• Pubblicata il:
  • Autore: Diana
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: Diana
  • Categoria: Racconti orge

Tiro a volo

Sono passati già quattro giorni, non ho ricevuto nessuna telefonata, sono un po’ delusa, penso che questa sera uscirò, inutile aspettare, andrò a mangiare una pizza e poi magari a sentire un po’ di musica in Brera, niente di eccezionale, mi vesto in maniera assolutamente casual,: jeans, un maglioncino e ballerine, ormai ho la mano sulla maniglia della porta quando squilla il telefono, resto un attimo impietrita, poi corro al telefono :
“dove stai andando? Troia!”
“a mangiare una pizza, non mi hai più chiamato”
“Ti ho forse detto che potevi farlo?”
“beh, io pensavo…..”
“tu pensi? Cosa stai dicendo, sei solo una lurida troia e le troie non pensano, fottono”
“ma io ……..”
“cosa, cosa? Tu cosa? Adesso ti spogli e ti metti davanti alla finestra”
Appoggio il telefono su un tavolino e comincio a togliere i vestiti, poi, una volta terminato, riprendo la cornetta, apro le tende e mi metto in piedi davanti alla finestra :
“ecco così, ho voglia di guardarti, adesso metti slip e reggiseno bianchi e gli stivali, quelli che ti arrivano a mezza coscia, so che li hai”
Indosso la biancheria e poi vado nel mio ripostiglio delle scarpe e trovo subito i miei stivali bianchi alla moschettiere con tacco 10 e li indosso, poi riprendo il telefono e torno alla finestra :
“adesso prendi il soprabito ed esci, troverai una busta nella tua casella della posta, aprila e segui le istruzioni e …… sbrigati troia”
Scendo quasi di corsa, almeno per quello che mi permettono i tacchi, nella casella trovo la busta e leggo :

“alla fine della strada vai a sinistra in Foro Buonaparte, vai sempre dritto fino a Piazzale Cadorna, Lì gira a sinistra in Via Carducci e fai tutta la circonvallazione fino all’incrocio con Corso di Porta Vigentina dove girerai a destra, vai sempre dritto in Via Ripamonti, vai fino in fondo, anche quando le rotaie del tram finiscono tu prosegui diritto, come per uscire da Milano, ad un certo punto troverai sulla sinistra un’indicazione entra nella via,prosegui, arriverai ad un fabbricato,parcheggia ed entra, la porta è aperta, lì vedrai una scala, sali al primo piano, sarò lì ad aspettarti”

Seguo tutte le istruzioni alla lettera, non c’è troppo traffico, comunque ci metto un po’, arrivo in fondo alla strada la mia destinazione, ci sono altre macchine parcheggiate, noto che sono tutte più belle della mia, comunque non perdo tempo ed entro, le luci sono spente, quasi tutte, quelle poche accese mi permettono di vedere quanto basta per orientarmi, arrivo al primo piano, ci sono una decina di persone, tutte con una mascherina sul viso, alcune in piedi, altre sedute ad alcuni tavoli, una signora, non mi sembra giovanissima, mi raggiunge e mi prende per mano, facendomi avvicinare al gruppo, mi aiuta a togliere il soprabito e lo butta su una sedia, poi mi dice :
“gira su te stessa”
Lo faccio lentamente, qualcuno borbotta, non capisco cosa dice, resto ferma, in piedi, davanti a quel gruppo strano, la signora mi si avvicina e mi accarezza il corpo, mi passa le mani sul sedere, sui seni, poi mi bacia sulla bocca, un bacio vero, insinuando la lingua tra le mie labbra, rispondo al bacio, poi lei si stacca, slaccia il vestito che porta, sotto il quale vedo che è completamente nuda, avevo ragione, il suo corpo denuncia un’età decisamente maggiore di quella di mamma, però non è brutto, i seni sono forse un po’ grossi e pesanti, ma per il resto non è male, mi passa dietro e mi slaccia il reggiseno, poi, sempre da dietro, mi prende tra le mani i seni, poi mi sfila le mutandine, l’aiuto alzando i piedi uno dopo l’altro, mi accarezza il ventre senza peli, dandomi una scossa quando mi sfiora le grandi labbra, poi mi prende per mano, davanti al gruppo di persone che guardano c’è un tappeto per terra, completamente libero da mobili, mi porta su di esso e mi fa capire vuole che mi ci sdrai con lei, comincia a stringermi, baciarmi ed accarezzarmi, sono già eccitatissima, mi prende una mano e se la porta al ventre, una folta peluria lo ricopre, comunque faccio quello che vuole e comincio a masturbarla, lei, intanto, mi succhia i capezzoli, poi mi prende la testa e la porta dove prima avevo la mano, capisco cosa devo fare, le allargo la fica, ci infilo due dita a mo’ di uncino, poi con la lingua cerco la sua clito ed inizio a leccarla con veloci colpi di lingua, il sapore di una donna che strano, lei si lascia andare all’indietro sul tappeto, io ho la testa tra le sue gambe, lei ha degli spasmi sempre più forti, capisco che sta venendo, cerco di alzare la testa ma, ad un certo punto, stringe le cosce imprigionandomela, ricevo sul viso tutto il suo piacere, sono comunque stordita , non avevo mai ………… mentre però sono così bloccata sento qualcuno frugare nella mia fica rimasta esposta e, poco dopo, vengo penetrata con forza da dietro, mi sbatte con violenza, se non ci fosse l’altra donna davanti a me ad ogni colpo avanzerei sul tappeto, per fortuna i miei umori avevano già lubrificato abbastanza le pareti della mia vagina ed inoltre non era troppo grosso, solo violento, dura poco, però, esce da me dopo una decina di minuti, la donna mi lascia la testa e, prendendomi per i capelli me la fa alzare, ricevo sul viso gli schizzi di sborra dell’uomo che mi ha appena scopato, mi passo la lingua sulle labbra per far capire che apprezzo, intanto vedo che anche la donna sta succhiando un cazzo e ne sta prendendo un altro, ci è seduta sopra e il suo seno ballonzola ad ogni colpo, mi sento tirare per i capelli, mi ritrovo in ginocchio con davanti due uccelli da succhiare, non me lo faccio ripetere, comincio dalle palle e poi risalgo sulle aste, li ho impugnati tutti e due, e, mentre li lecco faccio una sega a tutti e due, mi ci impegno proprio, mi piace tenere in mano quei due cazzi che crescono e si gonfiano, le due cappelle diventano quasi viola e poi spargono il loro seme dirigendolo verso la mia bocca, ne ricevo la maggior parte in gola, bianco, denso e….bollente


Un uomo si sdraia sul tappeto vicino a me portandomi a cavalcarlo, ha un cazzo che reputo “normale”, comunque, lo aiuto ad infilarsi nella mia fica e poi comincio anch’io a ballonzolargli sulla pancia, è una posizione che a noi donne piace perché sentiamo “meglio” più “profondamente” la penetrazione, bastano cinque minuti, perché si scarichi dentro di me, intanto, guardandomi intorno vedo che tutti quanti, in un modo o in un altro stanno scopando, poi noto che il gruppo si sta facendo sempre più “unito”, sono ancora ginocchioni sul tappeto quando sento una mano sulla schiena che mi spinge verso il basso e poi una lingua che mi lecca il buchino posteriore, poi un dito lo penetra con movimento rotatorio, poi sento due dita, poi tre, adesso è la punta di un cazzo che vi si appoggia, questo non è “normale” è grande, mi fa un po’ male, i nervi delle mie gambe tremano mentre mi penetra, le mani dell’uomo sui miei fianchi mi danno il ritmo dell’amplesso, intanto una donna diversa da quella di prima mi lecca il viso assaporando la sborra che i suoi amici ci hanno lasciato, estraggo la lingua per cercare la sua e cominciamo a baciarci, anche lei ha qualcuno dietro, però è un'altra donna, non capisco cosa stia facendo, sembra la stia scopando ma non capisco ……..allungo una mano andando a toccare il basso ventre della donna che mi sta baciando e comprendo che l’altra dietro di lei ha una specie di dildo sufficientemente lungo da penetrarsi e penetrare nel contempo l’altra, praticamente si stanno scopando, inoltre dietro di lei c’è un uomo che la sta inculando, mamma mia che casino.
Cerco di contare esattamente quanti siamo, sette uomini e quattro donne compresa me, chissà quale degli uomini è il mio dirimpettaio, comunque, prima della fine della serata, tutti, uomini e donne godono del mio corpo, la mia fica riceve i cazzi di tutti i presenti, oltre a vibratori e dildo di dimensioni diverse, la stessa cosa accade al mio sederino , la mia gola, poi …….. Penso di aver “bevuto” litri di sperma, vengo scopata, inculata, strizzata, sculacciata, ed alla fine, su noi donne, sdraiate sul tappeto come una croce, con le teste vicine, tutti gli uomini, insieme, hanno scaricati la loro sborra.
Quando mi sveglio la prima luce filtra dalle finestre, sono sul tappeto, ho sperma dappertutto, sul mio corpo e dentro di me, mi fa male dappertutto, trovo un bagno e cerco di riparare i danni per quanto possibile, recupero il mio soprabito e la mia biancheria, la metto in tasca, mi stringo la cintura in vita e raggiungo la mia auto, ormai l’unica rimasta, resto seduta con le mani sul volante cercando di fermarne il tremore; non ho ancora ventidue anni e sono già obbligata, per godere, a cercare situazioni particolari, forse dovrei andare da un medico, forse ho bisogno di aiuto, ma no, non credo di avere nulla di sbagliato, mi piace solo il sesso, ma non quello “normale” o almeno, quello che è normale per molti non lo è per altri, quindi ……………….

Vota la storia:




09/07/2015 09:28

Camillo 2

Scusa Diana se posto qui la mia "opera" lo faccio per RINNOVARE A FEDE E A TUTTI I CULATTONI il loro amaro destino. Grazie dell'ospitalità:------COMMEDIA DELL'HORROR --- ---------------------Nel mezzo del cammin della sua vita--IL CULA FEDE,IN UNA SERA OSCURA--Lui che la retta via avea smarrita--SI RITROVO' CON UNA VERGA DURA--Era una verga lunga, aspra e forte--CHE SOL A RIMEMBRARLA FA PAURA--Lui se la prese in cul, rischiando morte--MA PER TRATTAR DI QUESTI LETAMAI--Dirò dei genitor, l'amara sorte--APPENA NAQUE, PASSARONO DEI GUAI--Urla e proteste da tutto il vicinato--DICEAN E' UN MOSTRO, E' BRUTTO ASSAI--Chi è mai costui, perché l'han cagato--CRESCIUTO POI, LO POSSIAM VEDERE--E' un culatton, dal destin tarato--LAVORA E GODE, COL BUCO DEL SEDERE--E s'incazza se dici che è un malato.-------------------------------OPERA OMNIA - Dedicato a fede & company

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!