• Pubblicata il:
  • Autore: RICCARDO G.
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: RICCARDO G.
  • Categoria: Racconti etero

VITA DA GIGOLO'

Non c'è mancanza di bordelli o escort per gli uomini che vogliono fare sesso, ma per quel che riguarda le donne? Cosa succede se sono loro a cercare un bel ragazzo, un boy, insomma un gigolò per soddisfare le loro voglie nascoste? Mi chiamo Riccardo (nome finto), ho 28 anni, sono laureato in Medicina e da 5 faccio il gigolò professionista (solo etero). Ho scelto di non essere rappresentato da un'agenzia e lavoro come freelance. Molte donne vogliono assumere i miei servizi, in un mese fiacco ho almeno 3-4 clienti alla settimana.  A volte basta solo un'ora: dentro, fuori, e il gioco è fatto". Altre addirittura si risolvono in un semplice accompagnamento ad una cena, un party. Altre ancora sono più complicate perchè lui vuole guardare e il cliente è in realtà una coppia. Ci sono momenti in cui mi diverto molto a fare questo lavoro, e ci sono occasioni in cui mi dico: “Che cazzo stai facendo? Sei laureato in medicina!”. E' quello che mi ripete sempre anche Melba, una delle mie clienti più affezionate. 70 anni suonati, vedova ed irrimediabilmente porca. Lei si sentiva in colpa di far sapere agli altri che voleva ancora scopare, scopare e scopare! Prima di assumere me si stava ammalando di depressione, adesso è una donna che ha ritrovato la voglia di vivere. Le due ragioni principali per cui lei preferisce stare con un gigolò è perché non vuole sputtanarsi, ne' perdere tempo con uomini che non durano molto a lungo. Anche se noleggiare un boy professionista non costa poco, Melba è più che felice di pagare.  Sono convinte che, solo in Italia, centinaia di migliaia di donne siano alla ricerca di ragazzi o uomini puliti e discreti con cui fare sesso, ed il loro business è quello di rompere i tabù associati al sesso maschile. Mogli e madri trascurate, single, professioniste, vedove, divorziate, ecc. Vengono contattate da tutte le tipologie di donne, dalle più timide alle più spregiudicate. Ovviamente non si adattano allo stereotipo della maitresse di una volta. Ormai sono felicemente sposate e felicemente mamme. Ed i loro mariti rispettano la loro attività. Dicono di avvicinarsi a 100 contatti al mese di donne che vogliono provare i loro servizi. Anche se io ho scelto di essere freelance, devo ammettere che la domanda sta crescendo e la loro agenzia ogni anno diventa sempre più importante. Le donne si trovano più a loro agio con questi servizi perchè non si sentono giudicate. E l'agenzia assicura alle donne che non c'è nulla di cui aver paura. È assolutamente naturale voler fare un buon sesso, e non c'è niente di più appagante di una sana scopata.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!