpo era attraversato da un piacere finora mai provato. Scopandola in bocca e spingendo in avanti l'uccello, le ho spruzzato sulle tonsille una tazzina di sborra senza zucchero. Lei non ha fatto neanche una piega. Potrei elegantemente definire Miriam... una troia stra-to-sfe-ri-ca! Le bastava succhiare, succhiare, succhiare un cazzo qualsiasi ed era contenta! Abbiamo ripreso il viaggio ed ho cercato di parlare del più e del meno: politica, sport, spettacolo... Oooh, non sapeva un cazzo di niente! Le ho chiesto cosa pensasse del buco nell'ozono e m'ha risposto che non era molto esperta di sesso anale! Dopo 2 ore, siamo arrivati a Juan les Pins (Francia). Ogni suo movimento sembrava studiato per evocare una promessa di sesso. Nonostante il condizionatore acceso, la sua polo era sudata dalle ascelle al seno e i mini-shorts odoravano di fica. Ho parcheggiato sul lungomare pensando di fare una doccia, ma lei è tornata alla carica. Mi ha abbassato bermuda e boxer e mi ha masturbato. Poi ha afferrato il pene eretto e, con forza, si è messa sopra e se l'è piantato in vagina. Se non fosse stato davvero duro e non avessi tenuto lei per i fianchi, si sarebbe sicuramente fratturato. CONTINUA

Vota la storia:




25/01/2017 16:15

massimiliano

Sara ' ....ma a me me pare na strunzata!!

24/01/2017 23:55

marcello

Un tamburo so gna to re!!

22/01/2017 16:20

giovanni

Come si intitola questo film porno? E su che sito l hai visto?

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!